Droni

«Mettete semi nei vostri droni». E piantate 1 miliardo di alberi all’anno

BioCarbon Engineering è una startup inglese che vuole usare i droni per combattere la deforestazione. Ha sviluppato un metodo semplice e preciso tramite cui sarà possibile piantare fino a 1 miliardo di alberi all’anno.

La startup si chiama BioCarbon Engineering e il suo CEO è Lauren Fletcher, ex ingegnere della NASA. L’idea? Usare i droni per piantare 1 miliardo di alberi ogni anno per un totale di 500mila ettari nel giro di 5-7 anni, per contrastare la piaga della deforestazione, in primis in Africa e nella foresta Amazzonica. Un tentativo non solo per piantare alberi, ma soprattutto per difendere la biodiversità.

[vimeo id=”126378542″]

Non a caso il motto dell’azienda è “We are going to counter industrial scale deforestation using industrial scale reforestation”, contrastare la deforestazione su scala industriale puntando sulla riforestazione su scala industriale. Una riforestazione “di precisione” che permetterà un aumento vertiginoso del numero di alberi piantati, a un costo bassissimo, dato che le risorse umane impiegate sono pochissime.

[youtube id=”5NRNY1-8GGU”]

Partire da mappe in 3D

In una prima fase i droni sono utilizzati per mappare l’area su cui poi intervenire, creando mappe in 3D su cui poi gli esperti possono organizzare un “seeding plan”, un piano per piantare i semi dei futuri alberi, a seconda del tipo di terreno.

Mapping_rbsvk1

Non si tratta però di imitare Goethe, che si dice tenesse sempre in tasca una manciata di semi di violette per portare bellezza nel mondo.

Qui la tecnologia è più sofisticata. I droni, guidati a distanza, trasporteranno dei baccelli con al loro interno i semi germinati immersi in un gel ricco di sostanze nutritive, e voleranno a un’altezza di soli 1 o 2 metri rilasciando i baccelli, ovviamente biodegradabili, a terra, permettendo ai semi di attecchire nel terreno.

3044235-inline-i-1-this-drone-startup-has-an-ambitious-crazy-plan-to-plant-one-billion-trees-a-year

Ma il lavoro dei droni non finisce qui: dopo l’impianto, gli strumenti verranno utilizzati per voli a bassa quota per valutare la salute dei germogli e alberelli. Una sorta di tele-giardinaggio, insomma, ma molto più intensivo rispetto a quanto sarebbero in grado di fare squadre di agricoltori. Attualmente il team sta lavorando all’avvio del primo progetto di riforestazione in Sudafrica. Il primo ma non l’ultimo.

@CristinaDaRold

Ti potrebbe interessare anche

L’eco-pittura (italiana) che combatte l’inquinamento sfruttando l’energia della luce

Si chiama Airlite la tecnologia realizzata dall’Italiano Massimo Bernardoni che cancella lo smog a colpi di pennello: «Ha l’effetto di un bosco». La sua vernice green, finanziata a Shark Tank, è capace di catturare gli inquinanti sfruttando l’energia della luce.

Greenpeace: «Torniamo ad essere piccoli esploratori per salvare il mondo» | Video

Greenpeace ha pubblicato un bellissimo video per la campagna #SaveTheArctic. Il segreto? Tornare bambini per guardare il mondo con occhi diversi e ricordare di essere stati, una volta, dei piccoli esploratori.

La storia di Shubhendu: «Così creo foreste, in soli tre anni, ovunque e al costo di uno smartphone»

Shubhendu Sharma ha abbandonato il suo lavoro alla Toyota per migliorare il mondo. Così ha deciso di sviluppare Afforestt, un progetto innovativo e open source per sviluppare foreste in soli tre anni. Anche nel giardino di casa. E tutto è nato grazie a un incontro speciale.

Topher White, il 33enne che sconfigge la deforestazione usando vecchi cellulari (e la forza della rete)

Con il progetto Rainforest Connection, Topher White riesce a salvare milioni di alberi dalla deforestazione in tutto il mondo. E lo fa grazie a vecchi cellulari in disuso, sfruttando la rete e la passione di moltissime persone.

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo