video

HELP, il film apocalittico e immersivo di Google (con il regista di “Fast and Furious”)

Girato da Justin Lin, regista di Fast and Furious, racconta di una creatura aliena che arriva sulla Terra in uno scenario apocalittico. Utilizzando la tecnologia a 360°, lo spettatore può esplorare il mondo, seguire i personaggi e vivere la storia in maniera diversa.

La realtà virtuale è pronta ufficialmente a cambiare il mondo del Cinema. E Google è uno degli attori più attivi di questa trasformazione. Dopo settimane di rumors, infatti, è stato rilasciato il trailer di HELP, un cortometraggio che utilizza pienamente la tecnologia a 360° sviluppata dall’azienda di Mountain View.

[youtube id=”G-XZhKqQAHU”]

Cos’è (e cosa racconta) HELP

È un vero esperimento cinematografico guidato da un regista d’eccezione: Justin Lin. Quello di Fast & Furious e Start Trek Beyond, per capirci. HELP è ambientato a Los Angeles, in uno scenario apocalittico. Una pioggia di meteoriti ha cambiato il volto della città californiana e, tra le strade dissestate, si muove una creatura aliena, precipitata sul pianeta da chissà quale mondo lontano, pronta a portare scompiglio e devastazione.

google-spotlight-stories-fast-furious-director-justin-lin-s-360-degree-video-help-1106520-TwoByOne

Gli effetti speciali (da paura)

Ma oltre alla trama ciò che realmente colpisce è l’immersione che il film garantisce. Lo spettatore, infatti, si muove all’interno dello schermo diventando parte integrante della narrazione e sorpassando il concetto, ormai antico, di inquadratura. Esplorare l’intera scena a 360°, utilizzando semplicemente il mouse, porta chi guarda ad essere ancor più coinvolto all’interno della storia che il film racconta.

Lo sguardo si sposta, i personaggi possono essere “seguiti”, ogni angolo del film viene esplorato. È il futuro

Il trailer di HELP può essere utilizzato sia dal computer, direttamente su Youtube, che con il cardboard di Google. E promette di essere solo il primo passo di una grande camminata che ci porterà a vivere, in maniera diversa e immersiva, le narrazioni da grande schermo.

google-help-final-hed-2015

Google Spotlight Stories

HELP rientra all’interno di un progetto di Google, chiamato Spotlight Stories, disponibile per Android (ma a breve sarà rilasciato anche per iOS). L’app, che coinvolge sempre più registi di fama internazionale, è un esempio chiaro di come la tecnologia mobile possa trascinare gli utenti all’interno di un mondo a 360°. Un mondo pieno di storie bellissime.

[vimeo id=”129240342″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Aperto ad Amsterdam il primo cinema in realtà virtuale

Ad Amsterdam è attivo il primo cinema interamente dedicato alla realtà virtuale. Il biglietto costa 12,50 euro per 35 minuti di intrattenimento. Ci conquisterà o sarà solo la moda del momento?

Bird, l’anello che trasforma il mondo in un grande schermo touch

Bird, inventato da una startup israeliana, è il device che, una volta infilato al dito, consentirà di scorrere uno schermo, spostare e afferrare le cose, rendendo qualsiasi spazio completamente interattivo.

Creare un mondo 3D (e una realtà ibrida) con lo smartphone

A Trento è stato lanciato, dalla Fondazione Bruno Kessler, il progetto europeo (da 3,2 milioni euro) REPLICATE. Obiettivo: simulare effetti reali usando sofisticati modelli virtuali in 3D.

Dentro la Storia: esplorare le rovine di Chernobyl con la realtà virtuale

Il progetto di un giovane ucraino ci permetterà di esplorare le rovine di Chernobyl e riviverne il passato. Tutto a 360° grazie alla realtà virtuale.

Gli innovatori digitali a raccolta per la quinta edizione della Maker Faire Rome

Dall’1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma la Camera di Commercio, attraverso Innova Camera, organizza l’evento che toccherà, tra le altre cose, le tematiche dell’industria 4.0, dell’internet delle cose, dell’artigianato. Sul sito le call aperte per maker, scuole e università

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale