Travel

G-RO, la valigia intelligente che si adatta ad ogni terreno (e sbanca Kickstarter)

Non è solo un trolley tecnologico, ma un vero e proprio “travel companion” per tutti coloro che amano viaggiare. È riciclabile al 100% e ha ruote brevettate, a diametro più ampio, adatte a qualsiasi tipo di terreno e pavimentazione.

Ciò che salta subito all’occhio è il design: linee eleganti e grandi ruote. A prima vista G-RO incuriosisce, ma la sensazione che in realtà sia molto di più di un trolley particolarmente “trendy” si concretizza quando a farsi notare è la cifra che è stata raccolta su Kickstarter in appena due mesi: oltre 3 milioni e 300mila dollari da 8744 backers. Numeri che permetteranno a un prototipo di diventare realtà, creando una nuova categoria di borse da viaggio: i “travel companion”.

Le caratteristiche del “bagaglio intelligente”

Non solo trolley quindi, ma una “companion bag” di poco più di 3 chili e mezzo di peso, pensata per il giro del mondo o anche semplicemente del quartiere: l’importante è poter affrontare il proprio viaggio, breve o lungo che sia, comodamente e con tutto a portata di mano.

G-RO è riciclabile al 100%: è stato realizzato con materiali waterproof ultra resistenti (garantiti a vita) e ruote brevettate, a diametro più ampio, adatte a qualsiasi tipo di terreno e pavimentazione. Neanche la sabbia, il ghiaccio o le scale rappresentano degli ostacoli, contrariamente a quanto accade ora con altre tipologie di valigie. Proprio nelle sue speciali ruote risiede l’aspetto più innovativo di questo “intelligent luggage”: il peso viene distribuito meglio e la sensazione è di avere un trolley più leggero. Ma non solo: il manico in alluminio aeronautico è più lungo di circa 15 centimetri rispetto agli standard e può essere bloccato a diversi livelli.

 

G-RO_original

Un bagaglio per ogni tipo di viaggio

Tutto qui? Non proprio. L’idea alla base di G-RO è quella di soddisfare qualsiasi esigenza. Si parte per lavoro? In una tasca frontale esterna si possono inserire un pc portatile di 15 pollici e un tablet, oltre che block notes, penne e documenti, mentre in quella posteriore il passaporto o altri effetti personali, che sono così al sicuro.

Si parte per piacere? In un’altra tasca laterale si possono riporre i famosi “liquidi”. Per entrambi i casi, ecco una “charging station” incorporata che si può utilizzare, aperta, anche per sostenere il pc. Smartphone e dispositivi elettronici non saranno mai scarichi: uno scomparto interno è stato infatti progettato per accogliere un caricabatterie portatile oppure l’optional electronic module, acquistabile a parte, composto da una batteria da 23000 mAh con due porte USB e una presa universale. Computer, smartphone e tablet possono essere ricaricati contemporaneamente. E grazie al sistema GPRS e al bluetooth di cui l’optional electronic module è dotato, può essere collegato all’app dedicata in modo che la propria G-RO sia sempre sotto controllo. Un sogno che si realizza per moltissimi globe-trotter!

 

G-RO 2

“Le campagne” di crowdfunding

Naturalmente, nonostante tutta questa tecnologia, lo spazio per scarpe, vestiti e altri oggetti personali non manca di certo. L’interno  di G-RO è stato organizzato in modo che tutto possa essere sistemato nel miglior modo possibile…e nella maggiore quantità!

La campagna Kickstarter, lanciata a metà ottobre, è terminata il 13 dicembre, ma ora è possibile pre-ordinare G-RO  su indiegogo a partire dal prezzo base (scontato) di 289 dollari. Le prime spedizioni sono previste per il mese di agosto del prossimo anno.

G-RO 3

Il team di G-RO    

Il designer industriale Netta Shalgi e l’avvocato Ken Hertz, entrambi appassionati traveler sia per lavoro che per svago, sono i fondatori e gli ideatori del progetto. La loro società Travel Light LTD è stata fondata nel 2010 proprio con l’intento di innovare e rivoluzionare l’industria legata ai viaggi e alla mobilità, cercando soluzioni nuove che fossero di qualità e a prezzi competitivi per i viaggiatori del XXI secolo. E, considerando il successo ottenuto da G-RO, sembrano proprio sulla strada giusta per raggiungere il loro ambizioso obiettivo.

@MariCeliberti 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

#rESTATE in città coi bambini: 5 cose da fare a…Bologna

Dalla mostra interattiva Bologna Experience, al ciclo di eventi “Un’estate alla scoperta dell’Orto Botanico“.  Dall’appuntamento alla Serre dei Giardini Margherita allo spettacolo Sandokan al Teatro Testoni. Tutte le attività culturali e scientifiche per chi resta in città con i bambini

Megaride, l’arma segreta Ducati: un software per ottimizzare le performance dei pneumatici in pista

Megaride, la startup di Flavio Farroni che analizza la salute dei pneumatici, stringe una partnership con Ducati per ottimizzare le performance in pista. Questa l’arma segreta che ha regalato a Dovizioso la vittoria nella gara austriaca della MotoGP?

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti