Device

La macchina per scrivere digitale: elimina le distrazioni e salva in cloud

Freewrite è una macchina per scrivere hi-tech che permette di fare una sola cosa: scrivere. Mette al riparo dalle distrazioni che porta la rete e, allo stesso tempo, permette di salvare in cloud pagine e progetti.

È difficile riuscire a scrivere quando si è costantemente collegati alla rete. Le notifiche distraggono; la curiosità sposta l’attenzione dalla storia che abbiamo in mente al flusso invasivo delle news; le mani vagano aprendo finestre e pagine web, rallentando il ritmo della scrittura.

Si perde il gesto, tipico di chi scriveva a mano o con la macchina da scrivere.

Ma usare il computer ha i suoi lati positivi: si cancella e si riscrive più velocemente, si salva in maniera più sicura ciò che viene prodotto. Astrohaus ha deciso così di creare un device ibrido che abbia le caratteristiche migliori di questi due mondi. E si chiama Freewrite.

freewrite

Come funziona

Freewrite è una macchina per scrivere hi-tech che permette di fare una sola cosa: scrivere. Nessuna possibilità di dimostrare di essere multi-tasking. Meglio concentrarsi interamente sul romanzo, il reportage, la canzone, il progetto che si vuol realizzare.

In dotazione è presente solo una tastiera Qwerty meccanica, con i tasti che ricordano il rumore delle vecchie Olivetti e un piccolo display in inchiostro elettronico da 5,5 pollici per vedere quello che le dita producono. Inoltre ha una capacità interna di supportare più di 1 milione di pagine e una pratica maniglia per portarlo in giro senza particolari disagi.

freewrite-in-use

Una macchina per scrivere 2.0

Ha un telaio in alluminio che misura 298 x 237 x 70 millimetri e pesa poco meno di due chilogrammi. In più è previsto un modulo Wi-Fi che può essere utilizzato però, solo per salvare automaticamente i documenti in cloud tramite Dropbox, Google Drive o Evernote. È stata inserita anche una  porta USB Type-C per fare gli aggiornamenti del software e collegare il dispositivo con un computer.

e3e8e3f118c53082411b2804d8694b42_original

La sua batteria integrata ha un’autonomia di circa 4 settimane con un utilizzo medio di 30 minuti al giorno. La tastiera possiede uno switch Cherry MX Brown ed è disponibile in oltre 10 differenti layout, compreso l’italiano.

L’elemento che però desta un po’ di scalpore è il costo: circa 600 dollari.

Decisamente non pochi per un device del genere. Vale la pena di fronte a tool e app che permettono di fare la stessa cosa?

[youtube id=”K7hKv2SiZCE”]

L’evoluzione di Hemingwrite

Il progetto è l’evoluzione di Hemingwrite, il progetto che venne presentato al CES 2015 di Las Vegas e che ottenne quasi 350mila dollari da una campagna crowdfunding su Kickstarter. Dopo alcuni perfezionamenti e una maggior usabilità, Adam Leeb e Patrick Paul, i due ideatori, hanno completato il prodotto che è già disponibile per chi volesse comprarlo.

Ti potrebbe interessare anche

1994: Bill Gates, un CD-ROM e una foresta (storia di una foto)

Nel 1994 venne pubblicata questa foto con Bill Gates, sorridente, su un albero mentre mostra un CD. Ecco come un’immagine di tecno-archeologia può raccontarci una radice del nostro pensiero tecnologico.

Il linguaggio visuale e simbolico di The Noun Project | The Next News #8

Utilizzare il linguaggio visuale per raccontare una storia. The Noun Project, una delle più grandi librerie condivise di icone e simboli, permette di di affiancare alla parola scritta una modalità di narrazione innovativa, intelligente e di grande impatto.

RocketBook: con 20 euro puoi avere il quaderno che salva in cloud quello che stai scrivendo a mano

Costa pochi euro e ha letteralmente sbancato Indiegogo, ottenendo il 3000% di quanto richiesto ai finanziatori. E’ un quaderno che salva i nostri appunti e li trasferisce in digitale con un semplice tocco

Phree, la penna da un milione di dollari che scrive su ogni superficie

Si chiama Phree ed è la penna del futuro. È stata creata da una startup israeliana e ha ottenuto un milione di dollari da Kickstarter. Ora punta a diventare l’oggetto “di cui non si potrà fare a meno” unendo tradizione e innovazione.

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti