Droni

Evoluzioni e battaglie: 5 video (mozzafiato) sulle gare tra droni

Spesso sono clandestine. Altre volte organizzate per registrare video spettacolari che diventano virali. Sono le gare tra droni che negli ultimi mesi stanno spopolando in rete. E alcuni piloti sono già delle star.

Gare mozzafiato che coinvolgono i droni. Alcune clandestine, alcune legali. Un fenomeno, spettacolare e coinvolgente, ormai in ascesa sul web. Basterebbe fare una piccola ricerca su Youtube o Vimeo per trovare centinaia di video che ne danno testimonianza. Evoluzioni pazzesche, a mezz’aria. Rincorse e sorpassi come fossero veri GP dell’aria. Ne abbiamo selezionato cinque. E sono davvero mozzafiato.

DRONE-MULTIROTOR-FPV-RACER

Charpu, un vero maestro della guida spericolata

Il suo nome ormai è quasi leggenda. Uno dei più spettacolari piloti del mondo. Sponsorizzato da Luminier, è ormai diventato un professionista del settore. Ha un canale youtube dove pubblica tutte le sue manovre azzardate e a folle velocità.

Aerial Sports League

Aerial Sports League organizza con grande frequenza questo tipo di competizioni. La sua “pista” si trova in California, a Oakland. Sono appuntamenti fatti con il proposito di creare video unici, capaci di elettrizzare il pubblico del web. Intrattenimento puro con vere scariche di adrenalina.

MultiGP, Lo schermo si fa in 4

Multi Gp dà la possibilità di seguire quattro droni contemporaneamente. I video, che vengono caricati online, suddividono lo schermo per mettere a confronto diversi stili di guida e diversi momenti di una gara. Qui sotto vi mostriamo  quella girata in un aeroporto in Florida.

RacingFPV, le gare al chiuso chiuso 

I droni di piccola e media misura possono anche gareggiare in vere “arene”. Luoghi adibiti a questo tipo di competizioni, spesso abbandonati e isolati. Qui ci troviamo in Ontario, in Canada.

Gli incidenti (tanti) nelle gare tra droni

Guidare i droni a folle velocità significa spesso perderne il controllo. Gli incidenti sono all’ordine del giorno, alcuni banali, alcuni divertenti, altri spettacolari. Questo video ne riporta un bel po’. Una vera crash session.

Ti potrebbe interessare anche

Droni e car sharing: nel 2020 faremo a meno dell’auto di proprietà| Jeremy Rifkin #4

Il car sharing è in grado di eliminare l’80% dei veicoli attualmente in circolazione e fornire servizi di mobilità uguali o addirittura migliori a un costo inferiore. Ecco il futuro dei trasporti. Il resto? Auto elettriche o a idrogeno.

I droni hanno imparato a schivare gli oggetti (grazie a un software del MIT)

I laboratori del MIT hanno pubblicato due video in cui mostrano come, grazie ad alcuni software, i droni saranno in grado di riconoscere ed evitare gli ostacoli. Una tecnologia che potrebbe fare la differenza durante operazioni di ricerca e salvataggio.

L’annuncio di Zuckerberg: «Aquila è pronto. Porterà internet a 4 miliardi di persone»

Il creatore di facebook rivela che Aquila, in soli 14 mesi, è stato costruito. Si tratta del drone, con l’apertura alare di un Boeing 747, sviluppato per una missione speciale: portare internet in ogni angolo del pianeta.

Nel 2025 un drone europeo per raccogliere i big data (ecco chi lo costruirà)

Italia, Germania e Francia siglano un accordo per sviluppare, entro il 2025, un drone europeo (categoria MALE) capace di raccogliere dati e informazioni per l’Unione Europea.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti