Device

300 pagine in 15 minuti: ecco lo scanner ultraveloce per farsi una biblioteca digitale (non solo di libri)

Czur, inventato da un giovane cinese, scannerizza tutto, anche una scultura classica o un giocattolo. È in grado di digitalizzare un libro di 300 pagine in 15 minuti e di costruire, citando Borges, la propria biblioteca di Babele.

La biblioteca è destinata a permanere: illuminata, solitaria, infinita, perfettamente immobile, armata di volumi preziosi, inutile, incorruttibile, segreta”.

Era la predizione di Jorge Luis Borges oltre 70 anni fa, una definizione che per certi versi calza a pennello anche per Czur, l’innovativo scanner superveloce che permette in un attimo di creare la propria biblioteca digitale personalizzata, che ha ottenuto sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo il 1600% di quanto aveva previsto. Un nome curioso – Czur – che forse non sarebbe dispiaciuto neanche allo stesso Borges.

[youtube id=”WZLSCyXFUxk”]

300 pagine in 15 minuti

Esteticamente sembra un’elegante lampada da tavolo, un elemento di design. In realtà è lo scanner più veloce al mondo: 300 pagine in 5 minuti. Produce documenti che vengono salvati in cloud collegando lo scanner al pc tramite usb oppure utilizzando il wifi. Una biblioteca personalizzata, veloce da costruirsi e ricca di documenti ad altissima risoluzione, e che sembrano pagine di un libro e non le vecchie scannerizzazioni a cui ci siamo abituati negli ultimi 30 anni, spesso storte, spiegazzate o piene di macchie.

czur-et16-scanner-wapper-product-img-top

Scannerizzare una scultura? Si può

L’idea è addirittura banale: Czur non ha un coperchio. Questo perché non è pensato solamente per documenti e libri, ma per scannerizzare anche oggetti, come per esempio una scultura. In questo senso la nostra biblioteca di Babele si può arricchire anche di immagini di strumenti, oggetti, tutto in pochi secondi. Basta pensare al mondo dell’archeologia per rendersi conto del vantaggio di uno strumento del genere rispetto a una normale macchina fotografica.

3df3a47d-80be-4384-be30-fcaabd843ee5

Come funziona

Grazie a ben 16 milioni di pixel e a speciali algoritmi, Czur scansiona un libro mentre giri le pagine, con la stessa velocità e facilità. Elimina le curve delle pagine, quelle che è così difficile appiattire negli scanner tradizionali quando il volume è piuttosto grosso, e cancella eventuali macchie e impronte digitali. Inoltre Czur può essere utilizzato come un videoproiettore ad alta risoluzione, per esempio durante riunioni o presentazioni che richiedono di mostrare una qualche immagine a un pubblico.

Al momento i formati di output sono JPEG, PDF e TIFF, ma è possibile anche ottenere documenti editabili, attraverso funzioni apposite che dialogano con Czur. Ogni immagine ottenuta pesa 2M, ma può essere compressa fino ad arrivare a soli 500k. Secondo quando si apprende, i primi prototipi dovrebbero già essere sul mercato a gennaio del 2016, a un prezzo di circa 180 dollari.

czur

Una biblioteca made in China

Gli ideatori di questo nuovo modo di pensare all’archiviazione di documenti sono cinesi, e il fondatore Kang Zhou, non ha oggi nemmeno 30 anni. Segno – forse – che le giovani generazioni, fra startupper, youtubers e techno-experts, non stanno dimenticando la biblioteca, semmai cercano di ripensarne alcuni aspetti. Anzitutto, far sì che anche chi vive in un monolocale possa circondarsi di una biblioteca potenzialmente infinita.

@CristinaDaRold

Un Commento a “300 pagine in 15 minuti: ecco lo scanner ultraveloce per farsi una biblioteca digitale (non solo di libri)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito