Social Innovation

La città fantasma del futuro e altri 2 super progetti hi tech (fatti da Adidas e Microsoft)

Microsoft ha costruito la camera più silenziosa del mondo (entrata nel Guinness World Record); Adidas realizza scarpe personalizzate per ogni cliente (con la stampa 3D); Pegasus progetta una città fantasma per testare le tecnologie del futuro. Le news hi tech della settimana.

Ci sono tecnologie che non cambiano il mondo ma che possono rivelarsi molto utili, soprattutto per risolvere dei piccoli problemi quotidiani. Ce ne sono altre che hanno il vantaggio di farci risparmiare del tempo e altre che semplificano alcuni processi. Ce ne sono alcune, infine, che appaiono come semplici curiosità ma che rappresentano un indice preciso di come sta cambiando il mondo dell’innovazione. Le racchiuderemo in un appuntamento domenicale dedicato alle soluzioni hi tech più strane e curiose trovate durante la settimana.

1) La stanza più silenziosa del mondo (Microsoft nel guinness dei primati)

All’interno del campus di Microsoft, a Redmond, c’è una stanza anecoica in cui a dominare è il silenzio più assoluto. Le pareti sono costruite con materiali innovativi fonoassorbenti che non permettono al suono di propagarsi in alcun modo. La camera, usata per testare prodotti come l’assistente Cortana e i microfoni Surface, è talmente avvolta dalla pace da essere entrata di diritto all’interno del Guinness World Record come luogo più silenzioso della Terra.

2) La scarpa perfetta? Fatta su misura in 3D (by Adidas)

Per creare la scarpa perfetta ci vogliono due cose: una grande maestria artigianale e la conoscenza perfetta del piede che andrà a calzarla. Adidas, servendosi di alcune tecnologie legate alla stampa 3D, ha deciso di perseguire questa strada innovativa con il programma Futurcraft 3D. In un prossimo futuro, quindi, i commessi non si limiteranno a consigliarci un modello ma ci aiuteranno, grazie a dei software dedicati, a costruire la scarpa più giusta per noi.

3) CITE, la città fantasma per testare le tecnologie di domani

La sigla CITE sta per Center for Innovation Testing and EvaluationÈ una città fantasma, che potrebbe ospitare 35mila persone, pensata e progettata dalla Pegasus Global Holdings nello stato del New Mexico. Sarà grande quasi 40 chilometri quadrati è avrà uffici, negozi e scuole. Il costo per completarla (il taglio del nastro è previsto nel 2020) è di circa 600 milioni di dollari più un altro miliardo che verrà investito nei prossimi anni per installare e sperimentare le innovazioni prescelte.

smart-cities_Tech-3095

Sarà un luogo dove i droni voleranno indisturbati e le auto senza pilota proveranno a diventare ancora più sicure; dove reti smart cercheranno di immaginare nuove forme di risparmio energetico e nuove forme di comunicazione; dove nasceranno i device che saranno pronti a cambiare le nostre abitudini; dove l’intelligenza artificiale potrà svilupparsi in maniera sicura. Un laboratorio a cielo aperto, completamente disabitato, che promette realmente di prevedere quello che sarà il futuro.

@ilmercurio85

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti