video

Gli ologrammi di Hololens? Spiegati da Microsoft in 90 secondi

Microsoft ha pubblicato un video di 90 secondi dove spiega, in maniera facile e intuitiva, come saranno gli ologrammi di Hololens, gli occhiali per la realtà aumentata che cambieranno il nostro futuro.

Gli HoloLens sono occhiali olografici, creati da Microsoft, per la realtà aumentata. Sono stati sviluppati con lo scopo di rivestire gli oggetti che ci circondano con nuovi elementi con cui interagire. Quello che si forma non è dunque un mondo diverso ma più connesso, più divertente e più funzionale. Tutto grazie a ologrammi speciali (e ad alta definizione) e allo sviluppo di un modello digitale che possa ricostruire un ambiente in tempo reale. In questo video è possibile capire come:

Come funzionano gli occhiali di Microsoft

Hololens funzionerà grazie a Windows Holografic, un sottosistema già incluso in Windows 10. Non ci sono fili ingombranti ma occorre, ovviamente, una connessione ad uno smartphone o un pc: «Le lenti  sono trasparenti e secondo le ultime indiscrezioni consentirebbero di raggiungere l’alta definizione (HD) di 1080p e 720p. Ogni lente presenta 3 strati di vetro: blu, verde e rosso, ricchi di microsolchi paralleli che diffrangono la luce».

a67d3d33-e1e5-4cf7-bf3d-dbe1befc8d8c.0

In poche parole? Gli HoloLens usano un computer olografico che permetterà di vedere, comprendere, ascoltare e interagire con gli ologrammi in ambienti come il salotto di casa, un museo, un’installazione artistica, un’aula scolastica e universitaria o l’ufficio, vivendo un’esperienza interattiva e immersiva. Ma le possibilità sono davvero molteplici, come spiega questo video:

Quando arriverà sul mercato?

La versione per il pubblico è attesa non prima del 2020 e il prezzo è ancora top-secret. Saranno comunque più economici degli Hololens Development Edition, il kit di sviluppo con cui sarà possibile creare e testare applicazioni e giochi. Una versione che sarà disponibile dal 30 marzo 2016 per una spesa di circa 3mila dollari.

Ti potrebbe interessare anche

Hai fame di tecnologia? Ecco i 25 progetti premiati con i “CES Innovation Awards”

Dalla fiera dell’innovazione di Las Vegas, sbarcano su The Next Tech i 25 progetti (pazzeschi) vincitori dei “CES Innovation Awards”. Dalla lampadina a controllo vocale al sensore che rileva le calorie nel cibo, passando per smartwatch e tablet: ecco i device che quest’anno hanno conquistato l’ambìto premio per l’innovazione.

Il casco smart che porta la realtà aumentata (e maggiore sicurezza) all’interno dei cantieri

Daqri Smart Helmet è un casco che promette di migliorare la vita nei cantieri aumentando sicurezza ed efficienza. Sfrutta la realtà aumentata e la tecnologia 4D ed è stato presentato al CES 2016 di Las Vegas.

L’israeliana uMoove cattura i movimenti oculari e secondo Forbes cambierà il mondo

La startup israeliana fondata da Yitzi Kempinski nel 2010 ha prodotto nel 2014 il primo gioco basato sul movimento oculare e oggi si prepara a conquistare il mercato della diagnostica medica con i suoi dispositivi di eye-tracking

InSight, la startup palermitana che mette la realtà aumentata al servizio dei non vedenti

A mettere in campo il progetto, un team di ingegneri dell’Università di Palermo, un gruppo eterogeneo per età e per esperienza, dove non mancano i giovani e con un obiettivo: “creare indipendenza”

Blockchain per i rifugiati: ecco come la usa (bene) la Finlandia

Il progetto con la startup locale Moni coinvolge migliaia di persone: una carta-conto e un’identità digitale memorizzate su blockchain pubbliche lavorano per l’inclusione sociale dei migranti

Airbnb vale 6,5 miliardi di euro per i ristoranti, 257 milioni a Roma

Un rapporto della piattaforma su 44 metropoli internazionali indaga l’impatto degli ospiti sulla ristorazione locale: in media spendono fra i 40 e i 100 dollari a serata, spesso nel quartiere dove alloggiano

Centy ed Eggup | Che fanno le 2 nuove startup di Digital Magics

I due nuovi progetti innovativi di Digital Magics. Ronchini: «Ci hanno convinto non solo per l’elevato valore innovativo, ma soprattutto per le risposte concrete che queste due startup hanno dato ai rispettivi mercati»