Device

Tradizione più innovazione: dal Giappone arrivano i Bonsai volanti

Sfruttano la levitazione magnetica per rimanere sospesi in aria e stupire gli ospiti. Ma è una tecnica, assai semplice, che può essere utilizzata per tante altre piante di piccole dimensioni. Tutto nel nome dell’eco-sostenibilità.

Dal Giappone arrivano i bonsai volanti. E sembrano provenire dal futuro visto che, per davvero, rimangono sospesi senza nessun supporto. Solitamente, infatti, questi alberi in miniatura vengono coltivati, anche per lunghi anni, in piccoli vasi. Ora, invece, grazie ad Air Bonsai, lo si potrà fare a mezz’aria sfruttando la levitazione magnetica. Senza trucchi o magie, come mostra il video della campagna su kickstarter che ha raccolto, ad oggi, circa 800mila dollari.

[youtube id=”jssXjtYoDl0″]

Le caratteristiche del Bonsai

Questo gadget è stato sviluppato da una giovane startup nipponica, Hoshinchu, che ha voluto unire tradizione e innovazione. Ogni piantina è ospitata da una struttura divisa in due parti a cui sono stati dati nomi evocativi: “Energy Base” (parte inferiore) e “Little Star” (parte superiore).

Il Bonsai, ma qualunque altra pianta di piccole dimensioni, andrà trapiantato nella parte superiore e poi adagiato nella parte inferiore, costruita per lo più in porcellana, materiale molto presente nell’arte giapponese. Entrambe le metà del kit sono dotate di un magnete che dà la possibilità alla pianta di fluttuare in aria. Realmente sospesa, per lo stupore di chi guarda.

content_small_bonsai

L’innovazione sposa la cultura

Eppure questa non è solo una moda: nella cultura orientale coltivare un Bonsai ha un significato molto profondo che spesso sfugge a chi rimane affascinato da questi piccoli capolavori. Rappresenta, infatti, l’unione della natura con la creatività umana. Un legame quasi sacro.

Far  crescere un bonsai è una vera forma d’arte: per questo ogni esemplare deve rispettare dei canoni estetici precisi.

Non a caso il problema più grosso di questo prodotto sta nel fatto che l’esportazione dei Bonsai, all’esterno del Giappone, è regolamentata in maniera assai severa. Per ovviare a ciò, il team ha previsto una collaborazione con alcune realtà americane ed europee e una serie di tutorial che possano aiutare l’utente a far funzionare l’intero sistema in maniera autonoma, da casa. Inoltre, non meno importante, la startup consiglia l’acquisto di piante locali “per una questione di ecosostenibilità” e di rispetto per il proprio ambiente.

air_bonsai_02

Quanto costano

Ultimo elemento: il cartellino con il prezzo. Per avere uno di questi alberelli bisogna sborsare circa 200 dollari ma sono sono previsti anche dei prodotti più curati che possono arrivare a costare molto di più. Queste ultime versioni, la cui scelta è ampia, hanno la caratteristica di essere pezzi unici, fatti a mano ed espressione di una vera e genuina passione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Arrivano da Pisa gli anelli sensorizzati per la diagnosi precoce del Parkinson

Questi anelli speciali si indossano come un braccialetto e rivelano anche il più minimo tremore. La tecnologia, nata all’Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa permetterà di riconoscere prima la malattia.

Il Titanic tornerà a solcare il mare nel 2018 (ma arriverà a Dubai)

Clive Palmer, 61 anni, proprietario di Mineralogy e Blue Star Line, membro del Parlamento australiano, ha deciso di ricostruire la copia esatta della nave naufragata nel 1912. Sarà costruita in Cina e, nel 2018, attraverserà il Pacifico per arrivare a Dubai

La lavatrice-cyclette che ti permette di lavare i vestiti restando in forma

Simile a una cyclette, lava i panni senza elettricità: per risparmiare sfrutta la nostra attività fisica, permettendoci di bruciare calorie. L’energia può anche essere immagazzinata nella batteria, alloggiata nella ruota posteriore, per avviare il lavaggio in un secondo momento.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup