APP

Un algoritmo per vincere. Da una spin-off del Polimi, l’app che prevede le mosse dell’avversario

Un virtual coach made in Italy analizza le mosse dei giocatori di pallavolo in tempo reale. Simula tattiche e strategie, analizza i dati dei giocatori e aiuta a prevedere le mosse dell’avversario. L’app è già in uso presso la Nazionale Maschile Slovena.

Un algoritmo che analizza le mosse dei giocatori di pallavolo in tempo reale, simula scenari di gioco, analizza stato e rendimento dei propri campioni e aiuta a prevedere le mosse dell’avversario. Il sogno di allenatori e sportivi oggi è una realtà made in Italy. Per ora riservata alla pallavolo.

Staff nazionale Slovenia

Chi è nato negli anni Ottanta ricorderà di certo Mila e Shiro, due cuori nella pallavolo, il cartone animato giapponese che appassionò schiere di ragazzine al mondo della pallavolo. Nella tredicesima puntata (minuto 11.40) un’incredula Mila scopre che la squadra avversaria, le famose Sunlight Players, utilizza un enorme sistema computerizzato con il quale monitora costantemente le performance delle giocatrici. Un sistema che rende le Sunlight imbattibili. Ora questa primitiva tecnologia che aveva stupito i trentenni non solo è realtà, ma sta in una mano, una tecnologia innovativa che non viene dal Giappone, bensì da un lavoro di squadra – è il caso di dirlo – fra Italia e Slovenia.

logo SeTTEX
Si chiama SeTTEX ed è una app innovativa per sistemi Android, utilizzata dallo staff tecnico della Nazionale Maschile della Slovenia, allenata da Andrea Giani. Questo innovativo virtual coach è stato utilizzato per la prima volta durante la partita Turchia-Slovenia di European League, e forse non è un caso che la app sia utilizzata proprio da Giani, uno dei pallavolisti più versatili al mondo, prima centrale, poi opposto e anche schiacciatore laterale.

SeTTEX Screenshot1

Si tratta di un algoritmo di analisi statistiche per la pallavolo sviluppato da Moxoff, uno spin-off del Politecnico di Milano formato da ingegneri specializzati nello sviluppo e nell’applicazione di modelli e algoritmi matematici innovativi, per lo studio della tecnica individuale e per analizzare la tattica di gioco avversaria.
Si può interfacciare con i sistemi tradizionali di scouting e fornire all’utente le stesse funzioni per analizzare in tempo reale il gioco avversario, per ricevere segnalazioni di scostamenti rispetto allo storico studiato in precedenza o evidenza di comportamenti dominanti nella partita in corso.

Giani

L’idea è nata in seguito alla sperimentazione condotta con la Nazionale Italiana Maschile di Pallavolo e alcuni importanti club come BluVolley Verona e AgilVolley Novara.

La tecnologia si basa su un sistema di rilevazione touch, che riproduce quello che succede in campo, come se i giocatori si muovessero all’interno di un videogioco. I dati si inseriscono tracciando semplicemente sullo schermo i punti in cui viene toccata la palla nel campo degli avversari.

SeTTEX

La app permette di rilevare le mosse dei giocatori, confrontare il gioco atteso con quello reale. Oltre ad avere sott’occhio i dati di ogni specifico giocatore, come prestazioni e partite giocate.
Ma c’è di più: SeTTEX è anche un simulatore di scenari di gioco: sulla base delle tattiche che i giocatori stanno utilizzando in campo, prevede quali potrebbero essere le scelte più efficaci per contrastare il gioco avversario.
Una app che può essere usata sia dai giocatori e dagli allenatori, ma anche dal pubblico, dagli appassionati, durante il match.

SeTTEX Screenshot3

“Durante una partita deve essere immediato il feedback che si dà al giocatore, poche informazioni e molto precise” dichiara Andrea Giani, coach della nazionale slovena e del BluVolley Verona. “Secondo me, il risultato ottenuto è una sintesi perfetta di quello che un allenatore vuole far vedere ai propri giocatori.”

@CristinaDaRold

Perché i venture investono ancora poco sulle startup bitcoin (e blockchain)

Più di 300 milioni di investimenti su startup bitcoin e blockchain. Come un anno fa. Niente raddoppio. Abbiamo provato a ragionare con la testa degli investitori per capire cosa frena davvero la crescita del mercato: ci sono almeno 4 motivi (e una soluzione alternativa)

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»