Social Innovation

WalkCar, il “tablet” elettrico che entra in uno zaino (e cambierà il modo di spostarsi in città)

Per Kuniako Sato, il 26enne che lo ha creato, si tratta del «veicolo elettrico più piccolo del mondo». Grande come un tablet (sta comodamente dentro uno zaino) WalkCar permette di viaggiare in città alla velocità di 10 km/h per un totale di 12 km.

In Giappone hanno inventato una sorta di “tablet” che permette di spostarsi in città senza fare nessuna fatica. Si chiama WalkCar e, per gli ingegneri che l’hanno sviluppato, potrebbe essere una soluzione ideale per risolvere i problemi di mobilità che hanno grandi città come Tokyo.

WalkCar è un mezzo di locomozione piccolo ed efficace, facile da guidare e da trasportare (sta comodamente all’interno di uno zaino). Un gioiello hi tech che potrà essere acquistato a partire dalla prossima primavera. Almeno per chi se lo può permettere visto che il costo si aggirerebbe intorno ai 700 dollari. Siete curiosi? Ecco il video che mostra tutte le sue qualità:

Le caratteristiche di WalkCar

Si tratta di un sottile “tablet” in alluminio dotato di quattro ruote che sono controllate da un motore elettrico. Questo sistema rende possibile l’attraversamento di cordoli e dislivelli, leggere pendenze e, in generale, paesaggi urbani. Pesa poco meno di 3 kg per una superficie di circa 30×40 cm. È alimentato da batterie in litio che permettono di percorrere circa 12 km alla velocità di 10 km/h. Anche i tempi di ricarica sono abbastanza contenuti: appena tre ore per riavere il mezzo al massimo della sua efficienza.

walkcar-1

Come funziona WalkCar

«Bisogna solo salire su WalkCar per farlo muovere. In pochissimo tempo s’impara a sterzare, curvare e controllare la velocità. Basta spostare il peso (che non deve essere superiore ai 120 kg, ndr) a destra e sinistra. Bilanciamento ed equilibrio sono le parole magiche per usarlo al meglio» dice Kuniako Sato, il ventiseienne fondatore di Cocoa Motors, l’azienda nipponica che lo ha sviluppato: «Ho terminato il prototipo mentre mi occupavo di sistemi di controllo per auto elettriche. È stato un amico a spingermi a farlo. A breve sarà disponibile su Kickstarter».

walk-car_070815_01

Un mezzo da portare nello zaino

Probabilmente l’innovazione più importante di WalkCar risiede proprio nella sua dimensione ridotta. A differenza infatti di mezzi come Segway Winglet (il robot-scooter della Toyota), questa piccola invenzione permette di eliminare tutte le difficoltà relative al parcheggio e al traffico che i mezzi di trasporto, tradizionali e no, tutt’ora devono affrontare.

Questa sorta di tablet, infine, si arresta immediatamente in caso di discesa dell’utente. Uno stratagemma che garantisce una maggiore sicurezza per chi “guida” ma anche per chi si trova tutt’intorno: «Siamo orgogliosi di averlo fatto qui in Giappone. Possiamo dire che, ad oggi, WalkCar è il veicolo elettrico più piccolo e funzionale del mondo». Ora non resta che vedere se sarà realmente in grado di ritagliarsi un ruolo da protagonista nelle città del prossimo futuro.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti