Device

Lo specchio smart (e connesso) creato da un ingegnere di Google

News, notifiche e molte altre funzionalità: Max Braun, ingegnere informatico di Google, ha creato, nel suo tempo libero, uno specchio da bagno intelligente che gli permette di rimanere sempre connesso anche quando si prepara per uscire.

«Benvenuti nel mio bagno». Max Braun, ingegnere informatico di Google, è riuscito a dare vita allo specchio in cui ogni mattina osserva la sua immagine. E oggi, mentre si prepara per uscire, può leggere le ultime novità sul traffico e sul meteo, avere un promemoria degli impegni della giornata, ricevere notifiche dai social e avere sempre sott’occhio un orologio per non rischiare di fare tardi. Tutto mentre si lava i denti o si taglia la barba.

[youtube id=”hvTRA9UmJYU”]

Parola d’ordine: sperimentazione

«L’anno scorso mi sono trovato molte volte a desiderare uno specchio diverso da quello che possedevo e più vicino a quelli che si vedevano al cinema nei film di fantascienza». Così ha controllato sul web e ha visto che, in vendita, non c’era un oggetto di quel tipo. Niente che lo soddisfacesse per davvero.

Ma se una cosa non c’è, l’unica cosa che puoi fare è costruirtela.

Braun, come spiega su Medium, ha deciso di migliorare quello che era già stato fatto altrove (ne trovate un esempio su GitHub), praticando una via diversa e personale: «Ho ordinato uno specchio bidirezionale, un monitor LED da 15 pollici, una scheda di controllo che vendevano su eBay e altre componenti». Materie prime, nelle mani giuste.

smart-mirror-2

Niente touch ma comandi vocali.

Il resto? Pura sperimentazione. «Mi sono ritrovato a percorrere qualche vicolo cieco ma alla fine sono riuscito a trovare la via da seguire». I contenuti sono determinati da alcune API di Android, dall’Associated Press e da Forecast.io. Un flusso di informazioni personalizzate, soprattutto utili, che prende vita e si aggiorna autonomamente, ogni singolo giorno.

Lo specchio creato da Braun, infine, non prevede l’uso del touch screen ma funzionerà tramite il programma “Ok Google”, il supporto Android per le ricerche vocali. Il motivo è facilmente intuibile: in quei frangenti mattutini, in cui la fretta governa ogni nostro movimento, è sempre meglio avere le mani libere.

google-software-eng-max-braun-smart-mirror

Un lavoro (per ora) incompleto

Lo stesso Braun ammette che si tratta di una tecnologia costruita senza particolari pretese, nel tempo libero. Un vero “work in progress”: «Non ho dedicato molto tempo allo sviluppo del software. Ho scritto solo qualche centinaia di righe di codice e sto sperimentando diversi dispositivi per eseguirlo». Ma non per questo è certamente finita qui. L’ingegnere informatico ha deciso di occuparsene ancora e di aggiornare i suoi lettori sui progressi che seguiranno. E noi faremo lo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Bird, l’anello che trasforma il mondo in un grande schermo touch

Bird, inventato da una startup israeliana, è il device che, una volta infilato al dito, consentirà di scorrere uno schermo, spostare e afferrare le cose, rendendo qualsiasi spazio completamente interattivo.

Holus, la piattaforma olografica per lavorare, divertirsi e studiare

Una startup canadese ha creato una piattaforma che produce ologrammi in grado di intrattenere, insegnare e fare teleconferenze interattive. Dopo aver raccolto 300mila dollari su kickstarter sarà disponibile dalla prossima primavera.

Luce, temperatura, qualità dell’aria: con Beagle è tutto sotto controllo

Beagle è il device che migliora la qualità della tua vita in casa e in ufficio (ma potrà essere utilizzato anche nelle scuole). Monitorando dati e attività, ti suggerisce che cosa devi fare per stare in un ambiente salubre e confortevole.

Momo, il robodomestico low-cost (tutto italiano) dotato di “buon senso”

Aiutare l’evoluzione umana con i “robodomestici”. Ecco la mission di Momo e di Morpheos, la startup siciliana lanciata da Digital Magics. Qui l’intervista a Edoardo Scarso, uno dei fondatori.

La startup di Firenze che aiuta chi affitta camere, appartamenti e B&B. Keesy

Patrizio Donnini ha sviluppato un servizio di check-in e check-out automatizzato per chi fa home sharing. I Keesy Point, localizzati in punti strategici di arrivo come stazioni e aeroporti, sono aperti 24 ore su 24, per garantire la massima libertà di host e guest. Si parte da Firenze, poi sarà la volta di Roma, Milano e Venezia

L’ecommerce di cibo e vino Made in Basilicata, con le ricette degli chef del posto. Godebo

Il progetto di tre lucani per valorizzare i prodotti enogastronomici del territorio e portarli sul mercato nazionale e internazionale. Si possono acquistare ingredienti singoli e anche menu. E ci sono anche i video tutorial per le ricette