prototipi

VAST, le mini turbine di Michael Carruth (ispirate dalle nuvole)

Micheal Carruth sta sviluppando delle mini-turbine eoliche, ad alta efficienza. Per il suo progetto, supportato dall’Università del Colorado, si è ispirato dalle nuvole e dai corsi d’acqua.

Un materiale super-adesivo ispirato dalle zampe dei gechi, tecniche di volo per i droni elaborate osservando insetti e pipistrelli: l’evoluzione ha già risolto gran parte dei problemi sui quali scienziati, ingegneri ed esperti di ogni campo si stanno ancora arrovellando. Perché non approfittarne, coniugando la natura e le idee per nuove invenzioni? È quanto ha fatto il giovane texano Michael Carruth, studente all’Università del Colorado Boulder, trasformando un’infanzia di giochi all’aperto nel progetto di design di una turbina eolica ad alta efficienza.

carruthnf

«Mi incuriosivano l’aria, il vento e la possibilità di sfruttarlo per la produzione di energia», racconta Carruth. «Per le idee su come ‘catturarla’ mi sono ispirato agli uccelli e alle vele delle barche. Osservare le nuvole e le loro interazioni col terreno è sufficiente a comprendere il senso del movimento, mentre lo scorrere dell’acqua in un ruscello aiuta a farsi un’idea dell’azione del vento».

Come funziona la turbina

Il suo progetto, che ha chiamato Vertical-Axis Sail-Turbine (VAST), consiste in due “vele” flessibili che si aprono e chiudono in base alla direzione da cui soffia il vento, in modo da massimizzare la produzione di energia. L’idea gli è venuta mentre guidava da Austin verso l’Università ed è passato davanti a un piccolo parco di normali turbine a tre lame. Si muovevano tutte a velocità differenti, alcune erano ferme, il che l’ha portato a chiedersi se fosse possibile progettare un nuovo tipo di turbina che fosse più efficiente e applicabile su piccola scala, ma allo stesso tempo non più difficile da integrare nel paesaggio rispetto ai modelli già in uso.

Al tempo Carruth era iscritto a economia, ma «non riuscivo a togliermi l’idea della turbina dalla testa», racconta. Così ci lavorava nel tempo libero, buttando giù delle bozze. «Ma non ero più interessato a studiare economia. Ho tentato la sorte con l’environmental design program, che si è rivelato una scelta più adatta a me».

Quello che mi piace del design è la libertà di espressione che permette

25866

I materiali che la compongono

Il progetto si basa sulla tipologia di turbina meno diffusa, quella ad asse verticale, che non essendo orientata riesce a “raccogliere” il vento da qualsiasi direzione provenga. La struttura principale sarà costruita in alluminio mentre le due vele aerodinamiche, pensate in modo da aprirsi e ripiegarsi in base al vento, saranno di fibra di carbonio e nylon rinforzato ripstop.

VAST è già diventato il progetto di senior design di sei ingegneri del College of Engineering and Applied Sciences alla CU Boulder, dove Carruth si è rivolto alla ricerca di qualcuno che lo aiutasse a passare da idee e disegni al prototipo. Negli ultimi due anni il progetto ha vinto fondi di ricerca per 2500 dollari, che hanno permesso di condurre i primi studi di fattibilità e coperto i costi della prototipazione.

Il pensiero (green) dietro al progetto

La struttura e le pale, a guardarle, ricordano un po’ le ali di un uccello o i petali di un fiore bianco che si muovono al vento. A dimostrazione che Carruth ha centrato il punto dell’environmental design. Lo spiega Justin Bellucci, tra gli insegnanti del giovane designer, che ha seguito la progettazione di VAST. «Insegniamo ai nostri studenti a unire elementi sociali, ecologici, culturali ed etnici nel loro approccio al design», il che (quando il lavoro è ben fatto) permette alle strutture artificiali di amalgamarsi in maniera più omogenea con l’ambiente.

«Voglio rendere il mondo un posto migliore esplorando nuovi modi di fare architettura», conferma Carruth, che ha entusiasmo da vendere, «cambiando filosoficamente il rapporto che abbiamo con i problemi. Il che richiede un differente livello di design».

@Eleonoraseeing

Fonte: http://www.colorado.edu/news/features/drawing-inspiration-nature-cu-boulder-student-designs-new-type-wind-turbine

Ti potrebbe interessare anche

Accesa (in Marocco) la centrale solare più grande del mondo

Muhammad VI, Re del Marocco, ha acceso la prima sezione della centrale solare più grande del mondo. Sarà completata nel 2018 per dare energia a un milione di case. Tutto nel luogo dove sono stati girati “Games Of Thrones”, “La Mummia” e “Il Gladiatore”.

Foglie come mini-turbine. L’albero eolico conquista (anche) Ginevra

Quest’albero, nato nel 2011, è dotato di mini-turbine al posto delle foglie. Integrandosi perfettamente nell’ambiente cittadino funziona 320 giorni all’anno anche con venti deboli.

Piccola e rivoluzionaria: ecco la microturbina italiana che porta l’energia dove non c’è

E’ portatile e a basso impatto ambientale. Grande come una moneta da un euro, riesce a trasformare piccole quantità di energia meccanica e fluidica in energia da utilizzare in aree dove la rete elettrica non è disponibile.

Vortex, le turbine eoliche senza pale (ispirate da un ponte crollato nel 1940)

Può un errore umano, commesso 75 anni fa, permettere la nascita di una nuova tecnologia? Ecco come il crollo del ponte di Tacoma, avvenuto nel 1940, ha ispirato la startup che ha cambiato il look alle turbine eoliche.

Galaxy Note 8, tutte le notizie prima del lancio

Dopo la sfortunata storia del Note 7, quest’anno Samsung spera di bissare il successo del Galaxy S8. Con un terminale munito di pennino e accessori omaggio per chi prenota subito

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Zooppa lancia il primo contest per video VR a 360°. Ecco come partecipare

C’è tempo fino al 16 ottobre, saranno selezionati i migliori video promozionali o di storytelling girati con tecnologia 360° e della durata massima di 120 secondi
Garmin è partner tecnologico dell’iniziativa e mette in palio 5 Camere VIRB 360

DevSecOps: lo sviluppo software agile attento alla sicurezza

Sviluppatori, esperti di sicurezza, reparto IT: tutti devono collaborare per creare software davvero sicuro. Un concetto che si concretizza nel DevSecOps, un modo moderno e veloce per arrivare dall’idea alla produzione senza correre rischi