Wearable

Ravean, il piumino termico (super tecnologico) per non soffrire mai il freddo

Piumini, felpe e smanicati termici per tutte le temperature: la scommessa Ravean è un clamoroso successo su Kickstarter.

Cinque anni  di garanzia, un riscaldamento regolabile per temperature esterne che vanno da -20˚ fino a +10 e una batteria che può essere utilizzata anche per ricaricare fino a sei volte uno smartphone o altri dispositivi elettronici: direste mai che stiamo parlando di un piumino? Ravean è la novità di questo inverno: leggero, lavabile al 100% in lavatrice e resistente all’acqua, in modelli diversi e disponibile sia da uomo che da donna, è la soluzione per tutti coloro che vogliono essere sempre pronti ad affrontare qualsiasi condizione meteorologica.

Un’idea non originale, ma vincente 

Non è di certo la prima volta che sul mercato viene messa in vendita una giacca termica e il team Ravean- una startup statunitense con sede a Provo nello Utah, formata da sei persone che sul sito ci hanno messo faccia e profilo LinkedIn- ne è consapevole.

Tengono però a sottolineare le differenze tra il loro piumino e i precedenti tentativi (di scarso successo): «I nostri giubbotti sono belli, duraturi, a buon prezzo e sono integrati con una tecnologia in modo non visibile» scrivono sul sito. «Inoltre è un piumino che può essere indossato in alta montagna così come in ufficio mantenendo inalterati comfort e stile. Le precedenti soluzioni sono brutte, costose e problematiche. Ravean ha individuato e risolto tutte le criticità per offrire giacche che possono essere portate dappertutto, alla moda e resistenti, caldi e comodi».

A giudicare dal risultato della campagna Kickstarter, che termina il 30 novembre, hanno vinto la loro scommessa. Avevano chiesto appena centomila dollari, hanno superato il milione. Più di 5000 finanziatori hanno deciso di dare loro fiducia.

Ravean_kickstarter

Tecnologia a portata di piumino (e non solo)

Ravean non è solo un piumino (disponibile con cappuccio o senza e in due colori, nero e blu) ma anche uno smanicato e una felpa, tutti con un sistema di riscaldamento fronte/retro. Il calore può essere selezionato in diverse aree e regolato in tre temperature: low, medium e high. I piumini hanno una batteria da 12 volt e 287 grammi, che si ricarica in circa novanta minuti e fornisce fino a 3 ore di riscaldamento, a seconda della modalità in cui viene impostato. Ha inoltre tasche riscaldate e la possibilità di collegare al sistema, mediante dei cavi, speciali guanti touchscreen. Felpe e smanicati hanno invece una batteria da 6 volt e 140 grammi e una copertura da 7 fino a circa 2 ore di riscaldamento.

Il team è talmente sicuro sull’innovativo sistema da loro utilizzato che ne assicurano il funzionamento per cinque anni: entro questa garanzia, qualsiasi problema si dovesse riscontrare, l’intero capo o alcune parti verranno da loro sostituiti senza spese. Il prezzo? 199 dollari per il piumino con cappuccio, 195 dollari per il modello senza cappuccio, 129 dollari per lo smanicato e 119 dollari per la felpa. Tra tutti coloro che hanno deciso di sostenere il progetto, pre-ordinando i capi su Kickstarter, è stato lanciato un sondaggio riguardante la preferenza di colori, nella probabile eventualità di ampliare la produzione.

 

La linea Ravean ha avuto già diverse reviews su Youtube e in alcuni programmi televisivi statunitensi (i video sono disponibili sulla pagina Kickstarter oppure sul canale Youtube dell’azienda) e si preannuncia come la collezione più cool dell’inverno 2016.

@MariCeliberti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Dalla NASA di Pasadena, un dispositivo per velocizzare il wifi dei “wearables”

Riflettere il segnale proveniente da un router invece di generarlo per rendere le trasmissioni wifi più veloci. Al Jet Propulsion Laboratory della Nasa sono sicuri che funzionerà anche per gli astronauti

Myo: il wearable che controlla tutto, dalla TV ai droni

Il wearable prodotto da Thalmic Labs ha impressionato i fan della tecnologia al suo debutto al CES 2014, e si è ripetuto nel 2015, a Las Vegas. In vendita su Amazon per 199 dollari, permette di controllare dispositivi elettronici con i movimenti dei nervi del braccio.

Non ascolti musica ma gestisci i suoni (e i rumori) intorno a te. Ecco gli auricolari del futuro

Si chiamano Here Earbuds e sono stati creati da una startup americana che ha appena ricevuto 17 milioni di dollari di finanziamento. Sono auricolari speciali che cancellano i rumori molesti e regolano i suoni del mondo dallo smartphone.

Robotica, visione aumentata e big data entrano in sala operatoria con Google

Google e Johnson&Johnson stanno portando avanti un progetto che potrebbe rivoluzionare il campo delle tecnologie robot-assistite da utilizzare in sala operatoria. Vi raccontiamo come con un commento di Paolo Colli-Franzone.

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia