Social Innovation

Il sofà intelligente di Carlo Ratti che cambia forma quando serve (o se si annoia)

Lift-Bit è il nuovo progetto di Carlo Ratti che coniuga l’Internet-of-Things al mondo dell’arredamento e del design. Il risultato è un sofà intelligente che cambia forma in base alle nostre esigenze ma anche se si annoia.

Lift-Bit: credits - Max Tomasinelli

Dopo aver esplorato le fogne delle città nel progetto Underworlds ed essere “risalito” grazie al progetto The Mile per il più alto grattacielo del mondo, Carlo Ratti si “prende una pausa” dalle grandi opere e si dedica a un oggetto molto più piccolo di un palazzo in cui racchiudere Central Park, ma altrettanto sofisticato. Nel contesto della XXI Triennale Esposizione Internazionale di Milano, che riapre le porte dopo una pausa di vent’anni, nella mostra “Stanze. Altre filosofie dell’abitare” sarà esposto in anteprima Lift-Bit. La mostra sarà aperta fino al 12 settembre 2016.

Il divano cambia forma grazie al gesto di una mano

Lift-Bit è il primo divano trasformabile a controllo digitale, realizzato da Carlo Ratti Associati e sviluppato con il supporto di Vitra, azienda svizzera specializzata nella produzione di mobili e arredamento di design. Si tratta di un sistema di arredo modulare e riconfigurabile, grazie alle tecnologie Internet-of-Things (IoT) che permettono di trasformare questo sofà, dandogli le forme più adatte al momento e alle necessità di chi lo usa.

Da poltrona a chaise longue, da letto a “paesaggio domestico”: i pouf esagonali imbottiti dotati di attuatore lineare, si sollevano e si abbassano, raddoppiando o dimezzando l’altezza di ogni singolo elemento in pochi secondi. Per controllare questa trasformazione basta un gesto della mano.

Lift-Bit Credits: Mybosswas

«Sono sempre stato colpito dal fatto che gli arredi trasformabili che si trovano in commercio sono divertenti o funzionali – ma di rado tutte le due cose insieme», spiega Carlo Ratti. «L’idea di Lift-Bit è un po’ quella di conciliare queste due dimensioni, partendo da un elemento di novità tecnologico». Il controllo esercitato dall’utilizzatore di Lift-Bit può avvenire anche tramiteun’app, capace di impostare configurazione predeterminate e di crearne di nuove.

Anche i mobili si annoiano

Il vero elemento divertente (ma anche un po’ inquietante) sta nella capacità di Lift-Bit di annoiarsi. Sì, avete capito bene. In omaggio al Generator Project, progetto del 1978 dell’architetto inglese Cedric Price, il sistema di Lift-Bit, quando è fermo per molto tempo, si annoia e per questo inizia a generare in modo autonomo nuove forme, in modo da coinvolgere gli utenti. «I mobili trasformabili non devono essere sorprendenti soltanto nella prima settimana d’uso! Al contrario, devono continuare a coinvolgere i loro proprietari. La capacità di Lift-Bit di assumere nuove configurazioni è per noi un elemento centrale» che rendono questo oggetto quasi “uno di famiglia” proprio grazie al suo “umore”.

Lift Bit ph Max Tomasinelli 12

Architettura come terza pelle

Tanti più sono i moduli di cui si compone Lift-Bit, tanto più questo mobile sarà interattivo e dinamico. Due elementi insieme disegnano una seduta. Quattro elementi, una chaise longue. Nove elementi, un ampio divano. Fino a decine di moduli esagonali, i quali possono andare a ricreare le sagome di un cratere o di un canyon. «Da tempo lavoriamo sull’ipotesi dell’architettura come una terza pelle», spiega Ratti «ovvero un ambiente capace di adattarsi alla presenza e alle esigenze di chi lo abita. Questa missione si ritrova almeno in parte nell’idea dell’Internet delle Cose, in cui tutti gli elementi della nostra casa si collegano in rete e diventano intelligenti, cioè in grado di rispondere meglio alle nostre abitudini e i nostri bisogni. E magari anche di strapparci un sorriso…».

[youtube id=”5kyre06-WrM”]

Il futuro dell’arredamento intelligente

Guardando l’evoluzione delle nostre case, Carlo Ratti fa un’ipotesi su come evolverà il nostro rapporto con gli oggetti, partendo dai primi che hanno cambiato il concetto di spazio e tempo a partire dagli anni ’50. «Nel ventesimo secolo, il frigorifero e la lavatrice sono stati decisivi nel liberare il tempo del lavoro domestico, sostenendo il percorso di emancipazione femminile e così forme sociali completamente nuove.

Negli ultimi vent’anni ciò che ha rivoluzionato di più le nostre vite è stato senza dubbio Internet, che ha completamente cambiato la nostra idea di “confine domestico”, inteso come rapporto tra pubblico e privato, e i nostri modi di comunicare. Credo che dall’intersezione tra i due mondi precedenti – ovvero l’Internet of Things, Internet delle Cose – nasceranno alcuni tra gli esperimenti più interessanti della casa di domani».

Stefania Leo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Holus, la piattaforma olografica per lavorare, divertirsi e studiare

Una startup canadese ha creato una piattaforma che produce ologrammi in grado di intrattenere, insegnare e fare teleconferenze interattive. Dopo aver raccolto 300mila dollari su kickstarter sarà disponibile dalla prossima primavera.

Light Phone, il cellulare per le chiamate urgenti grande come una carta di credito

Dall’America arriva un telefono stand-alone che funziona in modo del tutto indipendente dal proprio smartphone. In questo modo è possibile lasciare il telefono a casa e utilizzare il LightPhone in tutto il mondo, senza alcun problema di segnale.

Luce, sostenibilità e big data: a Buenos Aires pronti 91mila lampioni smart

È partito dalla Capitale argentina il progetto di una rete di illuminazione smart per le città del futuro. Pronti 91mila lampioni “intelligenti”: monitoreranno i flussi di traffico, la situazione dei parcheggi e comunicheranno con le piattaforme di controllo.

Weaving Homes, le tende “smart” per i profughi che scappano dalla Siria

Abeer Seikaly, una giovane designer di origine giordana e di cittadinanza canadese, sta progettando delle “Weaving Homes”, tende innovative che vogliono migliorare la condizione dei siriani in fuga dalla guerra.

Nasce GroupoRn (e no, non è assolutamente un fake)

Chef sexy a domicilio, manette e viaggi per single. Groupon trasforma i doppi sensi in uno spin-off dedicato a eros e seduzione: si chiama Groupo(R)n, e promette coupon e sconti su esperienze locali, viaggi e prodotti di ogni genere. Anzi, di quel genere

Ricatti, usb infette e password banali: il pericolo cresce in azienda

Il 60 per cento di tutti gli attacchi informatici è perpetrato dal personale e 1 su 4 di questi attacchi è accidentale. I dipendenti cliccano per un allarmante 23 per cento del tempo su email di phishing