Device

Ecco come una cantante, diventata sorda, è tornata a “sentire” la musica (con il corpo) | Video

Mandy Harvey è una giovane cantante jazz diventata sorda a 18 anni. Ora, grazie a d una tecnologia innovativa (e sperimentale) creata dai laboratori di “Not Impossibile Now” è riuscita a sentire la musica con il corpo. Ecco il video, davvero emozionante, di questo meraviglioso esperimento.

Quando Robert Browning, drammaturgo e poeta inglese del’800, scrisse che «Chi ascolta musica sente d’incanto popolarsi la sua solitudine» non si riferiva certamente al jazz o al blues. Ma dopo aver letto la storia di Mandy Harvey, raccontata da Katie Couric, una bravissima giornalista di Yahoo, il mio cervello ha fatto immediatamente questo collegamento.

Fonte foto: invisibledisabilities.com

Incontri (e laboratori) che cambiano la vita

Mandy, cantante di immenso talento, è diventata sorda nel 2006, a 18 anni, per colpa di una malattia che ha colpito il suo sistema nervoso. Da allora non ha mai rinunciato alla sua più grande passione ma, com’è facile immaginare, tutto è diventato più difficile. Cantare, esibirsi, scrivere. Trasmettere le emozioni che questo tipo di arte è in grado di dare e ricevere. Almeno fino a che non ha incontrato Mick Ebeling: storyteller, hacker e creator. O almeno è così che lui si auto-definisce.

I look at the world and look for things that we think are impossible. And then we just figure out, come hell or high water, how to make it possible

Impossibile è una parola che Mick ha eliminato dal suo vocabolario. La sua missione, infatti, è quella di usare la tecnologia per cambiare la vita delle persone che ne hanno bisogno. Tutto è partito nel 2007 quando, dopo aver conosciuto la storia di Tempt1, artista di Los Angeles colpito da SLA (sclerosi laterale amiotrofica), Mick promise alla sua famiglia che avrebbe trovato un modo per aiutarlo. Così, dopo diversi sforzi e un impegno incessante, è riuscito a dar vita ad una community globale, Not Impossible Now, fatta di persone con talenti e capacità diverse fra loro. Persone che hanno portato avanti progetti davvero incredibili, come Eyewriter, il device che ha permesso a Mick di mantenere la sua promessa nei confronti di Tempt1.

 P1060131

E ora “Sound:NotImpossible”

Da allora sono molti i progetti che il team guidato da Mick ha portato avanti. Uno lo abbiamo già raccontato all’interno di The Next Tech, si chiama Project Daniel, il laboratorio per stampare in 3D braccia e gambe in Sud Sudan e restituire ai bambini di quelle regioni quello che la guerra ha inopinatamente tolto.

musica, feel, Mandy Harvey

fonte foto: www.notimpossiblenow.com

L’ultimo, invece, riguarda appunto la musica. Daniel Belquer, uno dei collaboratori di Not Impossible, ha sviluppato un device che, indossato dal cantante, permette di “sentire” la musica attraverso il corpo. Le cinghie, sistemate in alcuni punti specifici, sono dotate di sensori particolarmente sensibili in grado di trasmettere diversi elementi al corpo. Il device, infatti, converte frequenze, ritmi e tonalità in vibrazioni che possono essere captate e riconosciute.

A new way to feel music

“Feel”, per l’appunto. Sentire, in profondità, coinvolgendo tutto il nostro essere. Molto più che un semplice udire. L’esperimento è stato testimoniato da un video girato per Yahoo all’interno dei laboratori della community, in Florida. «Per la prima volta in assoluto Mandy canterà e sentirà nel suo corpo quello che da otto anni le manca di più: la musica.» ha annunciato Mick alla giornalista. Ed è stato davvero così:

[iframe id=”https://news.yahoo.com/video/deaf-jazz-singer-mandy-harvey-150211265.html?format=embed”]

Sentire la musica ovunque (tranne che nelle orecchie)

«Fantastico! Ho sentito il basso, la batteria, il piano». Tutto grazie ad una tecnologia, ancora in fase sperimentale, che ha permesso a Mandy di cantare perfettamente a tempo con la base. L’esempio migliore per dimostrare che la musica è davvero un linguaggio universale. «Questo è solo l’inizio» ha promesso Mick. Il primo passo per mantenere un’altra promessa e migliorare, per davvero, il futuro di milioni di cantanti.

@ilmercurio85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il robot pianista made in Italy, fatto con stampa 3D, Arduino e tanta passione

Il core business dell’azienda di Matteo Suzzi fino al 2013 è stato la riparazione di lettori di banconote e carte magnetiche. Poi il successo con TeoTronico, il robot pianista, un mix di arte e tecnologia.

Jack Conte, il gene italiano della creatività negli USA in una startup di successo: Patreon

La piattaforma di crowdfunding per artisti indipendenti, in attività dal maggio 2013, conta ad oggi circa 15mila creativi e un fatturato di oltre 25 milioni di dollari.

Kurv, la chitarra “virtuale” che puoi mettere in tasca (e suonare ovunque)

Kurv è una chitarra virtuale composta da un pad e un plettro che si interfacciano con l’app dedicata. Semplice da usare e dalle dimensioni ridotte, permette a chiunque di imparare a suonare, con meno sforzo e risultati subito visibili (e udibili)

Trasformare la mano in uno strumento musicale: il sogno di due italiani negli USA

Remidi T8 è un guanto che permette di trasformare la propria mano in uno strumento e fare musica ovunque. Lo ha inventato una startup di giovani italiani che, dopo Lisbona, è stata scelta da TechStars per essere accelerata ad Austin.

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale