Robotica

Atlas, il robot di Google che sembra (davvero) un essere umano

Atlas, il robot della Boston Dynamics, azienda acquisita da Google, ha fatto passi da gigante. Ora è capace di aprire porte, camminare con destrezza, rialzarsi in caso di cadute e, in parte, fare il magazziniere.

Atlas è tornato. Ed è più snello, più leggero, più intelligente, più preparato. Molto più simile all’uomo di quanto si potesse immaginare. Parliamo del robot umanoide che Boston Dynamics, l’azienda americana acquisita da Google nel 2013, aveva già presentato qualche anno fa.

[youtube id=”rVlhMGQgDkY”]

Un balzo tecnologico incredibile

Se si paragonano le due versioni c’è di che stupirsi per davvero. Oggi Atlas è alto 175 cm per un peso pari a 82 kg. Ha subito, cioè, una vera cura dimagrante se pensiamo che la versione precedente aveva misure decisamente più curvy: 190 cm per 156 kg.

Alimentato da un motore elettrico, questo robot antropomorfo si muove grazie ai moltissimi sensori che ne ricoprono la struttura e a leve idrauliche di ultima generazione. È dotato, inoltre, di un rilevatore LIDAR, un impulso laser che calcola la distanza dagli oggetti circostanti, e di percettori stereo inseriti direttamente nel suo cranio.

Le gambe, per dare maggiore compattezza e leggerezza alla struttura, sono state stampate in 3D. All’interno sono state collocate le parti idrauliche. Anche le valvole sono state sostituite in questa ultima versione e sono più piccole e meno pesanti. Ultimo elemento, ma non meno importante. Atlas è diventato molto più silenzioso.

new-atlas

Credits: www.bostondynamics.com

Cosa è in grado di fare

La prima cosa che si nota è che i suoi passi, e in generale tutte le sue azioni, sono diventati più sicuri. C’è più destrezza, padronanza dello spazio e coscienza degli ostacoli. Atlas oggi è capace di aprire porte e passarci in mezzo. Non spaventano nemmeno le eventuali cadute perché è in grado di rimettersi in piedi e riprendere, con serenità, la sua passeggiata. Anche in terreni accidentati e all’aperto.

Può anche svolgere alcune mansioni specifiche come sollevare scatole, spostarle e riporle in una diversa posizione. Come un esperto magazziniere. In questo tipo di operazioni viene aiutato da una telecamera stereoscopica che gli permette, insieme al sensore laser, di valutare con precisione la posizione di eventuali ostacoli.

bostondynamicsatlasrobotnextgen

Credits: www.bostondynamics.com

Boston Dynamics

Boston Dynamics è una delle aziende più importanti al mondo per quanto riguarda la robotica. Collabora ad esempio con DARPA (Defense Advanced Research Projects Agency) l’agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare.

Nel suo portfolio ci sono altri prodotti che hanno già avuto un certo riscontro di pubblico e critica. Come PETman, un vero soldato da impiegare in contesti bellici, BigDog, un robot a quattro zampe particolarmente agile o Rise, il robot capace di arrampicarsi come un insetto.

screen-shot-2016-02-23-at-9-19-36-pm

Credits: www.bostondynamics.com

Il futuro di Atlas

Molti hanno sollevato dubbi sul possibile uso a cui Atlas potrebbe essere destinato: la guerra. Per ora, però, le parole di Marc Raibert, fondatore di Boston Dynamics, si limitano solo a sottolineare la volontà dell’azienda americana di avvicinarsi alla perfezione: «Cerchiamo di costruire un umanoide che abbia la mobilità, l’agilità e l’intelligenza di un essere umano» Inquietante? Forse, ma la realtà è che, visti i risultati, aspettiamo con grande curiosità la prossima versione.

Un Commento a “Atlas, il robot di Google che sembra (davvero) un essere umano”

  1. dany

    cheb schifo e poi dopo ci lamentiamo che in parte non c’è il lavoro e poi troppo ci sarebbe da parlare

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il secolo dell’open source: 10 progetti che stanno cambiando il mondo

«Non puoi pensare di cambiare le cose combattendo la realtà esistente. Per cambiare qualcosa, costruisci un nuovo modello che renda obsoleto quello che già c’è» – Richard Buckminster Fuller.

Light Phone, il cellulare per le chiamate urgenti grande come una carta di credito

Dall’America arriva un telefono stand-alone che funziona in modo del tutto indipendente dal proprio smartphone. In questo modo è possibile lasciare il telefono a casa e utilizzare il LightPhone in tutto il mondo, senza alcun problema di segnale.

Tina la robottina: un progetto open per rendere autonomi i ragazzi disabili

Si tratta di un braccio meccanico da installare direttamente su un lato della carrozzina elettrica. Una soluzione a basso costo, pensata per aiutare i disabili ad afferrare oggetti, mangiare e aprire porte.

Netflix ci trasforma in makers: «Ecco le calze che mettono in pausa se vi addormentate»

Netflix ci vuole tutti makers. Il colosso americano ha pubblicato un video per costruire delle calze in grado di mettere in pausa i nostri programmi preferiti. Non si possono comprare: per averle bisogna rimboccarsi le maniche e seguire le istruzioni (e non è così difficile).

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup