Social Innovation

I progetti di Google per aiutare chi combatte la disabilità nel mondo

Google Impact Challenge Disabilities è uno degli ultimi progetti di Google per supportare le iniziative non profit che nel mondo si impegnano per aiutare il prossimo. E non è lo sviluppo di nuove tecnologie il problema ma l’accessibilità: portarle a tutti e ovunque.

Google non è solo il motore di ricerca in cui ci imbattiamo ogni giorno, ma una rete di iniziative impegnate a cambiare il mondo come lo conosciamo, partendo dal digitale. Tra queste c’è la Google Impact Challenge, nata per promuovere progetti con un impatto concreto e rivoluzionario sulla società. Cambiamento climatico, ricerca, educazione, mobilità, ma non solo.

Ben 20 milioni di dollari sono stati da poco stanziati per finanziare realtà che usano le nuove tecnologie, come la stampa 3D, per aiutare persone con disabilità. E così sembrerebbe che il problema da risolvere sia questo, ma non è così.

baic-pr-header-v-2-750xx640-360-0-0

 Il Kenya, esempio di cosa accade nel mondo

Immagina di vivere in Kenya. Hai 20 anni, probabilmente lavori da molto tempo per aiutare la tua famiglia. Hai pochi sogni, ma di quelli buoni, per cui sopporti stanchezza e sudore e vai avanti. Cammini sulla tua strada, convinto di poter costruire un futuro più sicuro. Ma è proprio quella strada che un giorno ti frega. Una mina, che sembrava una pietra, esplode. E con lei con tutti i tuoi progetti. Ricorda, sei in Kenya e questa è la vita di tutti i giorni. Da un momento all’altro cambia tutto, non sei più libero di raggiungere i tuoi obiettivi da solo perché la strada ti ha rubato una gamba, oppure una mano. Ma soprattutto i tuoi sogni.

Se fossi un cittadino, ad esempio, dell’Italia, la prima cosa che ti verrebbe in mente sarebbe un ospedale, un centro di riabilitazione dove chiedere il sostegno sanitario che ti spetta. Chiederesti un aiuto e questo avrebbe la forma di una protesi. È vero, probabilmente costosa, nemmeno bella. Ma forse con l’aiuto della tua famiglia e dei tuoi cari riusciresti a procurartene una. Qualcosa riusciresti a riconquistare.

Ma dato che vivi in Kenya, diventa difficile anche solo trovare un centro che fornisce protesi e quando lo trovi probabilmente rimarrai solo a guardarla. A sognarla.

goo1

Tecnologie, ma per pochi

Tu, come almeno il 50% della popolazione mondiale con disabilità, non puoi permetterti un’assistenza sanitaria adeguata per superare i tuoi limiti. Per riconquistare il controllo della tua vita, la tua libertà, i tuoi progetti. Il vero problema non è la mancanza di soluzioni, ma la loro accessibilità. Le tecnologie esistono, ma soddisfano solo pochi dei milioni di persone in attesa di aiuto.

Allora perché non contribuire a crearlo questo aiuto con gli strumenti che abbiamo a disposizione? Si, perché adesso possiamo lasciare il Kenya e tornare qui in Italia dove probabilmente stai leggendo questo articolo e dove gli strumenti per cambiare le cose ci sono e la volontà per farlo è tutta nelle nostre mani.

whatif-mobile-1

Google lancia un super progetto

È proprio per questo che nasce il progetto Google Impact Challenge Disabilities: supportare le iniziative non profit che nel mondo si impegnano per aiutare il prossimo. Internet, la stampa 3D, la collaborazione online. Tutto questo esiste qui e ora, basta usare un pc, condividere le proprie competenze e la propria passione per contribuire e sviluppare nuove soluzioni ai problemi che ci circondano.

Nel mondo stanno nascendo tantissime realtà che fanno proprio questo. Alcune, come E-Nable in USA e My Human Kit in Francia sono state già premiate e aiutate da Google per continuare le loro attività. Partendo dall’Italia, invece, la community di Open BioMedical Initiative è impegnata a fare la sua parte con volontari che collaborano online da due anni e attualmente a lavoro su 3 progetti biomedicali, 2 protesi e un’incubatrice neonatale. Gli strumenti per generare cambiamento sono già qui. E no, non sono stampanti 3D o pc. Sono le persone in grado di usarle, vogliose di collaborare e di perseguire un obiettivo comune. Il piano di Google è prima di tutto un investimento diretto a queste persone. Persone come te che hai appena letto questo pezzo di Rete.

[youtube id=”2xtmLc_VuzQ”]

Valentino Megale

@Quantic_Maker

Ti potrebbe interessare anche

Apple, Facebook, Google: così la Silicon Valley diventerà una nuova Versailles

Un articolo dell’Economist racconta i progetti architettonici che stanno cambiando la Silicon Valley. Rinnovabili, open space e moltissimo verde. Così presto si parlerà di nuova Versailles portando molti più turisti. Ma c’è un rischio? Forse sì.

AREEA, la bevanda (italiana) che depura il corpo dagli effetti dell’inquinamento

Un team italiano, accelerato a Londra, ha creato una bevanda con un enzima in grado di depurare il nostro corpo dagli effetti dell’inquinamento. Dopo le validazioni necessarie (sì, funziona) ora è pronto per il lancio sul mercato.

Atlas, il robot di Google che sembra (davvero) un essere umano

Atlas, il robot della Boston Dynamics, azienda acquisita da Google, ha fatto passi da gigante. Ora è capace di aprire porte, camminare con destrezza, rialzarsi in caso di cadute e, in parte, fare il magazziniere.

Google dona 25mila Chromebook ai rifugiati

Google ha stanziato 5,3 milioni di dollari per il progetto “Reconnect”. Il colosso californiano è pronto a donare 25mila Chromebook per favorire l’integrazione in un nuovo Paese e l’accesso a istruzione e informazione dei rifugiati in Germania.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti