Device

Jaq, acqua salata per ricaricare lo smartphone (senza corrente elettrica)

Jaq è uno dei prodotti che ha attirato più curiosi al Mobile World Congress di Barcellona. Permette di ricaricare il proprio smartphone senza bisogno di corrente elettrica ma sfruttando l’acqua salata, alcuni processi chimici e celle combustibili.

Ricaricare lo smartphone con acqua e sale, usando cartucce naturali, facili da trasportare e da sostituire. È il sistema proposto da Jaq, creato dalla startup svedese myFC, che ha attirato molti curiosi all’ultimo Mobile World Congress di Barcellona.

myfcpower-jaq

Com’è fatto Jaq

Jaq, a differenza delle powerbank o di altri caricabatterie esterni, è un prodotto ecosostenibile perché non prevede la connessione ad alcuna presa elettrica. Il sistema è composto da celle combustibili e uno specifico quantitativo d’acqua salata. Grande quanto una tessera dell’autobus, Jaq è costituito da due parti distinte: un corpo in gomma, disponibile in diverse colorazioni e una power card (cartuccia) da inserire al suo interno.

myfc-power-jaq-collegato-ad-un-iphone_0

Come funziona

Il funzionamento è determinato da alcune reazioni chimiche in grado di produrre elettricità sufficiente per ricaricare lo smartphone. I reagenti che si combinano per generare energia sono idrogeno e ossigeno. L’energia, dunque, non viene presa dal sole ma generata, al momento, attraverso processi naturali. Ogni cartuccia, dopo aver fornito un ciclo completo di ricarica, diventa infatti inutilizzabile. Ma il suo smaltimento avviene in maniera semplice visto che è composta da plastiche riciclabili.

maxresdefault

La reazione chimica

«Il processo è abbastanza semplice» dice Bjorn Westerholm, CEO di myFC: «Se privati dei propri elettroni, gli atomi di idrogeno si caricano diventando ioni idrogeno. Essi sono in grado di muoversi tramite l’elettrolita delle celle a combustibile». A quel punto interviene il sistema di Jaq: «Una membrana apposita ne limita il movimento: l’ossigeno presente nel catodo dell’ultima cella va ad unirsi con gli ioni idrogeno. Il risultato finale è un’energia in grado di caricare per intero un’unità da 1800 mAh». Chiaro, no?

myfc-power-jaq

Costo e lancio sul mercato

Il dispositivo, che entrerà in commercio a metà 2016, costerà circa 50-60 euro mentre le singole cartucce si potranno acquistare per 2 euro. La startup, però, mette a disposizione anche la possibilità di fare un abbonamento mensile, poco meno di 5 euro, valido 24 mesi. Questo dunque è il prezzo da pagare per avere in tasca, sempre e ovunque, una ricarica per il proprio smartphone che non necessita di prese elettriche e di energia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

BreezoMeter, la startup che monitora l’inquinamento dell’aria con i big data

L’applicazione, sviluppata da una startup israeliana (premiata anche dal Presidente Obama), permetterà di conoscere, in tempo reale, i dati sull’inquinamento atmosferico in ogni strada di ogni città del globo.

Il tuo smartphone può scatenare una guerra ma non Fairphone, il telefono etico

Una startup olandese produce un telefonino “equo e solidale” con Android e nella sua ricerca di materie prime si affida al FairTrade per certificare che i minerali usati per la sua tecnologia vengano lavorati nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Come fa un telefonino a salvarti la vita in caso di terremoto?

Un gruppo di ricercatori americani ha scoperto che hackerando i telefonini ogni smartphone può diventare un sensore antisismico.

Tornano i Trojan di stato: ma quanto sono sicuri?

Una proposta di legge non ancora presentata fa discutere sulla legittimità dei Trojan di stato per perseguire i criminali. Non si tratta solo di tutelare i diritti costituzionali, ma anche quelli delle aziende