Luce, temperatura, qualità dell’aria: con Beagle è tutto sotto controllo

Beagle è il device che migliora la qualità della tua vita in casa e in ufficio (ma potrà essere utilizzato anche nelle scuole). Monitorando dati e attività, ti suggerisce che cosa devi fare per stare in un ambiente salubre e confortevole.

Quante volte vi è capitato di domandarvi se la temperatura di casa fosse quella corretta, oppure se fossero le luci provenienti dalla strada a rendervi difficile prendere sonno la sera? E ancora, quante volte durante l’inverno, chiusi tra le mura domestiche per il freddo, vi siete resi conto che con le finestre tutte chiuse la qualità dell’aria all’interno era decisamente scarsa?

Forse non ci avete mai pensato, ma piccole attenzioni come queste possono migliorare di molto la qualità delle vita, e oggi a tenerle sotto controllo c’è il sensore domestico wireless Beagle. In campagna su Kickstarter, nel frattempo su Twitter (@beaglesense) dispensa consigli utili per rendere l’ambiente di casa più salutare e confortevole.

ed85d023b63289523b968d2a5bdfdca3_original

Oltre ad aiutarci a rendere la nostra dimora un posto migliore -e a essere un oggetto dal design minimale e molto accattivante, magnetico (lo potete mettere sul frigo!) e per nulla invasivo- il fatto che si chiami Beagle ovviamente non è un caso: «Sapevate che quando insieme alla famiglia o agli amici vi mettete sul divano per una maratona a base di film, con gli animali di casa accoccolati vicino a voi, i livelli di anidride carbonica possono aumentare molto causando mal di testa e sonnolenza?», ci fanno notare i suoi inventori.

[youtube id=”9zcjagD2NBc”]

Una casa sotto controllo

Ogni Beagle (guardate il video di presentazione, merita) è stato “addestrato” in modo da adattarsi a esigenze diverse, monitorando ciò che più ci interessa, ed è facilissimo da impostare: attaccata alla corrente la Beagle base station (tramite USB) non resta che connetterla alla rete WiFi di casa e al nostro smartphone o laptop.

Se vogliamo tenere sotto controllo vari aspetti, ad esempio l’illuminazione di una stanza e il rumore oppure la temperatura e l’umidità, è sufficiente usare due Beagle insieme. Quando qualcosa non va un alert ce lo comunica subito, così da ricordarci che è il caso di aprire una finestra o abbassare il termostato. 

Ma Beagle è adatto anche ad ambiente come uffici e sale riunioni: quante volte discutiamo con i colleghi perché alzano troppo il riscaldamento pur di rimanere in camicia, o spalancano le finestre con il condizionatore acceso? Niente più diatribe, il sensore medierà per noi.

Grazie alla app e all’interfaccia web, Beagle memorizza tutte le attività e i dati di casa, così da poterne ripercorrere lo storico in qualsiasi momento

Se il WiFi va giù o salta la corrente, niente paura: ciascun sensore riesce a immagazzinare fino a due settimane di monitoraggio. Tramite Bluetooth ogni sensore comunica con la base station, e ha bisogno solamente di un cambio batterie (due AAA per ciascun Beagle) l’anno.

2a06f4ba6e5e2d5fd484b43562d662a6_original

A chi serve un Beagle?

«L’idea di un sensore indoor ci è venuta pensando a quanto l’ambiente casalingo e quello lavorativo possono influire sul nostro stato di salute», spiegano gli inventori di Beagle su Kickstarter. Che prima di essere innovatori sono genitori, che si domandano perché i figli tornano spesso da scuola con l’emicrania. O magari host di Airbnb, che vogliono assicurare un soggiorno positivo ai loro ospiti e una corretta gestione della casa (assicurandosi anche, grazie al sensore per i rumori indoor, che i vicini non siano disturbati da schiamazzi).

ff47ed4a069fc8d7d8b6e12e2a4d703e_original

Plus, we love data!

È prima di tutto alle esigenze delle persone che è andato il pensiero del team di Beagle: una coppia di genitori, ad esempio, può impostare nella camera del nuovo nato dei sensori per luce, temperatura, rumore interno e dall’esterno, così da assicurargli un sonno tranquillo e le migliori condizioni possibili.

Ma l’attenzione per i più piccoli non finisce qui: con il suo Young Innovators Program (disponibile per insegnanti e istituti tra i perk), Beagle vuole portare lo STEM learning (Science, Technology, Engineering and Math) nelle scuole, coinvolgendo gli studenti nella raccolta dei dati e nei processi che permettono al sensore di tenere sotto controllo la nostra casa. Se il finanziamento su Kickstarter andrà a buon fine, lo YIP arriverà nelle classi di Canada e Stati Uniti a primavera 2016.

@Eleonoraseeing