Droni

Il primo mini-garage per droni (a energia solare)

Dronebox è una scatola hi-tech in grado di accogliere, conservare e ricaricare i droni. Una sorta di piccola stazione di atterraggio che potrà essere utilizzata anche durante specifiche azioni di salvataggio.

Un’azienda di Singapore ha ideato il primo mini-garage per droni. Questa scatola hi-tech è nata per provare a risolvere due tra i principali problemi che riguardano oggi questi velivoli: la breve durata della batteria e il limitato raggio d’azione. È stato sviluppato dall’azienda H3 Dynamics group e presentato ad alcune fiere specifiche come Singapore Air Show:

[youtube id=”YrZ4OQh4ZjA”]

Una stazione di emergenza (ma non solo)

Dronebox è una piccola stazione di atterraggio che ha come obiettivo quello di permettere ai droni di essere impiegati in missioni più lunghe e durature. È capace di accoglierli, di richiudersi dopo il loro ingresso e di ricaricarli attraverso un sistema efficace che sfrutta l’energia solare. In più, durante questa pausa forzata, è possibile archiviare i dati che sono stati raccolti, liberando spazio per le missioni successive.

dronebox-con-sensori-esterni

Com’è fatto (e come ricarica)

Misura 1 metro per 1 metro ed è ricoperto da pannelli solari. Nel caso che la corrente ottenuta non fosse sufficiente a completare il ciclo di ricarica, è prevista la presenza di alcune cellule di stoccaggio che ne offrono una di emergenza. Il passaggio di energia avviene, in particolare, per via induttiva come già è previsto per molti dispositivi mobili di telefonia cellulare.

dronebox-hangar-per-droni-con-ricarica

I vari Dronebox, inoltre, potranno essere connessi tra di loro. In questo modo si effettueranno monitoraggi specifici riguardo agli ambienti circostanti. Ad esempio sarà possibile fornire dati sulla situazione meteo. Tutto grazie a telecamere e particolari sensori. Nell’immaginario dei suoi creatori, sarà in grado di monitorare aree sensibili di grandi dimensioni, come prigioni, e organizzare, in situazioni di emergenza, efficaci operazioni di salvataggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il cuore di un ghiacciaio visto con gli occhi di un drone (corazzato)

Un ghiacciaio svizzero, non lontano dal Cervino, è stato immortalato da un drone corazzato, il Flyability’s Gimball. Questo velivolo, costruito per aiutare l’uomo in situazioni di emergenza, ha catturato il suo cuore con riprese mozzafiato.

Il drone che ha sorvolato l’Area 51 (e fatto aumentare le misure di sicurezza)

Un appassionato ufologo ha fatto avvicinare un drone all’Area 51. Si tratta della base segreta americana in cui alcuni credono siano occultate le prove di contatti con forme di vita aliena. E ora i militari sono stati autorizzati a sparare a vista ai velivoli senza pilota.

Monica, 23 anni, crea un drone per combattere l’inquinamento (e ora vola in Silicon Valley)

Monica Abarca, studentessa peruviana di 23 anni, ha creato un drone per combattere l’inquinamento. Ora il suo progetto arriva in California e crescerà grazie alla Singularity University.

ONAGOfly, il piccolo drone autonomo che sbanca Indiegogo (e ricorda il fallimento-Zano)

Ottenendo una quantità di fondi quasi mille volte superiore al goal prefissato, ONAGOfly si appresta ad aggredire il mercato. Un drone che decolla, viaggia e atterra in modo autonomo, scattandoti selfie e registrando video in full HD.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup