Makers

A Salamanca il primo storico impianto di sterno e gabbia toracica stampati in 3D (con video)

In Spagna è stato eseguito il primo impianto di gabbia toracica e sterno stampati in 3D. L’uomo, 54 anni, aveva subito l’asportazione delle ossa a causa di un tumore.

Arriva dalla Spagna l’ultima bella notizia riguardo alla proficua collaborazione tra stampa 3D e medicina. Per la prima volta in assoluto è stato eseguito un intervento per l’impianto di una parte di gabbia toracica e dello sterno realizzati, in titanio, tramite questa tecnologia. Ecco un video che spiega l’intero processo:

[iframe id=”https://www.youtube.com/embed/Xt0CiUDVPHk”]

Il paziente, un uomo di 54 anni, aveva subito l’asportazione chirurgica a causa di un tumore che, formatosi all’interno del torace, si era diffuso allo sterno. Si tratta di un risultato notevole dato che la gabbia toracica è considerata come una delle parti del corpo umano più difficili da replicare. Nella maggior parte dei casi, infatti, si preferisce rinforzare la parte restante senza procedere alla ricostruzione. Un’operazione non del tutto sicura e che può causare anche notevoli complicazioni. Usando la stampa 3D, invece, i medici possono ricorrere ad una valida opzione e ricomporre la gabbia con meno rischi.

Cancer-patient-receives-3D-printed-ribs-in-worlds-first-surgery

Dall’Australia alla Spagna (nel nome della collaborazione)

La gabbia toracica è stata costruita da un’azienda australiana, Anatomics, ed è stata impiantata all’interno dell’ospedale universitario di Salamanca. Per crearla il team ha riprodotto dettagliatamente, in alta definizione, il modello originale e successivamente ha tagliato la parte da impiantare. Ovviamente questa specifica operazione è valida solo per il paziente in questione e non può essere nuovamente utilizzata per casi simili. Ogni pezzo è unico come unico è il nostro corpo.

stampa 3d, sterno, gabbia toracica

Per stampare il pezzo, Anatomics ha inviato il tutto ad un laboratorio specializzato della Commonwealth Scientific and Industrial Research Organisation (CSIRO), un’agenzia federale governativa. Si tratta di uno dei pochi centri australiani dotati di una stampante 3D (dal valore di 1,3 milioni di dollari) in grado di stampare il metallo.

Alla fine il pezzo è stato inviato in Europa dove, due settimane fa, è stato impiantato nel petto del paziente. All’operazione, perfettamente riuscita, seguirà un periodo di studio per capire se possano crearsi eventuali conseguenze ed effetti collaterali.

@ilmercurio85

Un Commento a “A Salamanca il primo storico impianto di sterno e gabbia toracica stampati in 3D (con video)”

  1. Nastagio degli Onesti

    Sono medico in un paese vicino all’Italia; ad un mio paziente é stata resecata, per un raro tumore, buona parte dello sterno con le cartilagini e parte del costato anteriore, in modo molto simile a quanto illustrato qua sopra. Sostituito con una gabbia in titanio costruita ad hoc ( non so se tramite stampa in 3d), praticamente la fotocopia di quanto illustrato nell’articolo. Dunque l’intervento spagnolo non corrisponde ad una prima…Il mio paziente é morto ad un paio di settimane dall’intervento,soffrendo molto. Non ha superato il trauma di un’operazione cosi’ estesa e tutti ci chiedevamo il senso di un intervento simile…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Ad Amsterdam il primo ponte stampato in 3D (senza l’intervento dell’uomo) | Video

In Olanda si stamperà in 3D un ponte intero, senza l’intervento dell’uomo: «Così mostreremo le potenzialità che può avere questa tecnologia in progetti di grandi dimensioni e di forte impatto sociale».

Addibot, il robot che ripara le buche stradali (stampando in 3D)

Robert Flitsch ha creato un robot che stampa in 3D materiali per riparare buche stradali e crepe: «Il mio obiettivo? Quello di far uscire le stampanti dai laboratori e portarle all’aperto dove c’è bisogno di loro».

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

Il progetto del Principato di Monaco per stampare barriere coralline in 3D (con sabbia dolomitica)

Il progetto, sviluppato dalla Fondazione del Principe Alberto con l’azienda Boskalis, prende spunto dal lavoro di Enrico Dini e vuole essere un punto di svolta per una tecnologia che in futuro potrà creare nuovi ecosistemi marini.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.