Eventi

In Malesia i disabili fanno immersioni: «Perché in mare siamo tutti uguali, nessuno sta in piedi»

Il Marine Discover Day è un evento che permette ai disabili di superare ogni limite apparente. Grazie a insegnanti volontari e un periodo di preparazione, gli iscritti possono immergersi e vivere un’esperienza unica. E ci si può iscrivere da ogni parte del mondo.

Per chi è costretto a vivere in sedia a rotelle il mare può rappresentare un grosso limite. C’è la paura di affondare, di non sentirsi sicuri, di non poter vivere l’esperienza di immergersi come chiunque altro. Per ovviare a tutto ciò, in Malesia, organizzano un evento che combatte questo tipo di ostacolo, facendo vivere un’esperienza unica anche a chi non può liberamente nuotare e fare immersioni. Si chiama Marine Discovery Dive ed è, davvero, incredibile:

[youtube id=”RIVtVYfTFBU”]

Il mare? Non crea discriminazioni

Se c’è una cosa che Ras Adiba Radzi, la testimonial del video, ha imparato è proprio questa: «L’ecosistema marino non si cura se hai le gambe che funzionano o no. Se sei paraplegico o tetraplegico. Se sei in grado di parlare o se sei sordo-muto. Perché quando sei sott’acqua sei costretto ad utilizzare un unico linguaggio. E tutti gli occhi hanno la stessa scintilla di meraviglia».

metd_pam_0810_pg10b

Un evento giunto alla quinta edizione

L’iniziativa è già arrivata al suo quinto anno di vita e vanta la collaborazione della Society of PSP Malesia. Le persone che intendono parteciparvi devono seguire un percorso di preparazione lungo sei mesi che comporta un impegno di due appuntamenti settimanali da tre ore ciascuno. Come ricorda Lim, presidente dell’associazione che sostiene le persone con diversi tipi di disabilita, non è uno scherzo: «Ci vuole molto coraggio e bisogna combattere le proprie paure. Ma alla fine la soddisfazione che ciascuno di loro prova ripaga ogni sforzo».

In mare siamo tutti uguali per ché nessuno può stare in piedi

metd_ec_2106_34c

Battere i record e regalare un sogno

Nel 2014 l’evento è entrato nel Malesia Book of Records: nessun altro aveva coinvolto un numero così elevato di persone disabili, ben 29. Chiunque può decidere di parteciparvi, anche se vive dall’altra parte del mondo. Anche gli insegnanti e chi aiuta durante le immersioni, pur essendo personale altamente qualificato, è completamente volontario. Per l’edizione 2016 basterà compilare questo form online. E se avete ancora dei dubbi sull’importanza di questa iniziativa vi lasciamo con un altro, incredibile, video:

[youtube id=”UD-y6u5YbWE”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

L’eredità di un Premio Nobel raccolta dalla stampa 3D. La storia (musicata) del +Lab

Al +Lab, laboratorio del Politecnico di Milano, usano i banconi che furono di Giulio Natta, Premio Nobel per la chimica nel 1963. Sopra ci sono stampanti 3D e intorno progetti innovativi e l’atmosfera della vera ricerca. Qui la storia di un luogo speciale, fatto di stagioni e musica.

La storia della 24enne che in Francia ha inventato l’Uber per i disabili (e scritto un bellissimo libro)

Wheeliz è una startup francese che viene in aiuto dei disabili con un servizio simile a Uber. La sua creatrice ha 24 anni e ha scritto un libro meraviglioso: «Non dire a mia madre che sono handicappata, lei mi crede una trapezista da circo».

La sedia a rotelle che vince le barriere architettoniche (creata da 10 universitari)

Scalevo è l’ambizioso progetto di dieci studenti svizzeri: una sedie a rotelle in grado di salire e scendere gradini e scale, migliorando il quotidiano di diversamente abili in tutto il mondo.

«Quattro corpi eseguono, quattro menti compongono». La musicoterapia hi-tech del Royal Hospital di Londra

Rosemary Johnson era una giovane e promettente violinista. Poi, a soli vent’anni, un terribile incidente cambia tutto. Oggi, grazie ad un programma speciale, è tornata a fare musica e a suonare con il Il Bergersen Quartet.

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup