Social Innovation

Project Loon, i palloni “matti” di Google per portare internet ovunque

Google vuole portare internet dove non c’è. Così ha creato il Project Loon, dove “loon”, oltre a significare “matto”, suggerisce il termine “balloon”. Si tratta, infatti, di grandi palloni aerostatici il cui percorso sarà determinato dai venti (e da un sofisticato software).

C’era una volta un mondo senza internet. Un mondo fatto di informazione cartacea, di pesanti enciclopedie sugli scaffali di casa. Un mondo senza prenotazioni on-line. Un mondo con gli elenchi telefonici e la musica nei CD. C’era un mondo, circa venticinque anni fa, in cui conoscere richiedeva tempo, molto tempo. Comunicare ne richiedeva altrettanto.

leave-the-phone-474x470

Da quando siamo entrati nell’era del World Wide Web, la nostra vita è cambiata. Condividiamo esperienze e pensieri sui social. Controlliamo il meteo mentre laviamo i denti. Scegliamo cosa visitare, dove mangiare, come viaggiare sulla base di recensioni scovate in giro per il web. Con il crowdfunding chiediamo aiuto al mondo per realizzare un progetto. E il mondo ci aiuta! Scopriamo nuovi punti di vista nel tempo di una pausa. Conosciamo persone. Intessiamo relazioni e le manteniamo vive, alimentandole attraverso internet.

Inequality-Wealth-Poor-Disparity-600x267

Eppure, quello che da noi è vissuto come quotidianità, abitudine, da altri viene totalmente ignorato. Secondo l’ultimo rapporto della Banca Mondiale, quasi il 60% della popolazione non ha accesso a internet. Diverse le cause del digital divide. In primis la diffusione di internet incontra limiti fisici come giungle, arcipelaghi, montagne. A questi si aggiungono i problemi legati al costo: basta pensare che, in alcuni paesi, una connessione a internet costa più di quanto viene guadagnato in un intero mese.

Il divario digitale esiste e va a discapito dei paesi più poveri.

Il progetto Loon

L’idea di portare internet in tutto il mondo, anche quella esiste. Ma è un’impresa ardua, che trova non pochi impedimenti. È un’impresa matta e, per questo, è stata proposta in un progetto altrettanto matto. Il Project Loon, dove “loon”, oltre a significare “matto”, suggerisce il termine “balloon”, è stato sviluppato nel Google X Lab, lo stesso in cui sono nati i Google Glass.

L’intento è quello di utilizzare palloni areostatici, posizionati nella stratosfera a un’altezza doppia rispetto a quella degli aerei commerciali, per creare una rete aerea senza fili. Molti progetti avevano già preso in esame la possibilità di usare piattaforme ad alta quota, solo che erano state pensate fisse.

maxresdefault

Fluttuare in balia dei venti

Paradossalmente, però, cercare di rimanere fermi in un posto richiede costi e complicazioni maggiori. Perciò si è optato per palloni liberi di fluttuare. Nella stratosfera i venti sono stratificati e ogni strato è caratterizzato da una corrente che si sposta in una certa direzione e a una certa velocità. Attraverso un software di calcolo molto sofisticato, viene stabilito dove un singolo pallone precisamente deve andare e, pertanto, questo viene portato nello strato di vento che si muove nella direzione giusta.

Il progetto Loon è iniziato nel 2013 con il lancio di trenta palloni in Nuova Zelanda e da allora gli sviluppi non si sono fermati. Proprio pochi giorni fa, il team responsabile del progetto ha pubblicato su Google Plus le foto dei test riguardanti la nuova piattaforma di lancio. Quest’ultima, curiosamente chiamata Chicken Little, realizzata e testata prima in Wisconsin (USA), è stata spedita a Porto Rico, a 3.500 chilometri di distanza. Lì è stata riassemblata per eseguire il lancio automatico di altri palloni test.

Chicken Little è una speciale gru, concepita per lanciare palloni enormi, in meno di 30 minuti.

loon1

Come funzionano i baloon

«Il fatto che sia una struttura trasportabile) ci permette di trasferire le nostre operazioni di volta in volta nei luoghi con venti favorevoli, per aiutarci a fornire connettività in tutto il globo», spiega Google.

