Medtech

L’israeliana uMoove cattura i movimenti oculari e secondo Forbes cambierà il mondo

La startup israeliana fondata da Yitzi Kempinski nel 2010 ha prodotto nel 2014 il primo gioco basato sul movimento oculare e oggi si prepara a conquistare il mercato della diagnostica medica con i suoi dispositivi di eye-tracking

Forbes l’ha definita come una delle 10 “health tech” companies che cambieranno il mondo: si chiama uMoove ed è una startup israeliana fondata nel 2010, che commercia app per trasformare un semplice smartphone in un dispositivo di eye-tracking. Grazie a una serie di algoritmi, uMoove è in grado di catturare e analizzare i nostri movimenti oculari.

umoove-founders-668x288
Le applicazioni di questa tecnologia sono molte, ed essa è attualmente concessa in licenza a decine di produttori di hardware e software per giochi, sistemi di pubblicità, applicazioni di realtà aumentata wearable. Al momento, secondo quanto si apprende dal loro sito web, sarebbero una ventina i brevetti depositati.
All’inizio del 2014 uMoove ha lanciato il primo gioco su App Store, che consente ai giocatori di controllare i loro movimenti muovendo semplicemente la testa. In altre parole l’avatar si dirige dove l’utente in quel momento sta guardando. Secondo quanto raccontato dal giornale GeekTime nel gennaio 2014, uMoove avrebbe usufruito di un finanziamento di un milione di dollari.

La tecnologia di Umoove al servizio della medicina

La tecnologia di Umoove si basa su due pacchetti di sviluppo, quelli che vengono comunemente definiti SDK (Software Development Kit): FaceSDK e EyeMovementSDK, entrambi disponibili sia per iOS che per Android. FaceSDK è aperto per gli sviluppatori che stanno cercando di integrare il face-tracking in applicazioni nuove o esistenti mediante un processo plug and play. EyeMovementSDK è invece in fase beta ed è aperto alla collaborazione con possibili nuovi partner.

Eye tech background

La frontiera più interessante per il prossimo futuro agli occhi della compagnia israeliana è però quella delle nuove applicazioni mediche ed è per questo che nel gennaio 2015 uMoove ha lanciato la prima training-app per testare il livello di attenzione dell’utente, basata sull’ eye-tracking. Ma la sfida è ancora maggiore.
Deficit dell’attenzione e iperattività, commozioni cerebrali, ictus, autismo e morbo di Parkinson, solo per fare qualche esempio, sono tutte patologie per le quali l’analisi dei movimenti oculari può dirci qualcosa a livello di diagnosi. E si sa che quello dell’e-health è uno dei mercati più fecondi per lo sviluppo di nuove tecnologie.

In questa direzione, l’idea di Yitzi Kempinski, il fondatore di uMoove, è che senza hardware aggiuntivi qualsiasi cellulare possa diventare un dispositivo medico avanzato per diagnosticare e monitorare l’attività del cervello.
L’obiettivo di uMoove per il futuro è quello di utilizzare questa tecnologia per la diagnosi di malattie neurologiche, anche se questo passo in avanti dipenderà dagli esiti dei test clinici e dall’approvazione della FDA.

@CristinaDaRold

Un Commento a “L’israeliana uMoove cattura i movimenti oculari e secondo Forbes cambierà il mondo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Arriva DOTT: niente più animali smarriti grazie ad una medaglietta tecnologica

Se il cane smarrito passa vicino a una qualsiasi persona che abbia la app installata sul proprio smartphone, viene geolocalizzato e una notifica comunica la sua ultima posizione, memorizzata e segnalata su una mappa.

Bio-on: a Bologna nasce la plastica green per i giocattoli, biodegradabile al 100%

I laboratori bolognesi di Marco Astorri e del suo team hanno realizzato un nuovo tipo di bio plastica, progettata per i giocattoli del futuro. Ecco come rispettare l’ambiente senza rinunciare ad estetica e funzionalità.

EnChroma, gli occhiali che restituiscono i colori a chi soffre di daltonismo

EnChroma è una startup californiana che produce occhiali e lenti per daltonici (300 milioni di persone nel mondo): «Riuscite a immaginare una vita grigia e spenta? Noi lavoriamo per far sì che tutti possano condividere l’esperienza di vivere i colori nel loro insieme».

Enel trasformerà 23 centrali dismesse in centri d’eccellenza per la cittadinanza

È partito da Alessandria il progetto di Enel (Futur-e) per convertire 23 centrali dismesse in poli innovativi al servizio dei cittadini. In Piemonte sono stati premiati tre progetti: un impianto sportivo futuristico; un polo agricolo d’eccellenza; un centro di ricerca oncologico d’avanguardia.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup