Device

Il collare che (forse) farà “parlare” i gatti

Il video ha raggiunto quasi un milione di visite in tre giorni. Il collare, stampato in 3D, tradurrebbe i miagolii in parole (e insulti). Il prototipo diventerà un prodotto o sarà l’ennesima strategia di comunicazione?

Tra le tante tecnologie che ci vengono segnalate ce ne sono alcune davvero divertenti. Spesso le ignoriamo ma quest’ultima ci ha fatto divertire per cui, eccoci qui. C’è un video che ha registrato oltre 700mila visite in tre giorni e che racconta di un collare prodigioso, stampato in 3D, che riuscirebbe a dare voce ai gatti. Compresi gli insulti. Non ci credete? Si chiama Catterbox ed è stato creato da Temptations, azienda che produce accessori per i nostri amici felini.

[youtube id=”zP_Aw9EMB-U”]

Come “funziona” Catterbox?

«È un modo per avvicinare ancor di più gli animali con i loro padroni» si legge sul sito ufficiale. I gatti, indossando il collare, che è ancora un prototipo, comunicano attraverso l’intensità dei loro miagolii che vengono registrati e interpretati da un particolare software interno al dispositivo e gestiti da una comoda app.

In questo modo sarebbe più facile conoscere le sue intenzioni e desideri: dal cibo alle coccole, dalla noia al fastidio

«Studi dimostrano che i gatti preferiscono rivolgersi ad altre specie rispetto alla propria. Noi abbiamo analizzato il loro modo di esprimersi e l’abbiamo tradotto per tutti quelli che vogliono migliorare il rapporto con il proprio animale domestico». O almeno così assicurano i creatori (ma noi le virgolette nel titolo le lasciamo comunque).

catterbox-collare-gatto1

Una strategia di comunicazione?

Per ora si tratta solo di un lancio che non annuncia tempistiche di realizzazione né costi del device. Insomma, la premessa è grande ma inversamente proporzionale alla fiducia che siamo disposti a concedere. Perché siamo così scettici? Perché in passato ci sono stati esempi simili e che non si sono tramutati in realtà.

Uno per tutti il dispositivo “Meowlingual Cat Translation” dell’azienda giapponese Takara Tomy. Costava 65 euro e prometteva le stesse cose. Da allora, però, le tecnologie sono migliorate e per questo, in fondo, speriamo davvero che Catterbox possa smentirci e non rappresentare una semplice strategia di comunicazione ma un dispositivo efficace e realmente esistente.

Ti potrebbe interessare anche

Dal Georgia Tech l’algoritmo che insegna ai robot a cadere (imitando i gatti)

Kareen Liu e Sehoon Ha, all’interno del College Georgia Tech, hanno sviluppato un algoritmo che insegna ai robot a cadere: «Servirà sia per evitare danni (costosi) che per salvaguardare le persone che stanno loro vicine».

RoboBee, l’insetto-robot di Harvard che anticipa i sottomarini volanti

Al Microrobotics Lab dell’Università di Harvard l’ingegnere John Paulson ha creato RoboBee, un insetto robot capace di volare e nuotare con eguale abilità. Si tratta di un primissimo passo verso lo sviluppo di veicoli che possano passare dal cielo all’acqua senza difficoltà.

Translators4children, i volontari che traducono le cartelle cliniche dei bambini di tutto il mondo

Si chiama Translators4children la prima rete internazionale di volontariato che aiuta i bambini gravemente malati (e le famiglie) traducendo le cartelle cliniche. L’idea è di un dottore italiano e oggi conta più di 1000 iscritti.

SPENCER, il robot che (ad Amsterdam) aiuta i ritardatari a non perdere l’aereo

SPENCER, nato dalla collaborazione tra 6 Università e finanziato con fondi europei, indica ai viaggiatori ritardatari la strada più breve (e meno affollata) per raggiungere il loro volo in partenza

L’app che trova e ti mette in contatto con l’avvocato giusto | JustAvv

Il ceo Mariano Spalletti entra nel dettaglio della piattaforma online che dà la possibilità agli utenti di trovare l’avvocato adatto per risolvere ogni tipo di problema legale

A colloquio con gli insegnanti via Skype, l’idea di un Liceo Classico di Cosenza

Il dirigente scolastico Antonio Iaconianni spiega a StartupItalia! i dettagli di questa iniziativa che punta a modernizzare il liceo classico Telesio. E semplificare il rapporto tra famiglie e scuola sfruttando la tecnologia