Health

Il naso (elettronico) per la diagnosi precoce del cancro al polmone

È una tecnologia sviluppata e validata in Italia dall’Istituto Oncologico di Milano e dell’Università Tor Vergata di Roma. Riesce a individuare la presenza del tumore ai primissimi sintomi grazie a micro-bilance al quarzo.

Diversi studi indipendenti hanno sottolineato negli ultimi anni che il respiro di un malato di cancro presenta una differente composizione chimica rispetto all’alito di una persona sana, e che dunque può rappresentare un possibile strumento diagnostico, in particolare per il cancro al polmone. L’alterazione del metabolismo causata dalla malattia, lascia delle tracce nel sangue, e dunque l’alito prodotto dai polmoni, che sono il luogo dove si incontrano sangue e ossigeno, può rivelarsi una vera e propria “cartina tornasole” per la presenza del tumore.

naso_elettronico-800x500_c

Quello a cui gli scienziati stanno lavorando da circa 15 anni è dunque la costruzione di un “naso elettronico”, ispirato dal funzionamento dell’olfatto naturale, preciso, non invasivo e in grado di diagnosticare il tumore nelle sue fasi iniziali, ai primissimi sintomi.

Prima delle attuali tecniche diagnostiche come la broncoscopia.

Uno strumento validato anche in Italia

Oggi uno studio condotto da un team di ricercatori dell’Istituto Oncologico di Milano e dell’Università Tor Vergata di Roma, ha confermato la validità di questo “naso elettronico” per la diagnosi precoce del tumore al polmone, individuando una precisione intorno al 90% dei casi.

polmone

I risultati che hanno coinvolto un campione di 146 individui, di cui 70 con diagnosi di tumore e 76 senza segnali di malattia, sono stati pubblicati su Journal of Breath Research. Questo “naso elettronico” è in realtà uno strumento dal prezzo accessibile e la sua sperimentazione è stata possibile grazie a un finanziamento di 150 mila euro fornito dall’AIRC.

Come funziona il naso

L’analisi è semplice e soprattutto e assolutamente non invasiva per il paziente, che non deve fare altro che espirare riempendo un palloncino. Il sistema di sensori poi analizza chimicamente l’aria in esso contenuta individuando le tracce della presenza del tumore.

«I sensori che impieghiamo in questa ricerca sono otto microbilance al quarzo, cioè cristalli di quarzo di qualche decina di millimetri di dimensione. Grazie alla loro proprietà di oscillare nel tempo i cristalli di quarzo trovano impiego ad esempio negli orologi elettronici» spiega Corrado Di Natale, fra i ricercatori dell’Università Tor Vergata coinvolti. «L’oscillazione dei cristalli di quarzo dipende dalla massa. Nel momento in cui ci attacchiamo delle molecole che assorbono le molecole volatili, come quelle presenti nell’alito di una persona, il sistema aumenta la sua massa, e le oscillazioni dei cristalli di quarzo si modificano. È quindi sufficiente trasformare questo segnale in segnale digitale per trasmettere i dati al computer dove esse vengono analizzati in modo da evidenziare le differenze di composizione dell’alito. Trattandosi di sensori chimici è stato fondamentale l’apporto del Prof. Paolesse del dipartimento di chimica della nostra Università».

190847885-89835826-23c7-45e3-96c6-db17c0c2bc77

Verso una diagnosi sempre più precoce

«È una tecnologia che potrebbe essere utile in futuro per la messa a punto di un eventuale screening di popolazione a rischio per individuare chi si sta ammalando di tumore al polmone, non piuttosto chi già ne è colpito per rilevare la malattia ai primissimi sintomi» conclude Di Natale. La maggior parte delle nuove diagnosi infatti avviene a malattia conclamata, quando i sintomi sono evidenti, e spesso gli esiti risultano infausti.

@CristinaDaRold

Un Commento a “Il naso (elettronico) per la diagnosi precoce del cancro al polmone”

  1. roberto gazziero

    Buongiorno, gentilmente potrei sapere se e il caso di fare questo controllo anche se non sono un fumatore ma ho lavorato per 10 anni a contatto nella mantenzione di apparecchiature contenente amianto ?

    Vi ringrazio cordiali saluti
    roberto gazziero
    da: siracusa

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Da Melbourne arriva la prima spina dorsale bionica (lunga 3 cm)

Lunga solo 3 centimetri, è pensata per essere impiantata in un vaso sanguigno nei pressi del cervello. I primi esperimenti sugli animali hanno mostrato risultati sorprendenti, a breve la sperimentazione sull’uomo

Dopo 200 anni lo stetoscopio diventa “smart” (ispirandosi a Shazam)

Eko Devices ha creato uno stetoscopio intelligente che permette, grazie a un’app, di registrare e risentire quello che il medico ha ascoltato. Ma questo è solo il punto di partenza per un obiettivo più ambizioso: diventare lo Shazam della medicina.

Body scanning, software, stampa 3D: è traspirante e lavabile il gesso del futuro

Secondo i creativi italiani della startup biomedica Holey entro i prossimi 10 anni negli ospedali ci saranno sezioni dedicate alla progettazione informatica dei tutori per ogni tipo di frattura.

Il cerotto del futuro s’illumina, rilascia medicinali e si adatta ad ogni parte del corpo

Elastico e a base d’acqua, contiene sensori, luci led e altri dispositivi elettronici. È in grado di aderire persino alla ceramica, al titanio, al vetro e all’alluminio: ecco l’innovativo cerotto creato dagli ingegneri del Massachusetts Institute of Technology.

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashup, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup