Health

Rimodellano il suono e salvano l’udito: ecco le cuffie più sicure del mondo (create da un 16enne)

Un abitante della Terra su 7 avrebbe oggi problemi di udito, per lo più giovani dai 12 ai 35 anni. Così Kingsley Cheng, 16 anni, ha creato delle cuffie in grado di preservare i timpani di chi ascolta musica tutto il giorno (raccogliendo 84 mila dollari su Kickstarter)

Un abitante della Terra su 7 avrebbe oggi problemi di udito, e non si tratta principalmente di anziani come potremmo facilmente immaginare, ma per lo più di giovani dai 12 ai 35 anni. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità 1,1 miliardi di ragazzi ascolta quotidianamente musica a livelli troppo elevati, mettendo a rischio la salute delle proprie vie uditive, e 43 milioni sarebbero quelli che già vivono con una forma di disabilità. La perdita dell’udito è causata da due fattori: il volume misurato in decibel e la durata dell’esposizione. Chiunque ascolta l’audio sopra i 85db per lunghi periodi è considerato ad alto rischio.

[youtube id=”0kXUhodyo9E”]

Uno di questi giovani, anzi giovanissimi, ha provato a cambiare le cose e a quanto pare ci sta riuscendo. Si chiama Kingsley Cheng e a soli 16 anni ha co-fondato Aegis Acoustics, dove ha prodotto le sue cuffie “amiche della salute” AEGIS PRO. Attualmente su Kickstarter il giovane Cheng ha ottenuto un finanziamento di 84 mila dollari a fronte di un obiettivo di 25 mila. E siamo solo all’inizio.

In un attimo azzera i decibel e li riporta sotto la soglia di sicurezza

La domanda che sorge spontanea è: ma non basta abbassare il volume? Certo, basterebbe, ma a quanto pare i ragazzi raramente accettano di farlo. L’idea di Cheng invece si basa su una tecnologia nuova detta jamsDEFENDER, recentemente ottimizzata, che da un lato limita il volume della musica che ascoltiamo e contemporaneamente attua una cancellazione attiva del rumore grazie a un equalizzatore di decibel digitale.

In altre parole queste cuffie “rimodellano” il suono, abbassando le alte frequenze e togliendo il rumore, in modo che non danneggi i nostri timpani. Il limite di decibel considerato sicuro è 85. La tecnologia alla base di AEGIS PRO normalizza il volume della sorgente fino a 0 dB prima di riportarlo a un livello tutelato di 85db. Una funzione che al momento non si trova in nessun altro prodotto.

cuffie8

Cancella anche i rumori di fondo

Il dispositivo cancella anche i fastidiosi rumori di fondo, quelli che fanno sì che spesso alziamo al massimo il volume perché altrimenti non sentiremmo nulla di ciò che stiamo ascoltando. Le cuffie sono dotate di quattro microfoni integrati che analizzano l’ambiente circostante eliminando il rumore ambientale, in modo che l’utente non senta la necessità di alzare prepotentemente il volume 85db. Una funzione interessante non solo quando ascoltiamo la musica, ma anche mentre guardiamo un film o ci divertiamo con un videogioco.

Schermata 2015-10-20 alle 16.46.42

Un sistema di controllo per i genitori

Le cuffie sono dotate infine di un sistema a LED posto su entrambi gli auricolari che monitora i livelli di sicurezza di ciò che stiamo ascoltando, una tecnologia pensata soprattutto per i genitori, che possono così controllare “come” stanno ascoltando i propri figli. La luce blu indica che siamo sotto la soglia di sicurezza, quella giallo che siamo al limite e il LED rosso indica pericolo.

Secondo quanto si apprende, il prodotto dovrebbe costare dai 100 ai 300 dollari circa, a seconda del tipo di cuffia, e dovrebbe arrivare sul mercato già a gennaio 2016.

@CristinaDaRold

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti