Device

Con questo guanto possiamo vedere sott’acqua (imitando i delfini)

Irukatact è un guanto hi-tech che imita la capacità dei delfini di usare il sonar per rilevare gli ostacoli. In Giappone ha già dato una grande mano in casi di emergenza aiutando a salvare delle vite

Avete mai immerso un braccio in una fontana, finendo poi per bagnarvi tutto il braccio, perché la profondità era maggiore rispetto a quanto vi aspettavate? Avete mai  avuto paura di aprire gli occhi sott’acqua, perché non potete sapere in anticipo cosa vedrete sotto le onde?

I ricercatori dell’Università di Tsukuba, in Giappone, hanno inventato un guanto che permette a chi lo indossa di poter vedere sott’acqua, sfruttando la tecnologia sonar. Il guanto imita la naturale capacità dei delfini, che usano il biosonar per cacciare e orientarsi: producono ultrasuoni e percepiscono l’eco riflessa dagli ostacoli che trovano sul loro cammino.

Foto: copyright Aisencaro.com

Una tecnologia per aiutare i soccorritori

Questa tecnologia è stata utilizzata in Giappone per aiutare i soccorritori dell’area di Joso City, che si trova vicino al fiume Kinugawa. Lo scorso anno questa regione ha registrato diverse inondazioni e, grazie a questo guanto speciale, i soccorritori hanno potuto avventurarsi nelle acque torbide del fiume, senza mettere in pericolo la propria vita.

Chiamato Irukatact – una via di mezzo tra la parola giapponese che significa “delfino” e la contrazione di “tattile”- il glove è stato creato dai ricercatori Aisen Carolina Chacin e Takeshi Oozu.

[youtube id=”RDm-yDW1qxw”]

Come funziona il guanto

Fin dall’inizio, l’intento dei ricercatori è stato quello di inventare qualcosa che fosse comodamente assemblabile e facile da costruire per chiunque: è nato così un kit fai da te, stampabile in 3D. Il dispositivo è composto da un sonar, tre motori e una scheda Arduino, che viene programmata per inviare segnali alle dita.

Il guanto invia dei segnali sonar e, quando rileva un oggetto particolarmente vicino, applica un getto d’acqua ad alta pressione sulla mano.

Irukatact ha una portata di circa 60 centimentri, che possono sembrare pochi, ma possono fare la differenza tra la vita e la morte per i soccorritori che devono essere sicuri di come poter procedere in acque particolarmente torbide: «L’obiettivo – spiega Carolina Chacin – è quello di amplificare le nostre sensazioni tattili. Cioè capire come trasmettere, ad esempio, la ruvidezza di un oggetto o la sua temperatura, ma senza toccarlo». E in futuro l’obiettivo è di estendere la portata e di perfezionare un oggetto che potrà salvare molte vite.

Sara Moraca

Ti potrebbe interessare anche

Arriva DOTT: niente più animali smarriti grazie ad una medaglietta tecnologica

Se il cane smarrito passa vicino a una qualsiasi persona che abbia la app installata sul proprio smartphone, viene geolocalizzato e una notifica comunica la sua ultima posizione, memorizzata e segnalata su una mappa.

C’è anche un italiano dietro al più grande database sui caratteri delle piante

TRY è il più grande database esistente sui caratteri morfologici e funzionali delle piante. È stato realizzato con il lavoro di 14 scienziati provenienti da tutto il mondo. Tra di loro c’è anche un italiano: Bruno Cerabolini dell’Università degli Studi dell’Insubria.

FitBark, l’osso per cani hi-tech (creato da un italiano) che sta spopolando in America

È di un italiano trapiantato in America l’idea di realizzare un dispositivo che monitora lo stato di salute del nostro cane. Finanziato su Kickstarter, FitBark comunica al nostro smartphone i dati raccolti e li invia, se necessario, al nostro veterinario

Flow Hive, l’arnia innovativa che raccoglie il miele proteggendo (e salvando) le api

Flow Hive ha raccolto oltre 12 milioni di dollari da Indiegogo. Permette di estrarre imbottigliare il miele senza aprire le arnie e salvaguardando le api. Una soluzione che fa risparmiare tempo e denaro aiutando l’ambiente.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti