Green Tech

AREEA, la bevanda (italiana) che depura il corpo dagli effetti dell’inquinamento

Un team italiano, accelerato a Londra, ha creato una bevanda con un enzima in grado di depurare il nostro corpo dagli effetti dell’inquinamento. Dopo le validazioni necessarie (sì, funziona) ora è pronto per il lancio sul mercato.

Una bevanda può combattere l’inquinamento? È questa la sfida lanciata da AREEA e dai co-founder Antimo Farid Mir e Jacopo Mele. Una sfida non poco ambiziosa, quella dei due giovani imprenditori, forse la più ambiziosa di tutte. Una sfida da vincere per salvare una media di 7 milioni di persone all’anno in tutto il mondo, come stima una ricerca della World Health Organization che ha studiato gli effetti dell’inquinamento atmosferico nelle città di tutto il mondo.

_DSC8270

I primi passi di AREEA

AREEA prende forma nel Maggio del 2015 ma solo ora esce dalla modalità stealth, ovvero quella fase in cui non ci si può far vedere nel mercato. Troppe notizie sensibili, e poi bisognava avere la validazione scientifica, assicurarsi che il prodotto facesse veramente quello che prometteva.

«Jacopo è sempre stato attivo nel monitoraggio dell’aria con il suo progetto Sensoma, ma il passo successivo era quello di combattere l’inquinamento, motivo per il quale mi sono messo a spulciare tutte le ricerche accademiche ho trovato su Google Scholar» racconta Antimo.

Nasce così AREEA, da una ricerca della John Hopkins University che aveva individuato un principio attivo naturale, un enzima, in grado di depurare l’organismo umano dal benzene, la particella tossica che provoca l’insorgenza di tumori causati dall’inquinamento.

Ma le ricerche accademiche rimangono nascoste in qualche faldone nelle polverose stanze universitarie, finche qualcuno non ha l’intuizione e le commercializza.

image1

Trasformare un’idea in un drink

Antimo è quindi quello che ha avuto l’intuizione «Ho immediamente pensato di coinvolgere Jacopo data la sua passione per la materia e la sua grande rete di contatti». Jacopo Mele è uno dei giovani sotto i 30 anni più influenti d’Europa secondo Forbes e a 22 anni ha già fatto consulenza per alcune tra le maggiori multinazionali al mondo. Inoltre è il presidente di Ex Machina una fondazione che ha fornito il team iniziale ad AREEA e che conta tra i suoi membri Massimiliano Maria Longo, uno dei creativi pubblicitari più premiati al mondo.

Trasformare un’idea in un drink non è però cosa facile, soprattutto se hai studiato design.

Inizia cosi la ricerca di un tecnico alimentare che possa mettere assieme il nuovo drink e lo trovano presso la più grande azienda alimentare italiana, della quale però non possiamo rivelare il nome. Una volta fatto il drink bisogna però verificarne l’efficacia con test accademici in grado di replicare i risultati della John Hopkins. Ed è qui che entra in gioco Carmine Landi ricercatore dell’Università di Salerno con alle spalle numerose pubblicazioni scientifiche sul tema.

_DSC8014

«Sono stati alcuni dei momenti di più alta tensione, avevamo avuto l’intuizione che poteva finalmente farci arrivare al nostro obiettivo di creare un prodotto che combattesse davvero l’inquinamento atmosferico, ma fino alla fine dei test non sapevamo davvero se funzionasse»

 Anche perchè le regolamentazione su ciò che si può scrivere sulle etichette del cibo sono molto strette, soprattutto in Europa, e per fortuna. Ed è qui che entra nella squadra di AREEA Paolo Patruno, uno dei maggiori esperti di food labeling (ovvero l’etichettatura degli alimenti) in Europa.

_DSC8229

Dal prodotto all’azienda

A questo punto il prodotto c’è, bisogna solo trasformarlo in un’azienda. Ed è così che  Antimo, che ha studiato a Londra e conosce bene l’ambiente, entra in contatto con quelli di Cinnamon Bridge, l’acceleratore dedicato al food technology più importante del Regno Unito e potenzialmente d’Europa.

Cinnamon Bridge seleziona 5 startup due volte all’anno da oltre 500 application che arrivano da tutto il mondo.

«I prodotti come AREEA» racconta Kastytis Kemezys CEO di Cinnamon Bridge «sono perfetti per il mercato asiatico dove c’è una cultura millenaria riguardante il consumo di prodotti naturali per il benessere. In Europa i trend attuali parlano per lo più di senza glutine, senza lattosio ecc. AREEA invece purifica l’organismo e in occidente tendiamo ad essere scettici verso queste cose».

Come spesso accade, lo sbarco a Londra attira l’interesse dei primi investitori Daniele Nuovo, Andrea Pietrini e Andrea De Bartolis: «Capisco che siamo molto ambiziosi, AREEA vuole creare una nuova categoria di mercato a cavallo di nutraceutici e soft drink, inserendosi nello spazio che vede gli investimenti sulla salute spostarsi verso la prevenzione con prodotti mirati a demografiche giovani e sempre più attente a questo tipo di tematiche” mi racconta Antimo».

image2

Ora nuovi fondi e il lancio sul mercato

Ora si tratta di trovare i fondi per fare il grande salto dopo il lancio previsto a Settembre 2016: «Siamo molto fiduciosi, abbiamo gia l’interesse di numerosi VC a Londra tra cui uno Italiano che è particolarmente interessato ad aiutarci a scalare il prodotto in Asia dove il problema dell’inquinamento atmosferico è percepito maggiormente e dove un semplice purificatore d’aria arriva a costare migliaia di dollari». AREEA farà la sua prima uscita pubblica a SeedAndChips a Milano,11-14 Maggio, dove sarà possibile provare il drink in anteprima mondiale.

Ti potrebbe interessare anche

Directa Plus, l’azienda lombarda che depura le acque inquinate usando il grafene

L’azienda di Como ha deciso di utilizzare il grafene per le sue portentose capacità di assorbimento. E dopo aver ripulito un lago in Romania, è pronta a far partire la sperimentazione sul lago di Como. “È un superassorbente cinque volte più potente delle tecnologie tradizionali”, dice Giulio Cesareo, ad dell’azienda.

La startup trentina coi tappi di bottiglia ci fa la birra (e non è uno scherzo)

Eco-sistemi è una piccola azienda che da Trento grazie a un fondo pubblico ha trovato il modo di coniugare il riciclo virtuoso alle nuove tecnologie. Abbassando i costi e le emissioni di CO2 per ripulire le acque reflue e non solo.

A Londra la prima piscina (all’aperto) purificata dalle piante

Niente più cloro. Al King’s Cross Pond Club di Londra, il primo laghetto artificiale balneabile del Regno Unito, l’acqua viene filtrata interamente grazie a processi naturali. Sembra uno stagno ma in realtà è un modo per ristabilire l’equilibrio tra uomo e natura.

L’eco-pittura (italiana) che combatte l’inquinamento sfruttando l’energia della luce

Si chiama Airlite la tecnologia realizzata dall’Italiano Massimo Bernardoni che cancella lo smog a colpi di pennello: «Ha l’effetto di un bosco». La sua vernice green, finanziata a Shark Tank, è capace di catturare gli inquinanti sfruttando l’energia della luce.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti