Health

Inventano un gel anti-infezioni per la chirurgia ortopedica e guadagnano 2 milioni di euro all’anno

Dalla startup Novagenit la soluzione alle infezioni post-operatorie, che ogni anno costano ai sistemi sanitari nazionali europei 800 milioni di euro.

Il sistema sanitario italiano è caratterizzato da una serie di problematiche che ne riducono portata e valore gravando sui contribuenti, ma questo non dipende sempre da sprechi e inefficienze di cui tutti siamo un po’ consapevoli. Semplicemente la sanità costa e per dare adeguata assistenza sanitaria a tutti una strada da percorrere è quella dell’innovazione tecnologica, come ha deciso di fare una piccola azienda trentina, la Novagenit, che ha inventato un metodo unico per ridurre i costi post-operatori e migliorare la qualità di vita dei pazienti.

Novagenit_DACidrogel

Individuare un problema (e risolverlo)

Alla Novagenit di Trento sono partiti da un problema diffuso: in ambito ortopedico i pazienti che subiscono un intervento chirurgico devono spesso affrontare un’infezione post-operatoria e talvolta un secondo intervento. Una percentuale che arriva al 30% per i pazienti a rischio, come diabetici e pazienti oncologici. I trentini sono quindi approdati a una soluzione: un idrogel a base di acido ialuronico, che si applica sulla protesi al momento dell’impianto e che con precisione veicola gli antibiotici nel sito d’interesse, formando una barriera contro i batteri.

Questo idrogel si chiama DAC e lo ha creato il team di Novagenit, startup trentina che dal 2005 lavora nell’ambito dei dispositivi medici innovativi.

DAC (Defensive Antibacterial Coating) ha visto la luce nel Business Innovation Centre di Mezzolombardo, dopo tre anni di studi in collaborazione con 11 partner europei tra centri di ricerca, aziende e università e un investimento di circa quattro milioni di euro nel progetto IDAC (per il 75% finanziato dalla Commissione Europea, all’interno della ricerca scientifica del 7° programma quadro). La stessa Provincia Autonoma di Trento, con un occhio di riguardo per le attività di ricerca e sviluppo, ha finanziato con due milioni di euro le attività di ricerca di Novagenit.

Ridurre i costi per il sistema sanitario

Oltre che per i pazienti, le infezioni post-operatorie e quello che comportano (pesanti terapie antibiotiche, degenza) nella Comunità Europea sono un dolore anche per i sistemi sanitari nazionali, che in base alle stime vi spendono ogni anno, solo in ambito ortopedico, oltre 800 milioni di euro. Se un’operazione all’anca costa in media 9mila euro, la cifra in caso di infezioni lievita anche di tre, quattro volte.

Novagenit_camera bianca

Un terapia tutta nuova

“Così il nostro team ha iniziato ad ampliarsi”, racconta Cremascoli, che lavora fianco a fianco con il fratello Davide Cremascoli, il direttore operativo Ioachim Meraner e il chimico Davide Bellini, direttore della ricerca scientifica. “Normalmente per gli interventi si usa una terapia antibiotica generica, che viene rilasciata nel sangue. DAC invece viene ‘caricato’ con uno o più antibiotici specifici, e protegge la protesi dai batteri in modo molto più efficace, in loco”. L’effetto è praticamente immediato, e nei giorni dopo l’intervento l’idrogel viene degradato e continua a rilasciare l’antibiotico, dando agli anticorpi il tempo di avviare la risposta fisiologica. E proteggendo, nel frattempo, il paziente dalle infezioni.

Novagenit_DAC_macro

A beneficiare di più dell’utilizzo di DAC sono i pazienti immunodepressi, quelli al loro secondo intervento, diabetici, sotto chemioterapia per un tumore osseo, oppure chi ha abusato di tabacco e alcol”, spiega Cremascoli.

Se normalmente le percentuali di infezione sono basse, nel loro caso l’organismo è molto meno attivo nel difendersi dai batteri.

Uno strumento di questo tipo potrebbe trovare ampio impiego anche in ambiti come l’odontoiatria e la veterinaria, dove le infezioni sono estremamente comuni, e per interventi come l’applicazione di pacemaker.

Il finanziamento di Horizon 2020

Mentre si chiude il primo trial clinico, i cui dati preliminari confermano l’efficacia di DAC, anche l’Unione Europea ha creduto in Novagenit premiandola con un finanziamento SME Instrument nell’ambito del programma Horizon 2020.

Un sostegno economico che andrà a coprire la ricerca per il nuovo progetto dell’azienda, Adhesion. “Ora lavoreremo su un dispositivo medico per prevenire l’insorgenza di adesioni, dei fenomeni chirurgici di cicatrizzazione molto diffusi, che si verificano quando il nostro corpo reagisce a un elemento estraneo”, spiega Cremascoli. “Le donne che hanno partorito con il cesareo conoscono bene questo problema, che oggi si può alleviare solo con manipolazioni molto energiche o un intervento, senza garanzia di successo”.

aDSC_0034 - Copia

Novagenit, che al momento conta 12 dipendenti e un giro d’affari annuo di due milioni di euro, non si ferma e continua a guardare avanti per ritagliarsi la sua fetta di mercato: se oggi una confezione di DAC costa all’ospedale 500 euro, l’obiettivo è arrivare ad almeno 50.

Una riduzione che richiede il passaggio a un processo di produzione industrializzato, ed è per questo che l’azienda sta pensando a espandersi ulteriormente nel BIC di Mezzolombardo, dove Trentino Sviluppo insedia le “sue” aziende con un contributo su affitto e servizi. Il core business di Novagenit, a fianco del nuovo progetto Adhesion, rimarrà comunque lo stesso: dispositivi medici innovativi, in grado di stimolare e favorire la rigenerazione dei tessuti grazie alla sinergia tra biomateriali riassorbibili e cellule, per ricostruire ossa e cartilagine.

@Eleonoraseeing

Ti potrebbe interessare anche

1994: Bill Gates, un CD-ROM e una foresta (storia di una foto)

Nel 1994 venne pubblicata questa foto con Bill Gates, sorridente, su un albero mentre mostra un CD. Ecco come un’immagine di tecno-archeologia può raccontarci una radice del nostro pensiero tecnologico.

Abbandonare tutto per creare un orfanotrofio in Kenya. La storia (bella) di Torsten Kremser

La storia è quella di un giovane tedesco che, grazie alla sua organizzazione umanitaria – Cheap Impact – ha sostenuto la costruzione del Korando Educational Center. La struttura, che utilizza tecnologie sostenibili, ospita 205 bambini e offre un rifugio anche ai piccoli maltrattati.

Accesa (in Marocco) la centrale solare più grande del mondo

Muhammad VI, Re del Marocco, ha acceso la prima sezione della centrale solare più grande del mondo. Sarà completata nel 2018 per dare energia a un milione di case. Tutto nel luogo dove sono stati girati “Games Of Thrones”, “La Mummia” e “Il Gladiatore”.

Arrivano dal Giappone gli occhiali che proteggono la nostra privacy (rendendoci invisibili)

Creati dal National Institute of Informatics nipponico, nascono per contrastare le tecnologie per il riconoscimento facciale. Grazie a delle lenti speciali non consentono alle fotocamere di mettere a fuoco il volto. Si chiamano Privacy Visor e saranno in commercio da giugno.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti