prototipi

Jiffy, giri la manovella e ricarichi (in emergenza) fino a 6 smartphone insieme

Il prototipo in questione vuole regalare una percentuale di ricarica al nostro smartphone scarico. È pensato per i momenti di vera emergenza: ovunque e in ogni momento. Il sistema, eco-friendly, permette di ricaricare fino a 6 dispositivi in contemporanea.

Avere il proprio smartphone scarico durante un’emergenza può diventare un vero problema. Ma è anche una seccatura nel momento in cui ne avremmo bisogno per controllare una mappa, aprire una mail importante, ricevere un messaggio che può cambiarci la giornata. Jiffy è nato proprio per risolvere questo tipo di situazioni  regalando una piccola percentuale di batteria che, in molti casi, può fare la differenza.

[youtube id=”Aj6d_45giOg”]

Cos’è Jiffy

È una scatola che può ricaricare fino a 6 dispositivi contemporaneamente. Funziona manualmente, sfruttando l’energia cinetica che viene trasformata in energia elettrica da attraverso un semplice meccanismo interno. Un esempio? Per dare un 10% in più di batteria ad un iPhone 6, percentuale che può bastare a completare un’operazione rimasta in sospeso, bastano circa 2 minuti e mezzo di attività.

sfl5aguixv1iipqal0pl

«Non è un caricabatterie classico ma un device che entra in gioco in situazioni di pura emergenza e che puoi tenere in borsa o nello zaino senza, per forza, utilizzarlo con grande frequenza». Ma sai che c’è. E non si tratta di una batteria esterna, oggi così diffusa, ma di un’ultima risorsa quando tutto ormai sembra finito.

È uno dei più piccoli caricatore manuali al mondo. E può essere usato in qualunque momento, senza prese di corrente.

Un device eco-friendly

L’idea, infine, è rispettosa dell’ambiente visto che non prevede nessun tipo di energia che non sia quella generata dalla forza dell’utente. E funziona dappertutto: sia che ci si tovi in città che in mezzo alla giungla, sia che ci sia copertura internet che ci si trovi in luoghi più sperduti e isolati. In più ha anche funzionalità come quella di regalare “luce” quando se ne ha più bisogno.

37caf94c9c86d788ac9a46b3d353a3b7_original

Per finanziare e prenotare questo prototipo basta contribuire alla campagna crowdfunding attualmente in atto. Il prezzo è di 25 dollari ma con una minima aggunta si possono portare a casa anche degli accessori specifici, come un cavo multi-USB compatibile. Le consegne inizieranno durante l’estate con i primi clienti che riceveranno Jiffy nel mese di agosto.

Ti potrebbe interessare anche

Arrivano le batterie per smartphone (e per auto elettriche) a base di funghi champignon

Ionobell è una startup che lavora per sviluppare batterie economiche ed eco-friendly (per smartphone, tablet e veicoli elettrici) basate su biomassa, come i funghi: «In questo modo la batteria del tuo cellulare, dopo due anni di utilizzo, durerà il 20% in più e non il 20% in meno»

Con Ampy più ti muovi (e ti alleni) e più ricarichi il tuo smartphone

Pratico e leggero, può ricaricare uno smartphone, uno smartwatch o un qualsiasi apparecchio elettronico con una pedalata, una corsa o una passeggiata.

Dimentica ogni password e ogni codice: ora ci pensa EveryKey

È la nuova startup del re degli antivirus: John McAfee. Basterà avere in tasca il dispositivo per aprire la porta di casa, l’auto, e per loggarci sui nostri account senza bisogno di password. Il tutto con un unica “chiave” digitale.

Jaq, acqua salata per ricaricare lo smartphone (senza corrente elettrica)

Jaq è uno dei prodotti che ha attirato più curiosi al Mobile World Congress di Barcellona. Permette di ricaricare il proprio smartphone senza bisogno di corrente elettrica ma sfruttando l’acqua salata, alcuni processi chimici e celle combustibili.

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia