Makers

Dall’idea di un gruppo di universitari arriva PocketScan, lo scanner wi-fi che sta in una mano

Dal foglio di carta a excel, word, jpeg e altri formati in un solo passaggio grazie allo scanner portatile. Ecco il nuovo dispositivo realizzato da una spin off universitaria, Dacuda, che vende in 50 paesi (e che ha fatto furore su kickstarter)

Ci sono dei momenti in cui desidereremmo con tutti noi stessi che quel foglio di carta che giace sul nostro tavolo pieno di lettere e numeri si trasferisse come per magia nel nostro pc, e che lo potessimo editare a nostro piacimento, modificarne le tabelle, le immagini. Da oggi è possibile, grazie a un mini scanner wifi grande come un timbro da ufficio, che sta in una mano e che ha letteralmente sbancato Kickstarter.

pocketscan

Lanciato sulla piattaforma di crowdfunding nel giugno del 2014, PocketScan, così si chiama la startup, è riuscito a raggiungere l’obiettivo in sole 10 ore, e in poco più di un mese hanno ottenuto un finanziamento pari al 1000% di quello che i fondatori avevano previsto. In un anno sono stati venduti ben 5000 PocketScan in oltre 50 paesi. Numeri da record per uno strumento che potrebbe da qui a qualche anno essere un must sulle nostre scrivanie.

Come funziona?

Il funzionamento è quello di un normale scanner wifi: è dotato di tecnologia bluetooth, batteria al litio, camera ad alta risoluzione, funziona sia su Windows che su Mac, su Android, Windows Phone e iOS. Ma la vera rivoluzione sono i formati output: PDF, DOC, XLS, TXT, JPG o PNG. In pratica la maggior parte dei formati che si possono editare. PocketScan inoltre rivela anche la lingua in cui il testo è redatto.

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/-dQfja4_JTc”]

 

L’idea da una spin off universitaria

Ad avere l’idea è stata Dacuda, una startup spinoff del Politecnico di Zurigo, fondata nel 2009 da un gruppo di studenti del Politecnico, del MIT, del Politecnico di Monaco e dell’Università di San Gallo. Obiettivo: rivoluzionare il modo di scannerizzare (scansionare), i documenti. “We believe that cameras are the gateway between physical and digital world” si legge nel loro sito web. Già nel 2011 era stato realizzato il primo mouse scanner al mondo, e oggi arriva PocketScan, che si basa sulla tecnologia wifi.

pocketscan_new

Dacuda ha la sua sede principale in Svizzera, nella ricca Zurigo, ma ha uffici anche a Palo Alto, in California e a Shanghai. E proprio da quest’anno, fra i membri dello Strategic Advisory Board vi è anche un italiano, il giovane ingegnere Davide Scaramuzza, oggi Direttore del gruppo di Robotica e Percezione al Politecnico di Zurigo, e con un CV alle spalle degno di nota.

Questa tecnologia innovativa ha decisamente bruciato le tappe e a quanto si apprende, i fondatori hanno deciso di fare il passo successivo e lanciare PocketScan nei mercati di tutto il mondo. Costo, si legge sul loro sito web: 149 dollari.

@CristinaDaRold

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup