Device

Ricaricare lo smartphone con una passeggiata (ora si può)

Vibram, azienda italiana leader nel settore delle suole, ha realizzato una soluzione in grado di ricaricare il proprio telefonino semplicemente camminando. Si chiama Hero ed è in grado anche di catturare tutti i dati delle nostre passeggiate.

Il problema maggiore degli smartphone e degli altri dispositivi mobili è la durata della batteria. Servizi come Facebook o, in generale, i social media, consumano un grande quantitativo di energia e spesso già a metà giornata la batteria è già ridotta al lumicino. Un’azienda italiana, Vibram, ha realizzato una soluzione in grado di risolvere il problema con una semplice passeggiata.

Hero-Vibram

Tecnologie e sinergie

HERO, la scarpa che ricarica lo smartphone mentre si cammina, è il risultato della collaborazione tra  tre importanti realtà: il Centro di MicroBioRobotica di Pontedera (Pisa) dell’Istituto Italiano di Tecnologia; Vibram, marchio storico marchio e specializzato in suole ad alte prestazioni; InStep NanoPower, azienda statunitense specializzata nello sviluppo di soluzioni basate sulle nanotecnologie nei settori delle energie rinnovabili che si chiama

«Questo sistema, inserito perfettamente nell’intersuola della calzatura, permette di generare fino a un max di 3 Watt di potenza, con il solo effetto della normale camminata. – spiega Vibram – Il dispositivo, in grado di generare 1 Watt di potenza continua, consente quindi un accumulo di 8 Wh per una camminata di circa 8 ore».

Energia sufficiente a evitare l’esaurimento di carica dello smartphone

passeggiata-1024x538

Come si ricarica lo smartphone

L’energia accumulata durante la camminata viene trasferita attraverso una porta micro USB in grado di connettersi a qualsiasi dispositivo. Hero è anche in grado di comunicare con lo smartphone tramite Bluetooth, consentendo di tracciare in tempo reale informazioni come il livello della batteria del dispositivo, il numero di passi registrati, la posizione GPS e la temperatura del piede, rendendo praticamente superfluo indossare un altro wearable per tenere traccia della propria attività quotidiana.

Un impiego della tecnologia che apre un ampio ventaglio di possibilità di utilizzo. «Ad esempio, un sistema continuo di geolocalizzazione e riserva di carica, può agevolare le operazioni di squadre d’intervento come vigili del fuoco e corpi speciali», sottolinea Vibram. La tecnologia di Vibram HERO potrebbe essere utilizzata anche per trasformare l’energia accumulata in calore, intervenendo in condizioni climatiche particolarmente problematiche e fornendo così un valido aiuto all’utilizzatore.

Il pezzo originale è stato pubblicato sul sito della Maker Faire Rome e lo potete trovare qui

Cos’è la Maker Faire Rome

Maker Faire è il più importante spettacolo al mondo sull’innovazione. È nata nel 2006 a san Mateo, in California. Maker Faire Rome, invece, è l’edizione europea ufficiale: un evento che unisce scienza, fantascienza, tecnologia, divertimento e business dando vita a qualcosa di completamente nuovo. La prossima edizione, la quarta, si terrà dal 14 al 16 ottobre 2016 presso la Fiera di Roma. Qui, tutte le informazioni sui numeri e qui su come partecipare.

Ti potrebbe interessare anche

Felfil Evo, Il progetto che aiuta i maker ad autoprodursi la materia per la stampa 3D (con gli scarti)

Felfil Evo è il progetto di 4 eco-designer che aiuta i maker ad autoprodursi la materia per la stampa 3D usando scarti plastici e modelli mal riusciti. L’estrusore innovativo è attualmente su Kickstarter (dove ha già raccolto quasi 30mila euro).

OLO, la stampante 3D per smartphone “americana” con cuore italiano

Filippo Moroni e Pietro Gabriele sono i fondatori di Solido3D, la società romana che ha progettato OLO: dalla Maker Faire New York alla Maker Faire Rome.

TABBY EVO, l’auto elettrica e open source che si costruisce in un’ora

Costruita da OSVehicle, rappresentata la versione evoluta dell’automobile presentata alla Maker Faire Rome 2013. Più forte, più resistente, più veloce e più affidabile. Un piccolo gioiello dell’ingegni italiano.

1994: Bill Gates, un CD-ROM e una foresta (storia di una foto)

Nel 1994 venne pubblicata questa foto con Bill Gates, sorridente, su un albero mentre mostra un CD. Ecco come un’immagine di tecno-archeologia può raccontarci una radice del nostro pensiero tecnologico.

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger