Droni

Zipline, la startup che usa i droni per portare medicine in Rwanda

Zipline userà dei droni speciali, chiamati Zip, per portare medicine e sangue agli ospedali di tutto il Rwanda. Il governo, infatti, ha abbracciato questa tecnologia approvando regolamenti molto più semplici rispetto a Stati Uniti ed Europa.

Questa storia, raccontata dal giornale americano The Verge, è uno degli esempi di come i droni possono davvero migliorare il mondo. Soprattutto quando si parla di salute. Una startup, Zipline, ha annunciato che, a partire da giugno, porterà in Rwanda medicine e sacche di sangue. Un’iniziativa che ha il sostegno e l’approvazione del governo locale.

[youtube id=”t30taY9a3ZM”]

Zipline ha affermato che si tratta «del primo sistema di consegna al mondo, fatto con i droni, ad operare su scala nazionale». Il piano permetterà di portare agli ospedali i rifornimenti necessari per curare i pazienti. Il Rwanda è uno dei paesi più poveri del mondo e ha un tasso di mortalità infantile particolarmente elevato. Nonostante ciò molti passi in avanti sono stai fatti per cambiare le cose. Le morti per HIV, tubercolosi e malaria sono diminuite negli ultimi dieci anni, anche grazie agli investimenti fatti dal governo in ambito sanitario.

Il paese, però, ha seri problemi di infrastrutture.

Come ricorda Keller Rinaldo, CEO di Zipline: «Non disporre di strade asfaltate rende difficile questa possibilità». L’alternativa? Il cielo. E i droni. Gli ospedali potranno ordinare ciò che serve con un semplice sms e ricevere il tutto in tempi veramente brevi.

 635951390538260397-zipline

Zip, droni speciali

I velivoli-postini si chiamano Zip e sono stati costruiti dalla startup in base alle esigenze del servizio. Pesano circa 22 chilogrammi e possono viaggiare per circa 120 chilometri con una carica della batteria. Per orientarsi usano il GPS e la rete cellulare del Rwanda e sopportano pacchi pesanti fino a 3 chili. Pesi che vengono rilasciati tramite paracadute una volta arrivati a destinazione.

Sono dotati di cerniere  resistenti per evitare che la pioggia e il vento rovinino il materiale trasportato. Le consegne verranno effettuate in un massimo di 30 minuti, cosa che permette di eliminare la necessità di avere a bordo un sistema di refrigerazione.

34135861

La startup è stata fondata nel 2014 e ha ricevuto finanziamenti da parte di partner importanti come Sequoia Partners e Google Venture. Tra i soci compare anche Paul Allen, co-founder di Microsoft. A giugno, con una flotta di 15 droni, coprirà un territorio pari a metà della nazione africana. Alla fine dell’anno completerà il servizio. L’obiettivo è quello di replicare il servizio una tre zone bisognose del mondo.

Ma perché in Rwanda?

La domanda è più che lecita e ha una risposta molto semplice: meno leggi, meno burocrazia e più disponibilità da parte del Governo: «Per ora il lancio negli Stati Uniti è impensabile anche se crediamo che è solo una questione di tempo prima che il mercato si apra definitivamente a questo tipo di soluzioni».

zipline

Negli Stati Uniti i regolamenti federali rendono ancora complessa la pianificazione di un programma simile. Il Rwanda, invece, ha deciso di abbracciare questa tecnologia, ritenuta perfetta per rafforzare il sistema sanitario nazionale: «Salveremo tante vite in maniera sicura e affidabile». Entro il 2020 il governo haannunciato la costruzione di una rete di aeroporti per i droni e ha approvato un regolamento all’inizio del 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Il cuore di un ghiacciaio visto con gli occhi di un drone (corazzato)

Un ghiacciaio svizzero, non lontano dal Cervino, è stato immortalato da un drone corazzato, il Flyability’s Gimball. Questo velivolo, costruito per aiutare l’uomo in situazioni di emergenza, ha catturato il suo cuore con riprese mozzafiato.

Il drone che ha sorvolato l’Area 51 (e fatto aumentare le misure di sicurezza)

Un appassionato ufologo ha fatto avvicinare un drone all’Area 51. Si tratta della base segreta americana in cui alcuni credono siano occultate le prove di contatti con forme di vita aliena. E ora i militari sono stati autorizzati a sparare a vista ai velivoli senza pilota.

Il primo mini-garage per droni (a energia solare)

Dronebox è una scatola hi-tech in grado di accogliere, conservare e ricaricare i droni. Una sorta di piccola stazione di atterraggio che potrà essere utilizzata anche durante specifiche azioni di salvataggio.

ONAGOfly, il piccolo drone autonomo che sbanca Indiegogo (e ricorda il fallimento-Zano)

Ottenendo una quantità di fondi quasi mille volte superiore al goal prefissato, ONAGOfly si appresta ad aggredire il mercato. Un drone che decolla, viaggia e atterra in modo autonomo, scattandoti selfie e registrando video in full HD.

Alla scoperta delle frontiere digitali della didattica: il 5 maggio c’è l’Edu Day a L’Aquila

Si terrà in Abruzzo la seconda edizione dell’Edu Day di Microsoft, una giornata di formazione e informazione dedicata a insegnanti, animatori digitali e dirigenti scolastici sulle nuove tecnologie digitali per la didattica

La Nato aprirà un centro di Info warfare, a Helsinki

“Il centro – ha detto il ministro degli Esteri finlandese Timo Soini in conferenza stampa – è stato realizzato per sensibilizzare alle minacce ibride e a come queste possano sfruttare le vulnerabilità delle moderne società occidentali.