Nuovi Materiali

Si possono fare gli origami con fogli di grafene

Alla Cornell University sono riusciti a piegare fogli di grafene come fossero origami. È una tecnica che permetterà di costruire circuiti tridimensionali piccolissimi ma che potrebbero cambiare il mondo della robotica (e non solo).

Il concetto di partenza è facile: essendo un foglio anche il grafene può essere piegato. Come un origami. Del resto usare nuove tecnologie per recuperare tradizioni del passato è una pratica sempre più diffusa. Ed è quello che hanno cercato di fare alcuni ricercatori della Cornell University con una delle arti giapponesi più note al mondo. Un paragone facile da fare ma assai complicato da realizzare.

[youtube id=”PsIqicBrsQQ”]

Non è solo un esperimento: ma una rivoluzione

Ma perché fare degli origami con il grafene?

Non si tratta solo di una dimostrazione hi-tech ma della nascita di una vera tecnica che permetterà di fare passi avanti nell’ambito della robotica e non solo. Sarà possibile, infatti, realizzare strutture tridimensionali microscopiche, come robot e circuiti elettronici flessibili. Un’applicazione reale che ispirandosi all’antica arte nipponica diventerà una pratica comune all’interno di laboratori, università e centri di ricerca.

image-20150728-7653-1qsme3f

Piegare il foglio più sottile al mondo

Il grafene è un materiale iper-resistente. In più è anche un super conduttore elettrico. Queste sono due delle caratteristiche principali per cui è ritenuto così prezioso. Parliamo di un foglio di carbonio dello spessore di un atomo, difficilissimo perciò da trattare e, quindi, da piegare.

Per riuscire a farlo, il gruppo di scienziati capitanati da Itai Cohen, ha ricoperto il foglio in questione con il diossido di silicio, uno strato di circa mezzo nanometro (talmente piccolo che è impossibile trovare una metafora per spiegarlo meglio). La silice è un materiale che interagisce con gli atomi di carbonio in modo variabile. Se viene scaldato, o se viene attraversato da corrente elettrica, reagisce in maniera diversa: «Questo ci ha permesso di osservare come il grafene si contraeva o espandeva e, di conseguenza, siamo riusciti a piegarlo. Ma siamo arrivati al limite, non credo si possa fare di più».

[youtube id=”aC0s50Qa4Ug”]

E ora?

È lo stesso Cohen ad immaginare il passo seguente: «Immaginiamo di stampare l’intero circuito su uno di questi fogli, per poi piegarlo in una struttura tridimensionale in grado di assorbire la luce e generare corrente elettrica. Ma questa è solo una delle possibili applicazioni». L’obiettivo è quello di costruire il futuro recuperando la bellezza e l’importanza del passato. E non è un caso che alla Cornell abbiano deciso di portare all’interno del laboratorio dei veri esperti di Origami: «Con loro costruiremo delle vere cool things». E noi aspettiamo solo di vedere quali saranno.

graphene2-1200x800

Fonte: https://www.newscientist.com/article/2080818-graphene-origami-produced-by-worlds-thinnest-folds/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Directa Plus, l’azienda lombarda che depura le acque inquinate usando il grafene

L’azienda di Como ha deciso di utilizzare il grafene per le sue portentose capacità di assorbimento. E dopo aver ripulito un lago in Romania, è pronta a far partire la sperimentazione sul lago di Como. “È un superassorbente cinque volte più potente delle tecnologie tradizionali”, dice Giulio Cesareo, ad dell’azienda.

La lampadina al grafene più piccola del mondo ha lo spessore di un atomo. Illuminerà i display del futuro

La scoperta della Columbia University promette di aprire la strada all’internet ultraveloce. Intanto in Europa è partito il progetto Flagship Graphene. Obiettivo: investire un miliardo di euro per trasferire la tecnologia dai centri di ricerca all’industria.

A 18 anni inventa una nanotecnologia che prevede l’arresto cardiaco (e conquista Obama)

Ruchi Pandya, a soli 18 anni, ha inventato un device in grado di di rilevare un arresto cardiaco 72 ore prima del suo avvento. L’invenzione ha colpito anche il Presidente Obama che ha deciso di riceverla alla Casa Bianca.

È italiana la finestra del futuro che si trasforma in pannello solare

All’Università Bicocca stanno sviluppando lastre di plastica dotate di nanoparticelle in grado di catturare la luce e trasformare una finestra in un pannello solare. Il progetto vanta la collaborazione del Los Alamos National Laboratory e dell’azienda statunitense UbiQD.

Cashless, in Europa e Stati Uniti pronti a vivere senza contanti. Ma privacy e sicurezza frenano

Secondo l’ING’s International Survey Mobile Banking 2017 più di 2/3 dei consumatori europei e americani sarebbero pronti al cashless. In Turchia, Italia e Polonia più del 40% ha dichiarato di essere pronto a farlo