Medtech

Kinsa, il termometro smart che dice alle mamme cosa fare in caso di febbre

Grazie a un collegamento bluetooth con il tuo smartphone l’app esamina la temperatura, l’età del paziente e suggerisce un possibile protocollo da seguire fra 14 inseriti di default. Mapperà la diffusione dell’influenza negli asili e nelle scuole.

Ha superato di gran lunga l’obiettivo della campagna su Indiegogo, ottenendo a oggi oltre 60 mila dollari: è l’innovativo termometro da orecchio che ti dice che cosa devi fare quando sei malato. Sì, proprio così. Kinsa non monitorizza solo quanta febbre hai tu o ha il tuo bambino, cosa che comunque è in grado di fare letteralmente in un secondo, ma grazie a un collegamento bluetooth con il tuo smartphone l’app esamina la temperatura, l’età del paziente e suggerisce un possibile protocollo da seguire fra 14 inseriti di default, che si basano su protocolli standard medici. Ovviamente, come sempre quando si parla di app che riguardano la salute, nulla si può sostituire al medico, ma questi suggerimenti possono comunque essere d’aiuto per le situazioni più semplici, specie per genitori alla loro prima esperienza.

kinsa1
Pensato per neonati

A differenza di una versione precedente già messa in commercio sempre da Kinsa, questo nuovo termometro non ha bisogno di fili per essere collegato al nostro smarthpone. Funziona con il wifi e sia con dispositivi iOS che Android.
Il mercato principale è quello dei neonati. Basta appoggiare il termometro sull’orecchio del bambino, anche mentre sta dormendo, e in un secondo il sistema registrerà la sua temperatura, inserendo i dati nella app del telefono che aiuterà a monitorare l’andamento della febbre durante la giornata.

kins3
Dal crowdsourcing al crowdfunding per l’influenza

Ma il vero passo in più di questa versione riguarda il crowdfunding. L’idea è quella di far sì che ogni famiglia che possiede Kinsa, grazie ai dati che immette nella app, possa contribuire ad arricchire un database condiviso che monitorerà il diffondersi dell’influenza nelle scuole e negli asili in una certa area. Una mappa della diffusione dell’influenza nella zona dove vanno a scuola i tuoi figli. Per questo, secondo quanto si apprende, parte dei fondi raccolti tramite Indiegogo saranno utilizzati per sostenere la crescita dell’iniziativa FLUency di Kinsa, per fornire termometri a tutte le famiglie in 100 scuole a livello nazionale (per ora negli Stati Uniti) per gestire meglio la diffusione della malattia durante la stagione influenzale.
Basterà entrare nella app sul nostro smartphone ogni mattina per vedere quanto è “in salute” la scuola dei nostri figli quella mattina.

kinsa2
Inoltre, la app è dotata di un sistema messaggistico anonimo tramite il quale è possibile fare domande ad altri genitori o condividere informazioni che pensiamo potrebbero essere utili ad altri.

@CristinaDaRold

Il “ricatto” cinese che ha fatto crollare bitcoin di 100 dollari in 1 minuto, spiegato

Bitcoin era tornato sopra i mille dollari e in un minuto è sceso di 100. Per colpa dei cinesi e, soprattutto, di un paradosso: i governi non possono controllare bitcoin ma possono, con le loro scelte, influenzarne l’andamento. Abbiamo cercato di capire il perché con il founder di Euklid, Antonio Simeone

Questa app sviluppata da Prospeh (H-Farm) ti dice da dove viene il cibo. OriginTrail

Prospeh è una startup di origini slovene ha sviluppato un’applicazione che mostra le informazioni sulla provenienza dei prodotti alimentari. Fa parte della seconda edizione del Food Accelerator, il programma di H-Farm

F-Secure compra la (ex) startup italiana fondata dall’hacker Andrea Barisani

Exit per la startup di sicurezza informatica di Trieste, comprata dal gruppo del colosso finlandese degli antivirus. Con l’ingresso nel gruppo, Barisani diventa nuovo capo della Sicurezza hardware di F-Secure