Medtech

Sono made in Italy i tatuaggi hi-tech che ti fanno l’elettrocardiogramma

Fatti con materiali poco costosi, per “indossarli” basta solo un po’ d’acqua. Il tatuaggio hi-tech dell’Istituto Italiano di Tecnologia sarà in grado di monitorare molti parametri vitali adattandosi a ogni superficie del corpo

Facile come quando da bambini ci facevamo i tatuaggi comprati in edicola: bastava appoggiare la carta sulla pelle, tamponare con un po’ d’acqua, sollevare la pellicola e si era tatuati. Ed era sufficiente un po’ d’acqua e sapone per lavare via tutto.

Picture5

Stavolta non si tratta però di un nuovo tipo di tatuaggi per bambini, ma di un prototipo di sensore ultrasottile in grado di rilevare i nostri parametri vitali, come uno strumento per l’elettrocardiogramma. Un tatuaggio high-tech sviluppato dai ricercatori dell‘Istituto Italiano di Tecnologia a Pontedera, in Toscana, e che rappresenta una tecnologia assai promettente nel settore per due ragioni: perché i materiali di cui è composto costano pochissimo, e perché appunto è sufficiente un po’ d’acqua per far si che l’inchiostro che compone i suoi circuiti interni aderisca alla nostra pelle, dove invece altri prototipi simili richiedono per esempio stampi in silicone.

tattoo

“L’idea mi è venuta guardando mia figlia che giocava con i trasferelli” ci racconta Franscesco Greco, il responsabile del progetto insieme a Virgilio Mattoli. I tatuaggi high-tech sono già una realtà nel mondo, ma quello che il team vuole provare a fare è creare un oggetto che costi pochissimo all’utente finale e che sia facile da mettere e da togliere, per esempio da uno sportivo.

Quello dello sport è un settore assai promettente per tecnologie come questa. Un atleta potrebbe essere interessato per esempio a monitorare il funzionamento del cuore durante una partita.

Come funziona il tatuaggio hi-tech

La tecnologia è semplicissima. Si tratta di un film molto sottile, circa 500 nanometri (un nanometro corrisponde a un miliardesimo di metro) in grado di aderire alla pelle in maniera ottimale, “come un lenzuolo quando lo stendo su un oggetto” spiega Greco, senza bisogno di colle o adesivi. Su questo film sottilissimo è stampato un inchiostro speciale, fatto di un polimero conduttivo; bagnando la carta con l’acqua il film e il circuito si trasferiscono sulla nostra pelle. E il tutto rendendo il tatuaggio impercettibile per chi lo indossa. Una volta completato il processo è sufficiente collegarlo tramite dei fili a uno strumento per l’analisi dei dati.
Un’altra importante novità rispetto ad altri prototipi e ai comuni elettrodi attualmente in uso è che una volta trasferitosi sulla pelle, il tatuaggio è e rimane asciutto e non si deteriora, e per toglierlo basta un po’ d’acqua e sapone.

tattoo on skin

Questi tatuaggi innovativi serviranno per monitorare molti parametri, elettroencefalogramma compreso. “Uno dei punti più difficili dove mettere gli elettrodi per rilevamenti prolungati nel tempo è appunto il cranio – conclude Greco – a causa della ricrescita dei capelli, oltre che per la rotondità della superficie, mentre i nostri tatuaggi sono facilissimi da indossare e in grado di aderire e funzionare a lungo anche in presenza di peli o capelli”.

Picture4

Questa tecnologia non è ancora sul mercato, ma gli entusiasmi non mancano e i ricercatori hanno recentemente pubblicato un articolo in merito su Advanced Healthcare Materials “Stiamo lavorando per inserire sempre più elettrodi all’interno dello stesso tatuaggio, fino a 64 – prosegue Greco – per permetterci di avere segnali ad alta densità e riconoscere meglio i movimenti dei singoli muscoli. Entro un anno speriamo di contattare qualche azienda per cominciare a mettere in commercio i nostri nuovi tatuaggi tech low cost.”

@CristinaDaRold

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma