Device

300 pagine in 15 minuti: ecco lo scanner ultraveloce per farsi una biblioteca digitale (non solo di libri)

Czur, inventato da un giovane cinese, scannerizza tutto, anche una scultura classica o un giocattolo. È in grado di digitalizzare un libro di 300 pagine in 15 minuti e di costruire, citando Borges, la propria biblioteca di Babele.

La biblioteca è destinata a permanere: illuminata, solitaria, infinita, perfettamente immobile, armata di volumi preziosi, inutile, incorruttibile, segreta”.

Era la predizione di Jorge Luis Borges oltre 70 anni fa, una definizione che per certi versi calza a pennello anche per Czur, l’innovativo scanner superveloce che permette in un attimo di creare la propria biblioteca digitale personalizzata, che ha ottenuto sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo il 1600% di quanto aveva previsto. Un nome curioso – Czur – che forse non sarebbe dispiaciuto neanche allo stesso Borges.

[youtube id=”WZLSCyXFUxk”]

300 pagine in 15 minuti

Esteticamente sembra un’elegante lampada da tavolo, un elemento di design. In realtà è lo scanner più veloce al mondo: 300 pagine in 5 minuti. Produce documenti che vengono salvati in cloud collegando lo scanner al pc tramite usb oppure utilizzando il wifi. Una biblioteca personalizzata, veloce da costruirsi e ricca di documenti ad altissima risoluzione, e che sembrano pagine di un libro e non le vecchie scannerizzazioni a cui ci siamo abituati negli ultimi 30 anni, spesso storte, spiegazzate o piene di macchie.

czur-et16-scanner-wapper-product-img-top

Scannerizzare una scultura? Si può

L’idea è addirittura banale: Czur non ha un coperchio. Questo perché non è pensato solamente per documenti e libri, ma per scannerizzare anche oggetti, come per esempio una scultura. In questo senso la nostra biblioteca di Babele si può arricchire anche di immagini di strumenti, oggetti, tutto in pochi secondi. Basta pensare al mondo dell’archeologia per rendersi conto del vantaggio di uno strumento del genere rispetto a una normale macchina fotografica.

3df3a47d-80be-4384-be30-fcaabd843ee5

Come funziona

Grazie a ben 16 milioni di pixel e a speciali algoritmi, Czur scansiona un libro mentre giri le pagine, con la stessa velocità e facilità. Elimina le curve delle pagine, quelle che è così difficile appiattire negli scanner tradizionali quando il volume è piuttosto grosso, e cancella eventuali macchie e impronte digitali. Inoltre Czur può essere utilizzato come un videoproiettore ad alta risoluzione, per esempio durante riunioni o presentazioni che richiedono di mostrare una qualche immagine a un pubblico.

Al momento i formati di output sono JPEG, PDF e TIFF, ma è possibile anche ottenere documenti editabili, attraverso funzioni apposite che dialogano con Czur. Ogni immagine ottenuta pesa 2M, ma può essere compressa fino ad arrivare a soli 500k. Secondo quando si apprende, i primi prototipi dovrebbero già essere sul mercato a gennaio del 2016, a un prezzo di circa 180 dollari.

czur

Una biblioteca made in China

Gli ideatori di questo nuovo modo di pensare all’archiviazione di documenti sono cinesi, e il fondatore Kang Zhou, non ha oggi nemmeno 30 anni. Segno – forse – che le giovani generazioni, fra startupper, youtubers e techno-experts, non stanno dimenticando la biblioteca, semmai cercano di ripensarne alcuni aspetti. Anzitutto, far sì che anche chi vive in un monolocale possa circondarsi di una biblioteca potenzialmente infinita.

@CristinaDaRold

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti