Robotica

Liam, il robot della Apple che smonta e ricicla gli smartphone

Liam è il robot della Apple che avrà un compito importantissimo: smontare i vecchi iPhone e riciclarne i pezzi. Rappresenta, una volta di più, l’impegno che l’azienda ha deciso di prendere nei confronti dell’ambiente.

Apple ha presentato Liam, un robot che diventerà presto il simbolo dell’impegno che l’azienda di Cupertino ha deciso di prendere con il Pianeta. Il suo compito, infatti, sarà quello di smontare i vecchi iPhone e riciclarne i pezzi. E sarà abile, preciso e veloce. Come dimostrato da questo video pubblicato su una pagina che Apple ha dedicato interamente al tema del Recycling:

[youtube id=”AYshVbcEmUc”]

Liam non butta via niente

Il concetto che sta alla base del progetto è che ogni pezzo potenzialmente possa avere una nuova vita. Per questo Liam, con i suoi 29 arti robotici, smonta con grande accuratezza ogni smartphone, separando i vari componenti elettronici. In più, grazie ad una piccola ventosa, riesce a catturare e dividere anche i dispositivi più piccoli e complicati da smaltire.

apple-renew-feat-1200x630-c

Lisa Jackson, portavoce per le politiche ambientali e sociali ha elencato gli impegni dell’azienda nei confronti dell’ambiente: «Circa il 93% degli impianti funziona grazie a energie derivanti da fonti innovabili. Gli stabilimenti di 23 paesi, inclusi Stati Uniti e Cina, sono arrivati addirittura al 100% di energie pulite».

Un esempio? A Sichuan, in Cina, Apple ha inaugurato un parco solare per alimentare 19 tra uffici e negozi.

Numeri impietosi

L’azienda capitanata da Tim Cook ha dunque deciso di fare un passo importante per risolvere uno dei problemi più gravosi del ventunesimo secolo: la quantità incredibile di rifiuti che l’elettronica produce ogni giorno. Dalle batterie alle fotocamere, dalle viti ai “piatti” in cui vengono ospitate le SIM. Tutto quello che può inquinare verrà raccolto e smaltito in maniera più intelligente e rispettosa.

liam-the-robot

Questa tipologia di materiali, secondo il sito dell’associazione americana Do Something, è responsabile del 70% della produzione di rifiuti tossici negli Stati Uniti d’America. Una percentuale consistente per prodotti che rappresentano solo il 2% di quello che viene gettato dai cittadini nelle discariche.

Il giudizio del MIT

Il video è stato realizzato in collaborazione con il MIT di Boston: «Liam è un robot nato per riciclare vecchi smartphone ma in futuro potrebbe anche essere usato per l’azione opposta: il loro assemblaggio». Le parole sono di Will Knight che ha raccontato il robot sul Mit Technology ReviewUn modo intelligente di creare innovazione e fare qualcosa di buono per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Apple brevetta l’iPhone che si piega e si deforma

Lo scorso 1° marzo Apple ha depositato un brevetto che riguarda i device elettronici flessibili. In futuro, cioè, l’iPhone si piegherà e fletterà tra le nostre dita. E non solo, novità anche per quanto riguarda le cuffie.

Light Phone, il cellulare per le chiamate urgenti grande come una carta di credito

Dall’America arriva un telefono stand-alone che funziona in modo del tutto indipendente dal proprio smartphone. In questo modo è possibile lasciare il telefono a casa e utilizzare il LightPhone in tutto il mondo, senza alcun problema di segnale.

ShareTheMeal, l’app che ti permette di combattere la fame nel mondo (con 40 centesimi)

Questa app, realizzata in collaborazione con il World Food Programme e con l’appoggio di Google e Apple, permette di donare pasti ai bambini denutriti e ai rifugiati siriani. Bastano 40 centesimi al giorno per contribuire a cambiare, per davvero, il mondo.

Model 01, la tastiera open a forma di farfalla (con un cuore d’Arduino)

Jesse e Kaia, due maker californiani, hanno creato una tastiera innovativa, open, con cuore e cervello d’arduino. Si chiama Model 01 ed è pronta ad aiutare milioni di dattilografi 2.0 (grazie a kickstarter).

La startup che rende accessibili le opere d’arte ai non vedenti. Tooteko

Il progetto della startup veneta ruota intorno ad un anello, in grado di riconoscere speciali sensori e far partire informazioni audio descrittive, e ad un dispositivo NFC. Ne parliamo con Serena Ruffato, ceo di Tooteko

Il nuovo servizio di Swift per il controllo dei pagamenti in tempo reale

La nuova soluzione è un elemento chiave del Customer SecurityProgram dell’azienda per aumentare i livelli di sicurezza e fiducia all’interno della comunità finanziaria