I balloon utilizzati nel progetto sono realizzati in polietilene dalla Raven Aerostar. Gonfi di elio, presentano un sistema di pompaggio d’aria personalizzato, detto Croce, pensato per controllare l’altezza del pallone. Tutti i circuiti e le antenne impiegate per la comunicazione con altri palloni e con la terra si trovano in una scatoletta del peso di 10 kg. 

Un sistema di pannelli solari si occupa dell’alimentazione di giorno, mentre delle batterie accumulano l’energia necessaria per la notte. Inoltre, un paracadute controlla la discesa e l’atterraggio dei palloni da mettere fuori servizio. E in caso di imprevisti, il paracadute si apre automaticamente. Al momento la durata di un balloon è di 100 giorni, ma, secondo Google, ottimizzando il design, si può arrivare a oltre 200 giorni.

Il team vuole far decollare il progetto proprio quest’anno.

Google-Project-Loon

Dove andranno i baloon

I palloni del Project Loon sono destinati a regioni dell’America Latina, dell’Africa occidentale e dell’Asia. In particolare, si punta all’India, dove 1,1 miliardi di persone sono escluse dalla possibilità di collegarsi a internet con regolarità e in maniera attiva. Certamente internet non risulta essere un bene di prima necessità. Insomma, un volontario non si sognerebbe mai di assicurare a una famiglia una connessione quando manca acqua potabile!

Fatto sta che portare internet è portare cultura.

È portare la cultura del millennio in cui viviamo. E se è giusto costruire scuole per emancipare, è giusto anche dotare le persone di connessione per allargare i confini della loro conoscenza, per incuriosirle e poter poi soddisfare la loro curiosità. D’altronde i frutti di questo passo avanti non verranno strettamente dalla possibilità di utilizzare internet, bensì dalle conseguenze del suo utilizzo. Altre persone entreranno a far parte di una rete globale. Abitudini, percezioni, desideri saranno nuovi e potranno essere diffusi e condivisi.

Andrea La Frazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

E se la Stampa 3D fosse già superata? Ecco il futuro 4D printable

In un presente in cui il progresso corre veloce è possibile già affermare che la stampa 3D inizi a essere “obsoleta”. Il motivo? C’è un mondo in divenire, quello del 4D printable, che si fa sempre più spazio. Ecco come.

Furl, il padiglione psico-cinetico mosso e controllato dai nostri pensieri

La Responsive Architecture, o architettura reattiva, propone strutture smart che si modificano sulla base delle caratteristiche delle persone che ospitano. Come Furl, il padiglione di ultima generazione che si controlla con il pensiero.

Lo stilo tattile che rivoluziona la modellazione 3D (ispirandosi a Giotto)

Touch è uno stilo tattile che permette al designer di realizzare un progetto con il minor numero di limitazioni possibile. Imitando l’atto dello scolpire, è possibile percepire realmente il progetto a cui si lavora e il materiale di cui è fatto.

Osteoid, il tutore stampato in 3D che renderà l’ingessatura un ricordo

Osteoid è il tutore-custodia, stampato in 3D, che migliora la guarigione di arti rotti o fratturati. Mira a concentrare due componenti essenziali nell’esperienza di guarigione: la protezione da eventuali urti e l’incremento del processo di rigenerazione ossea.

Chi sono e che fanno Busrapido e le altre startup premiate a Digithon

Dopo quattro giornate di dibattiti e la presentazione di 100 pitch, la seconda edizione di Digithon si è chiusa con la proclamazione dei team vincitori. Sul podio Busrapido, piattaforma per la prenotazione di autobus con conducente, di cui ci parla il CEO Roberto Ricci

Da Starbucks a McDonald’s: quanta caffeina c’è in quello che beviamo?

Il limite massimo raccomandato è di 400 milligrammi al giorno, ma non sempre è facile realizzare in termini pratici cosa significhi. Qui una lista del contenuto della sostanza nelle principali bevande, dal caffè alla Coca-Cola