Social Innovation

Tutti i numeri dell’azienda pugliese che monitora i treni AV del mondo | Infografica

In molti hanno applaudito alla notizia della collaborazione tra l’azienda pugliese MERMEC e la JrWest che gestisce gli Shinkasen (treni AV) nipponici. Ma è solo l’ultimo traguardo per una realtà che, partita da Monopoli, registra numeri incredibili in tutto il mondo.

Shinkasen, la rete ferroviaria ad alta velocità del Giappone, è stata inaugurata nel 1964 e da allora ha rappresentato un modello di efficienza e sviluppo per molti altri Paesi. Due soli incidenti, senza feriti o morti, in oltre cinquant’anni di storia e una serie di garanzie, raramente smentite, per i passeggeri: frequenza ed efficienza, puntualità e quiete, innovazione e comfort.

Un successo totalmente “made in Japan” visto che, fino a pochi giorni fa, nessuna azienda estera era stata chiamata a contribuire allo sviluppo di questa rete ferroviaria innovativa. Fino a pochi giorni fa, per l’appunto. Fino all’arrivo di un’azienda italiana che, partita dalla Puglia, oggi è arrivata a monitorare buona parte delle linee ad alta velocità del nostro pianeta.

Shinkansen II

La MERMEC, azienda di  Monopoli, è leader mondiale nella fornitura di soluzioni integrate per la diagnostica e la gestione delle infrastrutture ferroviarie. Una realtà che ha vinto premi su premi grazie alle proprie innovazioni e a cui sono state affidate alcune delle principali arterie ferroviarie e metropolitane del mondo. Da Londra a Melbourne, passando per Shanghai e Seul.

Queste due eccellenze hanno appena siglato un accordo di collaborazione destinato a segnare un punto di svolta nel settore. La West Japan Railway Company si servirà dei sistemi di misura dell’azienda pugliese per i propri treni ad alta velocità. L’importo della commessa si aggira intorno ai 10 milioni di euro ma “potrebbe salire fino a 50 milioni”. I sistemi ispezioneranno oltre 5.000 km di linee ferroviarie, con un particolare interesse per quelle caratterizzate dall’alta velocità.

Si tratta di un altro traguardo per una delle aziende più floride del mezzogiorno italiano, uno degli esempi che meglio rispondono alle ultime analisi, cupe e devastanti, elaborate dal rapporto Svimez (su Che Futuro potete leggere analisi e reazioni).

mermec-numeri_1438604704633

La diffusione nel mondo di MERMEC

La MERMEC è stata fondata nel 1988 come società per azioni. Nel 2008 ha completato una serie di acquisizioni in Italia (Tecnogramma), negli Stati Uniti (Imagemap) e in Francia (Inno-Tech) diventando una vera multinazionale con uffici operativi in moltissimi Paesi. Attualmente, come visibile da questa info-mappa, consta di 8 partecipate e oltre 450 lavoratori altamente specializzati:

untitled-infographic_1438607874334

L’azienda fa parte della holding Angelo Investments, creata dall’imprenditore pugliese Vito Pertosa: include la Sitael S.p.A. (aerospazio) e la Blackshape S.p.A. (aeronautico). Può vantare oltre 60 diversi sistemi di misura in portafoglio, tutti perfettamente integrabili fra loro. Ben 10 dei 12 treni diagnostici ad alta velocità attualmente circolanti nel mondo in Cina, Corea del Sud, Francia, Italia, Spagna, Taiwan, Turchia sono stati equipaggiati con la tecnologia MERMEC. Innovazioni che permettono di effettuare misure dell’infrastruttura alla velocità di 400 km/h.

La piattaforma RAMSYS

RAMSYS, invece, è il sistema elaborato dal gruppo per la gestione e monitoraggio dei big data. Un dei molti servizi garantiti dalla MERMEC. Un’unica soluzione integrata per la gestione di tutti i dati e i parametri relativi alla manutenzione dell’infrastruttura (asset, difetti, storico delle attività, misurazioni ecc.), per supportare la manutenzione e la pianificazione e controllo degli interventi di rinnovo.

Ramsys in cifre: 13 clienti in 9 Paesi nel mondo. Più di 600 licenze utente vendute. Più di 80.000 km di tratta ferroviaria gestiti. Più di 20.000 veicoli ferroviari gestiti.

È stato messo a punto sulla base delle idee e delle conoscenze tecniche acquisite, non solo con la lunga esperienza di MERMEC nella diagnostica ferroviaria e nelle applicazioni per la pianificazione ed analisi, ma anche grazie ai progetti portati a termine con diverse ferrovie, Università e centri di ricerca di tutto il pianeta.

@ilmercurio85

Ti potrebbe interessare anche

A proposito di neutrini, fisica e futuro: un team del Politecnico di Bari premiato da Zuckerberg in California

Il team pugliese ha partecipato con successo all’esperimento “Tokai to Kamioka” (T2K) in Giappone, vincendo il prestigioso Breaktrhough Prize for Fundamental Physics.

Dr-Jack, il device italiano che ti salva la vita (e non si scarica mai)

Si alimenta con il jack per le cuffie, comunica agli altri come aiutarti in casi di emergenza e ti ricorda se hai messo in borsa le medicine. Sviluppato dal FabLab Catania ora vuole conquistare il mondo con una campagna Crowdfunding

È realizzata da un architetto italiano la prima casa solare galleggiante (autosufficiente)

Giancarlo Zema ha ideato una struttura ecosostenibile, utilizzando materiali riciclati e riciclabili. Completamente autosufficiente, grazie a dei pannelli fotovoltaici posizionati sul tetto, WaterNest 100 si adatta ad ogni esigenza e vuole rappresentare il modello abitativo del futuro.

Momo, il robodomestico low-cost (tutto italiano) dotato di “buon senso”

Aiutare l’evoluzione umana con i “robodomestici”. Ecco la mission di Momo e di Morpheos, la startup siciliana lanciata da Digital Magics. Qui l’intervista a Edoardo Scarso, uno dei fondatori.

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»