Story

1994: Bill Gates, un CD-ROM e una foresta (storia di una foto)

Nel 1994 venne pubblicata questa foto con Bill Gates, sorridente, su un albero mentre mostra un CD. Ecco come un’immagine di tecno-archeologia può raccontarci una radice del nostro pensiero tecnologico.

Un sorridente Bill Gates su un albero. Nella sua mano sinistra mostra un candido CD-ROM in grado di contenere tutta l’informazione delle due altissime pile di carta sottostanti. Siamo negli anni ’90. Una foto che promuove la relativamente nuova (per l’epoca) tecnologia del CD-ROM, che promette di compattare in pochi lucidi centimetri quadrati (anzi tondi…) tutta l’informazione cartacea. Il disco sottile che sostituisce le sottilissime pagine di carta, a centinaia e centinaia.

0*Z_n_ELqixgHZ-CiT

Come (ri)pensare la tecnologia

Si tratta di un’immagine che cattura alcuni dei nostri modi di pensare la tecnologia. Si nota innanzitutto una certa mancanza di disinvoltura. Non so quante volte in vita sua Bill Gates si sia arrampicato su un albero. Al di là della destrezza personale di Gates, è un mondo tecnologico che non emerge in modo naturale dalla foresta, come un suo risultato, ma è messo lì, letteralmente appeso.

Gli occhiali sono gli stessi che Gates usa per scrivere relazioni in Word in ufficio, così come i pantaloni e le scarpe.

Con quella pesante imbragatura su un vestito non da naturalista, l’impressione è che sia stato issato direttamente dall’ufficio dai suoi solerti collaboratori e press agent. Il senso del rischio viene ridotto a zero, con la mano destra che sembra afferrare il cavo metallico che tiene ferma la prima pila di carte. Stabilità ulteriore rispetto a funi e moschettoni. Forse è solo per non oscillare e per rimanere ben fermo di fronte all’obiettivo, ma genera un senso di stabilità (superfluo, visto che è fissato).

19th International AIDS Conference Convenes In Washington

Due strati sovrapposti (tech e natural)

Il tutto produce una sovrapposizione senza mescolamento fra due strati: business tecnologico e uno sfondo naturale. In questa immagine, la tecnologia si aggiunge alla natura, non si ibrida con essa. Qualche richiamo fra tecnologia e natura è nel bianco del CD che evoca il bianco delle pagine. Ma è richiamo indiretto, visto che la carta non è in sé natura, ma natura già lavorata in modo industriale.

Le due alte pile di fogli formano due tronchi, accostati a un tronco vero — marrone — e agli altri alberi nella rigogliosa foresta. Una foresta un po’ scura, con un sottobosco lì in fondo che non fa vedere neanche dove inizi. Le uniche zone di luce sono il CD-ROM, naturalmente, e le due colonne di carta. Luce in colonna che richiama il cerchio di candida luminosità del CD, compressione estrema della due alte colonne di carta.

1*JB5ToKh5YFl8YSpAOPmCug

Un passaggio di stati

La foto riassume un passaggio di stati:

  1. Natura: la confusione delle foglie e la rugosa superficie della corteccia. La varietà cromatica, anche se poco illuminata, della foresta.
  2. Natura in tecnologia: la bianca pila di fogli lisci, tronchi d’albero artificiali. Ogni colonna forma però degli angoli non allineati che creano una loro rugosità, anche se più morbida del legno, dato che è cartacea. Una natura non ancora “tecnologizzata”, una tecnologia ancora imperfetta.
  3. Tecnologia: l’ordine perfetto del cerchio del CD e del suo candore. Luna luminosa dentro l’oscuro bosco.

L’evoluzione come marcia ordinata dalla confusione rizomatica di una foresta alla perfetta geometria del cerchio, passando attraverso le imperfette sbavature di inchiostro della pagina stampata. Un’evoluzione diretta da un uomo tecnologico che appare un po’ estraneo, anche se mite, in quel contesto.

Cosa è cambiato da quel 1994? La tecnologia ha un approccio diverso rispetto alla natura? Sono stati fatti molti passi avanti. La tecnologia per alcuni è addirittura una delle espressioni della natura. Ma tornare ad alcune delle radici del nostro pensiero tecnologico può essere utile per capire se la tecnologia futura sarà una rigogliosa pianta che cresce.

Stefano Pace

Post originale pubblicato su Medium Italiahttps://medium.com/italia/1994-bill-gates-un-cd-rom-e-una-foresta-dfa932ab8b34#.z44hpn2es

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Cities Unlocked: il progetto di Bill Gates per i non vedenti (con cuffie e audio 3D)

Nel mondo ci sono 39 milioni di non vedenti, e Microsoft vuole regalare loro la possibilità di guardare ciò che li circonda grazie al suono tridimensionale e alla tecnologia GPS: una sfida che parte da Londra e che vuole incontrare il pubblico entro il 2020

Il Titanic tornerà a solcare il mare nel 2018 (ma arriverà a Dubai)

Clive Palmer, 61 anni, proprietario di Mineralogy e Blue Star Line, membro del Parlamento australiano, ha deciso di ricostruire la copia esatta della nave naufragata nel 1912. Sarà costruita in Cina e, nel 2018, attraverserà il Pacifico per arrivare a Dubai

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Trasformare la mano in uno strumento musicale: il sogno di due italiani negli USA

Remidi T8 è un guanto che permette di trasformare la propria mano in uno strumento e fare musica ovunque. Lo ha inventato una startup di giovani italiani che, dopo Lisbona, è stata scelta da TechStars per essere accelerata ad Austin.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup