Arte

Lo strumento con 10 pistole che “suona” una canzone di pace

Tadas Maksimovas ha costruito una “Gun Music Box”. Uno strumento musicale fatto da 10 pistole che suonano un ritmo speciale per accompagnare una canzone di pace. Ma il fine giustifica i mezzi? È arte?

Non avevo mai incontrato una storia così strana e che fosse in grado di mettermi in crisi. Credo sia la prima volta su The Next Tech. E prima di pubblicarla, credetemi, ci ho pensato molto. Poi ho deciso di lasciare a voi la decisione su quello che state per leggere e vedere. Gli ingredienti sono due: un messaggio di pace, bellissimo, ma costruito con uno strumento totalmente folle. Ma folle per davvero. Guardate questo video e scoprirete il perché:

[vimeo id=”147997021″]

Uno strumento musicale fatto di armi

Quella che vedete è una “Gun Music Box”. All’apparenza non si differenzia tanto da una qualsiasi altra scatola di musica personalizzabile che potete trovare in un negozio di giocattoli o di strumenti. Ma alla base c’è una sostituzione: sono state di fatto installate dieci pistole cariche.

Il suono? Niente melodia ma un ritmo inquietante e costante. 

the_gun_music_box_09

Chi lo ha fatto

Lo ha costruito Tadas Maksimovas un artista lituano, ma ormai londinese d’adozione, che non è nuovo a questo tipo di stranezze. Due anni fa, in occasione dello Street musicians day trasformò i propri capelli in corde di violino. Fu una delle performance più originali al mondo e che potete vedere qui:

[youtube id=”motpXYar4vk”]

L’ispirazione (e altri esempi)

Come ammette lo stesso Tadas, non si tratta di un’idea nuova. Basta fare una ricerca su google per scoprire quante volte gli strumenti musicali siano stati adattati per i motivi più strani. Fonte d’ispirazione, ad esempio, è stato il lavoro di un collega olandese, Akko Goldenbeld, che ha mostrato quale fosse il suono della sua città Eindhoven. Come? Ricostruendola in rilievo e collegandola ad un pianoforte:

[youtube id=”XdE_L-cOwM0″]

Ma perché costruirla?

Sul suo sito, Tadas racconta delle difficoltà che lui e il suo team hanno incontrato nel costruire una macchina così particolare: «Siamo partiti dall’aiuto di un maestro artigiano, Jorg Sprave, che ha costruito un prototipo usando una sola pistola». Ma non era abbastanza. Bisognava costruire qualcosa di più grande e complesso. E anche pericoloso.

The+Gun+Music+Box-3

Ma non è finita qui. C’era un problema ancora più grande: «Una volta testato dovevamo ottenere tutte le licenze per poter usare e conservare quelle armi. È stato un processo lunghissimo. Un’attesa che sembrava non finire mai». Anche le autorità alla fine hanno capito lo spirito e la volontà che guidava l’artista e hanno ceduto.

Insomma, il fine giustifica i mezzi. Anche se quest’ultimi possono uccidere.

La canzone: un inno alla pace

La ciliegina sulla torta era ovviamente la canzone: «Avevamo solo un concetto in testa da trasmettere alle persone: fate musica e smettete di fare la guerra!». Per farlo Tadas aveva bisogno di un altro aiuto: un artista che fosse abituato a comporre testi di denuncia e che fosse in grado di adattate le parole al ritmo degli spari. Uno come MC Meesijus, che qui in italia non è molto conosciuto, ma che nel suo paese ha scritto molte canzoni impegnate contro i malesseri della società e contro il terrorismo. Questo è il risultato finale:

[vimeo id=”154167784″]

Nota a margine

Ho guardato questo video molte volte. Anche adesso, mentre state leggendo. E non sono riuscito comunque a trovare una chiave di lettura definitiva di questa storia. Anche se il messaggio è positivo c’è qualcosa di fondo che non mi convince, che mi inquieta, che mi spinge ancora oggi a chiedermi se questo possa essere un modo giusto per denunciare qualcosa di intollerabile come la guerra, la morte, la perdita. È arte? Voi cosa ne pensate?

Alessandro Frau

@ilmercurio85

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Ecco come una cantante, diventata sorda, è tornata a “sentire” la musica (con il corpo) | Video

Mandy Harvey è una giovane cantante jazz diventata sorda a 18 anni. Ora, grazie a d una tecnologia innovativa (e sperimentale) creata dai laboratori di “Not Impossibile Now” è riuscita a sentire la musica con il corpo. Ecco il video, davvero emozionante, di questo meraviglioso esperimento.

Chi è l’archeologa che, dichiarando guerra ai tombaroli, ha vinto il TED Prize 2016

Il TED Prize 2016 è stato assegnato all’archeologo Sarah Parcak. Servendosi di immagini satellitari a infrarossi, fornite anche dalla NASA, ha sviluppato un efficace metodo per proteggere i siti più a rischio e contrastare i tombaroli

Google dona 25mila Chromebook ai rifugiati

Google ha stanziato 5,3 milioni di dollari per il progetto “Reconnect”. Il colosso californiano è pronto a donare 25mila Chromebook per favorire l’integrazione in un nuovo Paese e l’accesso a istruzione e informazione dei rifugiati in Germania.

Il tuo smartphone può scatenare una guerra ma non Fairphone, il telefono etico

Una startup olandese produce un telefonino “equo e solidale” con Android e nella sua ricerca di materie prime si affida al FairTrade per certificare che i minerali usati per la sua tecnologia vengano lavorati nel rispetto dell’ambiente e delle persone.

Aumento di capitale per Satispay, già raccolti 14 milioni. Obiettivo: mercato estero

Risorse da record per la startup italiana dei pagamenti digitali fondata da Alberto Dalmasso, Dario Brignone e Samuele Pinta. I fondi raccolti saranno destinati all’internazionalizzazione del prodotto. A partire dalla Germania

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

Quanto sono sicuri i tuoi sistemi? Ecco cosa ci dice il rapporto Verizon sulle violazioni informatiche

Ransomware e phishing sono in aumento, i settori finanziario e sanitario tra i più colpiti, ma anche le piccole imprese non stanno tranquille. Entusiasmo, distrazione, curiosità e incertezza sono i cavalli di Troia