Redazione

Mag 2, 2016

Il collare che (forse) farà “parlare” i gatti

Il video ha raggiunto quasi un milione di visite in tre giorni. Il collare, stampato in 3D, tradurrebbe i miagolii in parole (e insulti). Il prototipo diventerà un prodotto o sarà l'ennesima strategia di comunicazione?

Tra le tante tecnologie che ci vengono segnalate ce ne sono alcune davvero divertenti. Spesso le ignoriamo ma quest’ultima ci ha fatto divertire per cui, eccoci qui. C’è un video che ha registrato oltre 700mila visite in tre giorni e che racconta di un collare prodigioso, stampato in 3D, che riuscirebbe a dare voce ai gatti. Compresi gli insulti. Non ci credete? Si chiama Catterbox ed è stato creato da Temptations, azienda che produce accessori per i nostri amici felini.

[youtube id=”zP_Aw9EMB-U”]

Come “funziona” Catterbox?

«È un modo per avvicinare ancor di più gli animali con i loro padroni» si legge sul sito ufficiale. I gatti, indossando il collare, che è ancora un prototipo, comunicano attraverso l’intensità dei loro miagolii che vengono registrati e interpretati da un particolare software interno al dispositivo e gestiti da una comoda app.

In questo modo sarebbe più facile conoscere le sue intenzioni e desideri: dal cibo alle coccole, dalla noia al fastidio

«Studi dimostrano che i gatti preferiscono rivolgersi ad altre specie rispetto alla propria. Noi abbiamo analizzato il loro modo di esprimersi e l’abbiamo tradotto per tutti quelli che vogliono migliorare il rapporto con il proprio animale domestico». O almeno così assicurano i creatori (ma noi le virgolette nel titolo le lasciamo comunque).

catterbox-collare-gatto1

Una strategia di comunicazione?

Per ora si tratta solo di un lancio che non annuncia tempistiche di realizzazione né costi del device. Insomma, la premessa è grande ma inversamente proporzionale alla fiducia che siamo disposti a concedere. Perché siamo così scettici? Perché in passato ci sono stati esempi simili e che non si sono tramutati in realtà.

Uno per tutti il dispositivo “Meowlingual Cat Translation” dell’azienda giapponese Takara Tomy. Costava 65 euro e prometteva le stesse cose. Da allora, però, le tecnologie sono migliorate e per questo, in fondo, speriamo davvero che Catterbox possa smentirci e non rappresentare una semplice strategia di comunicazione ma un dispositivo efficace e realmente esistente.