news

È in Sudafrica il primo aeroporto a energia solare dell’Africa

Il George Airport, uno dei più importanti scali del Sudafrica, con i suoi 600mila transiti annui, è il primo aeroporto a energia solare del Continente africano. È solo una delle ultime iniziative “green” portate avanti dal governo di Pretoria

È stato ufficialmente inaugurato il primo aeroporto a energia solare dell’Africa. Si tratta del George Airport, uno dei più importanti scali del Sudafrica, con i suoi 600mila transiti annui. Si trova non molto distante da Cape Town e da un’altra città importante come Port Elizabeth, nella parte meridionale del Paese.

George_Airport,_Western_Cape,_South_Africa

Una scelta sempre più “green”

«Il progetto è la dimostrazione che il governo del Sudafrica è sempre più impegnato nel campo della sostenibilità ambientale e delle energie pulite» ha dichiarato Dipuo Peters, Ministro dei Trasporti, durante l’inaugurazione del 26 febbraio scorso «Ma anche che il nostro Paese sta assumendo un ruolo di rilievo sui temi legati al cambiamento climatico».

Quello che è avvenuto in Sudafrica è frutto di una visione più ampia che coinvolge enti pubblici, compagnie aeree e aziende private: «È solo una delle iniziative che il Governo ha deciso di prendere per ridurre la sua dipendenza dalle energie inquinanti. Quello che vogliamo alimentare è il recupero economico e ambientale del nostro territorio».

aeroporto-sudafrica-energia-solare-orig-1_main

Un “passato” da dimenticare

Costruito nel 1977, replica esatta del aeroporto di Keetmanshoop, in Namibia, il George Airport era conosciuto anche come P.W. Botha Airport. Il nome fa riferimento ad uno dei presidenti sudafricani più noti (e meno apprezzati) della storia del Paese: morto nel 2006 all’età di 90 anni, ha guidato il paese per 11 anni, durante l’apartheid. A causa del suo pugno di ferro, e delle sue discutibili decisioni. viene spesso identificato come uno degli uomini più spietati del ventesimo secolo (qui la sua storia sul Guardian).

SAAairlines_SAA_750_590_90_s

Un programma in due fasi

Il programma “green” dell’aeroporto si divide in due fasi: nella prima verrà fornita una quantità di energia pulita pari al 40 per cento dell’energia necessaria per far funzionare l’intera struttura. Alla fine del 2017, a compimento del processo, il George Airport diventerà completamente autosufficiente.

I pannelli fotovoltaici necessari sono stati installati al costo di circa un milione di dollari.

Secondo Peters questo è solo l’avvio di un piano più ampio che dovrebbe coinvolgere anche i restanti 8 aeroporti in gestione dalla campagna nazionale sudafricana. Tutto per raggiungere il traguardo che lo Stato si è posto riguardo alla riduzione delle emissioni nocive e del gas serra. Un passo importante e una buona pratica per l’intero Continente.

Ti potrebbe interessare anche

Abbandonare tutto per creare un orfanotrofio in Kenya. La storia (bella) di Torsten Kremser

La storia è quella di un giovane tedesco che, grazie alla sua organizzazione umanitaria – Cheap Impact – ha sostenuto la costruzione del Korando Educational Center. La struttura, che utilizza tecnologie sostenibili, ospita 205 bambini e offre un rifugio anche ai piccoli maltrattati.

Awa Modula, il sistema che trasforma l’aria in acqua potabile (di grande qualità)

L’innovazione, sviluppata con l’Università di Pavia, può portare l’acqua potabile dove non c’è. Il tutto senza aver bisogno di alcuna fonte e senza inquinare. È già in uso in molte nazioni e sta dando ottimi risultati.

Ecco come Emergency ha dato vita al centro cardiochirurgico più innovativo (e gratuito) dell’Africa

Grazie ad Emergency, Labbit e lo studio Tamassociati, il Sudan ha a disposizione una struttura specializzata e gratuita per curare malati provenienti da gran parte del Continente. La parola d’ordine? Innovazione.

Flo, bastano 3 dollari per cambiare la vita di una giovane donna

In molti paesi poveri il ciclo mestruale è un problema igienico importante. Questo kit innovativo per lavare e asciugare gli assorbenti riutilizzabili promette di cambiare le cose. Con soli 3 dollari di spesa.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti