Robotica

Addibot, il robot che ripara le buche stradali (stampando in 3D)

Robert Flitsch ha creato un robot che stampa in 3D materiali per riparare buche stradali e crepe: «Il mio obiettivo? Quello di far uscire le stampanti dai laboratori e portarle all’aperto dove c’è bisogno di loro».

Alla Harvard John A. Paulson School of Engineering and Applied Sciences hanno costruito un robot, Addibot, che potrebbe risolvere il problema che hanno anche moltissime città italiane, Roma in primis: le buche stradali. È in grado, infatti, di depositare materiale stampato in 3D su diverse superfici e riparare, momentaneamente, il disagio.

Chi lo ha creato

Si chiama Robert Flitsch ha 22 anni ed è un appassionato di robotica e stampanti 3D. Durante i suoi studi si è reso conto che questi due mondi potevano convergere. Soprattutto nel momento in cui ha intuito che poteva portare la stampante fuori dall’ufficio, dal laboratorio o dal suo appartamento. Così ha creato una startup, addibots, per portare all’aria aperta questi macchinari rivoluzionari.

Mobilità è la prima regola. Aumentare lo spazio di lavoro la seconda.

E in questo modo è possibile anche stampare in 3D oggetti di maggiori dimensioni. Il robot che ha costruito, inoltre, può essere comandato a distanza e tutti i suoi spostamenti possono essere seguiti via Gps.

3d-printers-wheels-addibots-take-3d-printing-down-new-road-1

Partire dall’Hockey e arrivare alle strade

Flitsch ha costruito un robot a cui ha aggiunto una serie di ugelli che sono in grado di stampare materiale e di riversarlo nelle buche che si creano nel manto stradale o in altri tipi di pavimentazione. Per testarlo, ad esempio, è partito da uno dei templi dello sport americano: i campi ghiacciati dove si gioca ad hockey.

Addibot (il cui nome riprende la formula additive manufactoring robot) è stato capace di riparare le crepe causate dai pattini dei giocatori. Muovendosi sulle sue 4 ruote, e inclinandosi in vari modi, ha inserito del ghiaccio stampato attraverso un sistema composto da una pompa e uno scambiatore di calore.

Ice-Resurfacing-Addibot

Cosa manca ancora

Quello che stiamo raccontando è ancora un prototipo che ha enormi potenzialità. Flitsch è attualmente alla ricerca di fondi che possano permettergli di costruire un robot di grandi dimensioni e risolvere alcuni problemi tecnici legati al meccanismo interno: «Ad esempio come tenere la polvere lontano dal materiale da stampare e gestire al meglio materiali più complessi come il catrame che devono essere mantenuti ad una certa temperatura». Ma in dodici mesi è convinto di poter presentare un secondo prototipo funzionante. Vedremo.

Redazione

Fonte/Credits: https://www.seas.harvard.edu/blog/2015/12/alumni-profile-robert-flitsch-sb-15

Ti potrebbe interessare anche

C.H.I.P., il Pc da 9 dollari che ottiene un milione su kickstarter

Costa pochissimo ed è un vero e proprio computer. Si chiama C.H.I.P. e su kickstarter ha già superato ampiamente il milione di dollari di finanziamento. Sbarcherà sul mercato tra 12 mesi.

Il tuo smartphone può scatenare una guerra ma non Fairphone, il telefono etico

Una startup olandese produce un telefonino “equo e solidale” con Android e nella sua ricerca di materie prime si affida al FairTrade per certificare che i minerali usati per la sua tecnologia vengano lavorati nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Light Phone, il cellulare per le chiamate urgenti grande come una carta di credito

Dall’America arriva un telefono stand-alone che funziona in modo del tutto indipendente dal proprio smartphone. In questo modo è possibile lasciare il telefono a casa e utilizzare il LightPhone in tutto il mondo, senza alcun problema di segnale.

Bird, l’anello che trasforma il mondo in un grande schermo touch

Bird, inventato da una startup israeliana, è il device che, una volta infilato al dito, consentirà di scorrere uno schermo, spostare e afferrare le cose, rendendo qualsiasi spazio completamente interattivo.

Fare startup negli USA costa 2,3 volte di più e altri numeri per ricredersi sul venture in Italia

Un’analisi di Ciro Spedaliere (Invitalia Ventures) sul taglio degli investimenti in startup negli USA e in Italia, dove numeri raccontano una verità ai più poco nota ma che porta a riconsiderare alcuni pregiudizi sugli investimenti

VeganMaps, una TripAdvisor dedicata a vegani e vegetariani

Oltre 2000 locali vegani e vegetariani censiti nell’app dedicata a ristoranti ma anche a farmaci, bar e pasticcerie. Basta la geolocalizzazione. E intanto i consumi di carne calano del 5% l’anno