Device

La lavastoviglie a manovella che pulisce i piatti in un minuto

Circo Independent è il progetto (ancora in fase embrionale) che vuole combattere lo spreco d’acqua durante il lavaggio dei piatti. È la prima “lavastoviglie” a emissioni zero che ci farà risparmiare tempo e denaro.

Si chiama Circo Independent Dishwasher e potrebbe rivoluzionare il nostro modo di lavare piatti e pentole. Si tratta di una lavastoviglie che non utilizza energia elettrica e che completa un ciclo di lavaggio in 60 secondi. Secondo Chen Levin, il designer israeliano che l’ha creata, è la prima in assoluto a emissioni zero e che ci farà risparmiare tempo e denaro. 

Come funziona

Il progetto è ancora nelle sue fasi embrionali ed è poco più di un prototipo. Ad esempio non può riguardare grosse quantità di piatti e non è comparabile con l’efficienza delle lavastoviglie che oggi abbiamo in casa.

Hand-powered-Circo-dishwasher_2

Il suo funzionamento è manuale e avviene girando una semplice manovella. Levin ha ideato un sistema di centrifuga che diffonde l’acqua nello spazio dove vengono collocati i piatti: «Per ora un massimo di tre alla volta insieme alle stoviglie, a una pentola e un paio di bicchieri»

Una soluzione perfetta per i single o le coppie

L’acqua va inserita in un cassetto collocato nella parte bassa del dispositivo: «Non c’è bisogno che sia calda. Basta versarla, fredda, direttamente dal rubinetto e aggiungerci una tavoletta di acetato di sodio in grado di riscaldarla». Ne servono poco meno di tre litri, insieme a una piccola quantità di detersivo. Tutto senza attaccare spine alle prese di corrente: «E per asciugarli basta semplicemente aprire una finestrella e fare entrare l’aria»

circo-dishwasher-2

Abbassare i consumi d’acqua

La lavastoviglie a manovella è nata come progetto universitario e ora cerca finanziatori che permettano di migliorarne alcune funzioni. Levin è convinto che la sua sia solo una delle tante soluzioni che, nel prossimo futuro, ci daranno la possibilità di sprecare meno acqua: «Il bene più prezioso che abbiamo».

Molte ricerche americane ed europee hanno quantificato l’enorme consumo d’acqua che ogni giorno viene fatto dopo i pasti: dagli oltre 100 litri usati per il lavaggio manuale ai 7-10 usati dalla lavastoviglie a pieno carico e alta efficienza energetica. Numeri giganteschi che sono destinati, fortunatamente, a calare.

  • anna aldinucci ceruti

    Interessante. …..
    Speriamo che possono migliorare il progetto e riuscire a produrre questa lavastoviglie.

Ti potrebbe interessare anche

La lavatrice-cyclette che ti permette di lavare i vestiti restando in forma

Simile a una cyclette, lava i panni senza elettricità: per risparmiare sfrutta la nostra attività fisica, permettendoci di bruciare calorie. L’energia può anche essere immagazzinata nella batteria, alloggiata nella ruota posteriore, per avviare il lavaggio in un secondo momento.

Ravean, il piumino termico (super tecnologico) per non soffrire mai il freddo

Piumini, felpe e smanicati termici per tutte le temperature: la scommessa Ravean è un clamoroso successo su Kickstarter.

Arriva da Modena il pavimento che rileva i movimenti, i flussi e le abitudini di chi lo calpesta

Realizzato da un’azienda modenese, al primo impatto è un semplice pavimento in ceramica. Ma è dotato di un sistema sensoriale che permette di rilevare qualsiasi movimento e identificarne la natura. Testato per monitorare i flussi dei visitatori del Museo storico di Lecce, in futuro potrà essere installato nelle nostre case per rilevare, ad esempio, la caduta di anziani soli.

Quattro siciliane e un network per produrre energia dagli scarti alimentari

Risorse Smart, dall’idea di un gruppo di donne nasce un network di 73 aziende per dare nuova vita agli scarti della produzione agro-alimentare. Tutelando l’ambiente e valorizzando il territorio sognano di dare energia elettrica a 10mila abitazioni.

AXA lancia una call per le startup del Sud. Qui per partecipare

South For Tomorrow è aperta fino al al 17 ottobre. I progetti selezionati vincono un premio di 10 mila euro e un percorso di incubazione di 4 mesi, con la possibilità di vedere integrata la propria idea nell’offerta di AXA Italia