Maker Faire

È un robot umanoide alto 2 metri ad inaugurare la Maker Faire Rome | Gallery

L’Opening Conference della terza edizione della Maker Faire Rome ha avuto una star d’eccezione: Walkman. Il robot dell’Istituto Italiano di Tecnologia ha avuto l’onore di “tagliare” il nastro e inaugurare così la fiera dell’innovazione più importante d’Europa.

Si è aperta ufficialmente questa mattina la terza edizione della Maker Faire Rome. L’Opening Conference, condotta da Riccardo Luna, ha avuto una star d’eccezione: Walkman. Il robot dell’Istituto Italiano di Tecnologia, che ha partecipato al Darpa Robotics Challenge, la competizione per robot umanoidi dell’ente di difesa USA, ha avuto l’onore di “tagliare” il nastro e inaugurare così la fiera dei maker più importante d’Europa.

Le foto del “taglio”

unnamed

L’entrata in scena di Walkman all’Opening Conference della Maker Faire

unnamed-1

Walkman si avvicina al nastro. Sulla destra il suo accompagnatore, Roberto Cingolani

unnamed-3

Sulla sinistra Riccardo Luna e il Magnifico Rettore Eugenio Gaudio

Opening Maker Faire: Life with the machine

L’opening conference è stata l’occasione per ascoltare sia rappresentanti delle istituzioni che alcuni dei personaggi chiave dell’innovazione italiana e mondiale. Da Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino a Josh Walden, senior vice-president di Intel; da Dale Dougherty, padre del movimento maker nonché Esecutive Chairman di Maker Media a Roberto Cingolani, direttore dell’IIT; da Maurizio Costabeber, general manager di DWS – azienda italiana leader nel mondo per le stampanti 3D – a Carlotta Ventura, Group Senior Vice President Brand Strategy & Media di Telecom Italia. Ma è stata anche una mattinata di annunci, come quello di Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio: “Portiamo le stampanti 3D nelle scuole del Lazio”.

Zingaretti

Chi è Walk-Man

Walkman – acronimo di Whole Body Adaptive Locomotion and Manipulation – è un robot in grado di adattarsi a diversi ambienti e situazioni. È alto 1,85 metri, pesa all’incirca 100 chili, può girare il busto di 180 gradi e portare le braccia fin dietro la schiena. È capace di compiere azioni come aprire porte, salire delle scale e maneggiare utensili da lavoro.

Una delle caratteristica più innovative di Walkman (qui potete leggere integralmente la sua storia) è quella di saper interagire con qualsiasi criticità dell’ambiente circostante. È stato ideato per muoversi su terreni irregolari, in ambienti stretti o attraverso la folla. Una qualità necessaria per operare in ambienti che hanno subito disastri e calamità naturali.

@ilmercurio85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup