Breaking News

Il drone che ha sorvolato l’Area 51 (e fatto aumentare le misure di sicurezza)

Un appassionato ufologo ha fatto avvicinare un drone all’Area 51. Si tratta della base segreta americana in cui alcuni credono siano occultate le prove di contatti con forme di vita aliena. E ora i militari sono stati autorizzati a sparare a vista ai velivoli senza pilota.

L’Area 51 è uno dei luoghi più misteriosi e affascinanti del pianeta. C’è chi dice che al suo interno ci siano le prove, occultate, dell’esistenza aliena; chi sostiene che, lontano dagli occhi dell’opinione pubblica, vengano fatti esperimenti pericolosi e chi, invece, è sicuro che al suo interno si nasconda un vero arsenale di armi nucleari.

L’unico dato certo è che gli americani sono disposti a tutto pur di difenderlo dalla curiosità esterna.

charles-bolden-nasa-alieni-area-51

Un esempio? I militari sono stati autorizzati a sparare a vista ai droni che tentino di violarne lo spazio aereo. Soprattutto dopo un diretto tentativo di avvicinamento e la pubblicazione di alcuni video. Probabilmente le ultime immagini girate in quella particolare zona del deserto del Nevada.

[youtube id=”G6EFaMqEk6s”]

La bellezza della natura (e poco altro)

Il pilota in questione, Hans Faulkner, si definisce un appassionato ufologo. Come tante altre persone ha una vera ossessione per l’Area 51 e per i suoi segreti. È convinto della prima ipotesi, quella del presunto contatto alieno, e da anni prova in tutti i modi a saperne di più. I video che ha pubblicato, però, oltre a mostrare la bellezza di un luogo suggestivo, non sono stati in grado di svelare alcun mistero.

[youtube id=”D7NYOTfkeX0″]

Misure di sicurezza

Questo tentativo ha fatto innalzare ulteriormente le misure di sicurezza dell’Area 51 che è diventata ancora più impenetrabile. Anche dall’alto. Del resto parliamo di un’area grande quanto la Sardegna,  protetta dall’uomo e dalla natura. Un’area che dista solo 150 km dalla città di Las Vegas, così vicina e così diversa.

Certo è che Faulkner e gli altri teorici del complotto non si arrenderanno neanche di fronte a queste nuove autorizzazioni. Se dovranno rinunciare ai droni cercheranno un altro modo di svelare la verità continuando ad alimentare le storie intorno a uno dei luoghi più leggendari del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Atlantik Solar, l’aereo solare che ritrova le persone scomparse

In Italia scompaiono 1000 persone all’anno, sopratutto in mare. Questo drone può aiutare a trovarle. Si ricarica durante il giorno con l’energia del sole e può volare anche di notte. Ha già partecipato a missioni di ricerca e soccorso

Chi è l’archeologa che, dichiarando guerra ai tombaroli, ha vinto il TED Prize 2016

Il TED Prize 2016 è stato assegnato all’archeologo Sarah Parcak. Servendosi di immagini satellitari a infrarossi, fornite anche dalla NASA, ha sviluppato un efficace metodo per proteggere i siti più a rischio e contrastare i tombaroli

Evoluzioni e battaglie: 5 video (mozzafiato) sulle gare tra droni

Spesso sono clandestine. Altre volte organizzate per registrare video spettacolari che diventano virali. Sono le gare tra droni che negli ultimi mesi stanno spopolando in rete. E alcuni piloti sono già delle star.

I droni hanno imparato a schivare gli oggetti (grazie a un software del MIT)

I laboratori del MIT hanno pubblicato due video in cui mostrano come, grazie ad alcuni software, i droni saranno in grado di riconoscere ed evitare gli ostacoli. Una tecnologia che potrebbe fare la differenza durante operazioni di ricerca e salvataggio.

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.