Eventi

Dopo i Foo Fighters è pronta la nuova sfida di Rockin’ 1000 (ed è ancora più ambiziosa)

Un anno fa il team di Zaffagnini, e 1000 musicisti, convinsero Dave Grohl e i Foo Fighters a suonare a Cesena. Nel 2016, con Eppela, parte una nuova sfida, ancora più ambiziosa: un intero concerto con la rock band più grande del mondo.

Dopo un anno Zaffagnini e il suo team ci riprovano. Anzi, rilanciano. Per chi non avesse capito di cosa parliamo, facciamo un passo indietro: il 26 luglio del 2015 mille musicisti si radunarono a Cesena per convincere Dave Grohl e i Foo Fighters a suonare in città con un concerto speciale. Un’iniziativa, “Rockin’ 1000”, che fece il giro dei giornali di tutto il mondo e che ebbe, fortunatamente, un lieto fine.

[youtube id=”JozAmXo2bDE”]

Si può fare di più: ecco That’s Live

Ma una legge non scritta dice che i grandi eventi, per rimanere tali, devono crescere ed evolversi. Anno dopo anno. Ed è per questo che Zaffagnin, per il 2016, ha messo l’asticella più in alto organizzando un evento ancora più ambizioso. Sarà il 26 luglio, sempre a Cesena, e si chiamerà That’s Live. 

rockin1000

Non cambierà il numero dei musicisti coinvolti, che saranno sempre mille, ma solo l’obiettivo: non più una singola canzone tributo ma un vero concerto con una scaletta ben definita. Una super orchestra che farà tremare la cittadina romagnola: «La più grande del mondo». Un performance mai vista e che rappresenterebbe un tassello storico nella storia del rock italiano. E non solo.

[youtube id=”Yi-vPRGWpbQ”]

Ma per farlo serve l’aiuto di chi ama la musica

Organizzare un evento del genere comporta dei costi non indifferenti. Per far sì che il sogno diventi realtà servono 100mila euro entro il 24 maggio. Per questo il team ha deciso di affidarsi anche al crowdfunding di Eppela: attraverso una campagna specifica potranno così essere pre-ordinati i biglietti per partecipare come pubblico o per assicurarsi un posto sul palco tra i 1000 musicisti. Per quest’ultima opportunità bisogna compilare il form sul sito e sperare, ovviamente, di passare le pre-selezioni. Il 21, 22 e 23 luglio sono previsti le prove ufficiali del concerto.

3546aeab4855bf12790e6e04e80903ab

Quanto costerà il concerto

Il concerto verrà ospitato all’interno dello stadio cittadino, il Dino Mannuzzi, in cui gioca la squadra locale che milita in Serie B. La spesa per partecipare è abbastanza contenuta.

Gli organizzatori fanno sapere che serviranno 1​5 euro ​per assicurarsi un posto in curva, 2​5 euro per i distinti laterali e 3​5 euro ​in tribuna centrale.

E per chi ama la musica, ma non potrà essere presente, le porte sono spalancate: ogni contributo è ben accetto e sarà ricompensato con dei gadget studiati per l’occasione. Il countdown è partito, non resta che attendere per vedere se verrà segnato un altro, epico, gol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il robot pianista made in Italy, fatto con stampa 3D, Arduino e tanta passione

Il core business dell’azienda di Matteo Suzzi fino al 2013 è stato la riparazione di lettori di banconote e carte magnetiche. Poi il successo con TeoTronico, il robot pianista, un mix di arte e tecnologia.

Il video-promo (very old) di Spotify e di altre 9 startup famosissime | The Next News

Che tipo di video fare per pubblicizzare un prodotto o un servizio? Per scoprirlo ecco 10 esempi (old) di startup che hanno fatto scelte diverse per presentarsi, attraverso un video, al proprio pubblico.

Kurv, la chitarra “virtuale” che puoi mettere in tasca (e suonare ovunque)

Kurv è una chitarra virtuale composta da un pad e un plettro che si interfacciano con l’app dedicata. Semplice da usare e dalle dimensioni ridotte, permette a chiunque di imparare a suonare, con meno sforzo e risultati subito visibili (e udibili)

La storia di Marc Dillon: da Jolla alla Gioconda stampata in 3D (con anima rock)

Dopo 25 anni passati tra Nokia e Jolla, lo startupper “rock” Marc Dillon ha deciso di cambiare vita. Così ha fatto partire il progetto Unseen Art per rendere l’arte accessibile ai non vendenti (e non solo). Il primo passo? La Gioconda stampata in 3D.