Automotive

“Hyperloop is real”: ecco il video che vi mostra il futuro

Il team di Hyperloop ha realizzato un video all’interno dei cantieri dove viene fatta la capsula che viaggerà a 1200 km/h. Nel 2016, in California, inizieranno i primi test. Il sogno di Elon Musk è sempre più reale.

Vi ricordate di Hyperloopin questo articolo lo descrivemmo come il mezzo di trasporto del futuro. Una capsula in grado di trasformare la fantascienza in realtà viaggiando a 1200 km/h. Un piccolo gioiello che, una volta completato, sarà più veloce di un aereo, più economico di un treno, meno inquinante di un veicolo dipendente dal petrolio e dal carbone.

Nella giornata di ieri, è stato pubblicato un video che mostra cosa sta succedendo all’interno di uno dei due cantieri in cui sta nascendo Hyperloop. Un documento da conservare perché in futuro potrebbe essere ricordato come un autentico frammento di Storia. Anche perché, come raccontano i protagonisti di questa avventura, Hyperloop “is real”.

La battaglia per realizzare Hyperloop

* Come raccontato da Riccardo Luna su Repubblica ci sono due progetti differenti che stanno cercando di realizzare la visione di Elon Musk. Una lotta senza esclusione di colpi che vede coinvolti da una parte Hyperloop Tech che ha appena nominato come CEO Robert Lloyd (proveniente da Cisco) e l’altra guidata da Dirk Albhorn, fondatore di Jump-Start Fund.

hyperloop-is-real-video-

Il sogno di Elon Musk

Era il 2013 quando apparve su twitter l’annuncio di Elon Musk riguardo alla nascita del progetto Hyperloop. «Vedrete. Presto le città si trasformeranno in vere fermate metropolitane eliminando confini e distanze. Ci sposteremo da Los Angeles a San Francisco in 30 minuti». Il futuro, insomma, è molto più vicino di quel che oggi appare. Parola di Elon Musk.

@ilmercurio85

* Il pezzo è stato revisionato e rettificato.

Ti potrebbe interessare anche

L’hacker che ha costruito, da solo, un’automobile senza pilota (battendo Google e Tesla)

Anche questa storia d’innovazione nasce in un garage. Quello di George Hotz, diventato famoso a 17 anni per essere stato il primo ad hackerare un iPhone. Ora ci riprova: ha creato una “driveless car” in grado di sfidare Google e Tesla (scommettendo con Elon Musk). Qui la storia, emozionante, del suo primo viaggio con un giornalista di Bloomberg BusinessWeek.

La Gigafactory di Tesla alimenterà 500 mila nuove vetture elettriche

L’enorme fabbrica di batterie al litio dovrebbe coprire il fabbisogno di tutte le vetture che l’azienda pensa di produrre nei prossimi 5 anni. E non solo, dato che i brevetti Tesla sono “open source”

Perché non dobbiamo avere paura dell’intelligenza artificiale (ma solo della nostra stupidità)

Il dibattito sull’Intelligenza artificiale rischia di riprodurre dinamiche anti-tecnologiche. Il problema però non è la tecnologia ma quello che ne sappiamo.

L’auto del futuro ideata da due talenti italiani: modulare ed ecologica, si ricarica in corsa

Un nuovo concetto di mobilità che sfrutta la tecnologia di guida automatica di Google. La novità introdotta da Tommaso ed Emanuele è una struttura in moduli, capaci di collegarsi l’uno all’altro per offrire al consumatore servizi durante il viaggio.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti