Green Tech

È realizzata da un architetto italiano la prima casa solare galleggiante (autosufficiente)

Giancarlo Zema ha ideato una struttura ecosostenibile, utilizzando materiali riciclati e riciclabili. Completamente autosufficiente, grazie a dei pannelli fotovoltaici posizionati sul tetto, WaterNest 100 si adatta ad ogni esigenza e vuole rappresentare il modello abitativo del futuro.

È italiana la prima casa galleggiante, riciclabile e totalmente autosufficiente. Si chiama WaterNest 100 ed è stata progettata dall’architetto romano Giancarlo Zema per l’azienda inglese EcoFloLife.

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

L’obiettivo dichiarato è quello di evitare il consumo di suolo e individuare così delle soluzioni abitative alternative, non dannose per l’ambiente. Per farlo, Zema ha puntato su una casa ad alta efficienza termica e a basso impatto, grazie all’utilizzo di materiali riciclati e riciclabili. Il suo nuovo modello abitativo si alimenta grazie all’energia solare: la superficie del tetto infatti, è interamente ricoperta da pannelli fotovoltaici.

Design elegante e materiali eco-friendly

A prima vista, l’abitazione somiglia ad un gigantesco uovo galleggiante. Infatti, WaterNest 100 è letteralmente “sospesa” sull’acqua. Quattro metri di altezza e dodici di larghezza per questo futuristico involucro abitativo a pianta circolare, di 100 metri quadrati. Zema ha realizzato la sua unità abitativa completamente in legno lamellare e alluminio riciclato. Ampie vetrate e comodi balconi circondano l’intera area della casa, regalando affascinanti affacci sull’acqua.

Anche gli arredi, dal design elegante e innovativo, sono ecologici e realizzati in materiale riciclato e riciclabile. Merito di un’altra azienda italiana particolarmente sensibile alle tematiche ambientali, la Origami Furniture, che ha progettato tutto in cartone alveolare riciclato e completamente riciclabile.

L’impiego di materiali e sistemi produttivi eco-compatibili  rende questa unità abitativa riciclabile per ben il 98%.

Infine, WaterNest 100 è dotata di un sofisticato sistema di micro ventilazione interna, nel quale l’aria condizionata si accompagna alla ventilazione naturale. Un vero e proprio habitat residenziale a basso consumo.

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

Casa, ufficio e bar: tutto in un’unica soluzione

Ma Zema non ha voluto soltanto costruire una capsula abitativa bella, ecosostenibile e riciclabile. Il suo obiettivo era quello di renderla energeticamente efficiente. Ecco perché sono stati installati sulla copertura in legno 60 metri quadrati di pannelli fotovoltaici amorfi in grado di generare 4kWp utilizzabili per sostenere l’intero fabbisogno energetico dell’unità.

All’interno invece, troviamo due camere da letto, un ampio soggiorno, una cucina abitabile e due bagni. Ma trattandosi di una struttura adattabile, «WaterNest 100 può assumere diverse configurazioni, in base alle esigenze abitative o lavorative», come sottolinea il suo ideatore. L’idea è infatti che WaterNest possa agire da casa/resort elegante, ecologica e autosufficiente, oppure trasformarsi facilmente in un ufficio o laboratorio. Ma anche in un lounge bar galleggiante o un ristorante, in un negozio o in uno spazio espositivo, tutti completamente indipendenti dalla rete elettrica.

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

(Foto: Giancarlo Zema Design Group)

Autosufficienza, a contatto con la natura

Il progetto WaterNest 100 mira a diventare il modello abitativo del futuro, promuovendo uno stile di vita eco-friendly.

La Terra è sempre più satura e gli esperti suggeriscono la possibilità sempre più concreta di dover colonizzare mari e specchi d’acqua.

Attualmente la casa galleggiante si trova a Londra, ma in futuro potrà essere collocata lungo il corso dei fiumi, nei laghi e nelle baie, grazie alla sua capacità di adattarsi senza rischi al territorio, alla flora e alla fauna presenti. «È la soluzione ideale per chi vuole vivere in modo completamente indipendente e autosufficiente», conclude il suo ideatore «In completa armonia con la natura».

@antcar83

 

Il sequestro dell’intero dominio .cat in Catalogna, Flora: «Gravissimo e pericoloso» | Video

Più di 100 mila domini sotto sequestro: è l’effetto dell’irruzione della Guardia Civil spagnola nella Fundació puntCat. Obiettivo: oscurare i siti che promuovono il referendum per l’autonomia della Catalogna

Lo Zaino Digitale | Cos’è e come funziona lo spazio virtuale per studenti voluto dagli editori

Un unico punto di accesso per poter consultare da pc, tablet o smartphone libri di testo e materiali digitali integrativi. L’intervista al presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi